Home ATTUALITÀ Occhio a balconi e terrazzi, è tempo di nidi per i gabbiani

Occhio a balconi e terrazzi, è tempo di nidi per i gabbiani

gabbiani

A Roma se ne contano a migliaia, in particolar modo nella zona dell’Isola Tiberina dove nidificano da anni forse perché simile ad una scogliera, loro habitat naturale.

Ma anche i cornicioni di monumenti e di palazzi antichi, tetti, comignoli e abbaini del centro di Roma non si salvano dai gabbiani.

E ora che è iniziato il periodo riproduttivo si mettono alla ricerca di nuovi spazi per nidificare e, alla luce del continuo incremento del loro numero, anche terrazzi e balconi di normali palazzi e appartamenti sono a rischio. Al centro come in periferia.

Ecco quindi, suggeriti dal Dipartimento capitolino all’Ambiente, tutti gli accorgimenti da adottare per non ritrovarsi all’improvviso come ospite del proprio terrazzo o balcone una coppia di gabbiani pronta a prolificare.

Chi possiede dunque uno spazio esterno farà bene a dotarlo di protezioni (reti, grigliati, piante alte) che creino un ostacolo ma soprattutto dovrà “vivere” questi spazi pulendoli, facendo giardinaggio, stendendo i panni.

Importante poi non lasciare mai residui di cibo, non appoggiarvi, neppure temporaneamente, la busta con i rifiuti casalinghi in attesa di scendere a gettarla nel cassonetto.
La presenza di cibo attirerebbe i gabbiani in poco tempo.

E se proprio non siete riusciti ad evitare che una coppia abbia nidificato e deposto le uova – ciò avviene di norma fra marzo e giugno – sappiate che è praticamente impossibile mandarli via (tra l’altro tutti gli uccelli e i loro nidi sono protetti dal Regolamento Comunale sulla tutela degli animali) e la convivenza con loro può diventare molto difficile.

Infatti i gabbiani durante il periodo riproduttivo difendono il loro nido e i piccoli con molta decisione e possono essere aggressivi.

Il periodo più critico – sottolinea la nota del dipartimento capitolino – è quello in cui i nidiacei (che sono semi-precoci, perché già alla nascita coperti di piumino) cominciano a disperdersi intorno al nido.

Durante questo periodo, che va da poco dopo la schiusa al primo involo, a 40 giorni di età, i pulcini dipendono ancora dai genitori per essere nutriti, ma già si allontanano dal nido, per cui ci si può venire a trovare inconsapevolmente nelle vicinanze di un piccolo ed essere improvvisamente attaccati da uno degli adulti.

La raccomandazione è quindi di evitare in tutti i modi questa evenienza che può anche avere conseguenze piuttosto gravi.

Gaia Azzali

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome