Home TOR DI QUINTO Tor di Quinto, morto un pescatore sulla sponda del Tevere

Tor di Quinto, morto un pescatore sulla sponda del Tevere

Simone Giovagnoli
Simone Giovagnoli (foto dal suo profilo Facebook)

Simone Giovagnoli, 38 anni, accanito pescatore di carpe e residente a Villa Adriana, nei pressi di Tivoli, è stato trovato privo di vita all’intero della tenda che aveva montato sulla sponda del Tevere, a Tor di Quinto, dove si era recato per una battuta di pesca.

Il fatto è accaduto qualche giorno fa, ma è diventato di pubblico dominio nelle ultime ventiquattro ore.

A dare l’allarme è stato un altro pescatore che avvicinatosi alla piccola tenda ha visto il corpo accasciato del trentottenne.

118 e Polizia, subito giunti sul posto, non hanno potuto far altro che constatare il decesso. L’ipotesi più accreditata è quindi quella del decesso per cause naturali.

Il cordoglio

Profondo il cordoglio nel mondo del carpfishing laziale nel quale Simone Giovagnoli era molto noto e stimato.

Su carponline.it, sito di riferimento per gli appassionati di questo tipo di pesca, scrivono “Vogliamo ricordarlo per come era, un gigante buono. Morire così non è giusto, la vita doveva riservarti ancora molti anni di gioie e soddisfazioni. Nessuno saprà cosa hai pensato nei tuoi ultimi istanti,  ma tutti siamo convinti che lo scorrere del vecchio fiume é stata l’ultima cosa che ti ha donato questa vita. Ci mancherai tanto Simone, anche se ti avremo accanto in ogni notte di libertà.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome