Home ATTUALITÀ Nel “mondo di mezzo” niente mafia, solo corruzione

Nel “mondo di mezzo” niente mafia, solo corruzione

mafia-capitale

Va detto che il tribunale non ha individuato, per i due gruppi criminali (quello costituito presso il distributore di Corso Francia e quello riguardante gli appalti pubblici ndr), alcuna mafiosità ‘derivata’ da altre, precedenti o concomitanti formazioni criminose”.

È quanto scrivono i giudici della X sezione penale nelle circa 3.000 pagine delle motivazioni della sentenza al processo al “Mondo di mezzo”, depositate oggi. Per i giudici “le due associazioni” criminali “non sono caratterizzate neppure da mafiosità ‘autonoma‘”.

Fatti accertati di estrema gravità

“Non vi è dubbio che i fatti accertati siano di estrema gravità, intanto per il loro stesso numero, poi per essere stati i reati-fine realizzati in forma associata, con la costituzione delle due associazioni delle quali si è detto, ed infine per la durata stessa della condotta antigiuridica, che è proseguita nel tempo e che, con l’affinamento dei metodi di azione, ha creato le premesse per una permanente operatività, interrotta soltanto dalle indagini prima e dal processo poi”. È quanto sottolineano nelle 3200 pagine di motivazioni della sentenza i giudici della decima sezione penale riguardo al processo cosiddetto ‘Mafia Capitale’.

Conclusioni obbligate

“Perché ci sia il metodo mafioso “devono sussistere tre requisiti, specifici, tutti e tre necessari ed essenziali”: la forza d’intimidazione, l’assoggettamento e l’omertà. E l’articolo 416 bis del codice penale, così come concepito dal legislatore, richiede “l’attualità e la concreta operatività del metodo mafioso”.

Ebbene, la mafiosità cui più volte hanno fatto riferimento i pm della Procura di Roma nel processo al ‘Mondo di Mezzo’, “non è quella recepita dal legislatore nell’attuale formulazione della fattispecie di cui all’articolo 416 bis cp per la quale non è sufficiente il ricorso sistematico alla corruzione ed è invece necessaria l’adozione del metodo mafioso, inteso come esercizio della forza della intimidazione”.

Così hanno deciso

Lo scrivono i giudici della decima sezione penale del tribunale di Roma nelle motivazioni della sentenza con cui hanno fatto cadere il reato di associazione di stampo mafioso, infliggendo condanne per per singoli episodi di corruzione.

“Conclusioni obbligate – si legge ancora -, quelle del tribunale (si tratta, peraltro, dello stesso collegio giudicante che nel 2015 riconobbe la mafiosità del clan Fasciani di Ostia), sia per la attuale formulazione dell’art. 416 bis cp, sia per l’impossibilità di interpretazioni talmente estensive di tale norma da trasformarsi – con violazione del principio di legalità – in vere e proprie innovazioni legislative, che rimangono riservate al legislatore”. (fonte RaiNews)

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Ed è anche peggio, il mondo delle cooperative si è fatto conoscere e riconoscere in tutti gli ambiti possibili, segno di forte degrado morale e culturale a danno in primo luogo proprio dei lavoratori delle cooperative che su quello stipendiuccio poggiano la loro vita. Un organizzazione franata clamorosamente per assenza di riferimenti, visibile oggi nello stato in cui versa quello che gli è stato affidato. Persa la credibilità come persone e come cittadini si sono risucchiati nel loro declino anche la gente normale, onesta e desiderosa di una vita tranquilla.
    Rimettere tutto nelle mani della politica l’esortazione agli italiani del Presidente Berlusconi nel 2008, crediamo bene speranza di un futuro per chi opera in questi settori.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome