Home LA GIUSTINIANA Chiodi e fili elettrici, pericoloso il parco di via Labranca

Chiodi e fili elettrici, pericoloso il parco di via Labranca

parco-labranca

Non c’è pace in via Labranca, a La Giustinana. Poco meno di due mesi fa, a metà pomeriggio, un colpo di pistola ha squarciato il silenzio della strada. A sparare, un anziano giunto a subito fuggito a bordo di un’auto. A morire, un cinghialotto che trotterellava con altri cuccioli e la mamma, in cerca di cibo sul prato confinante con il parco e il monumento dei Martiri de La Storta.

Oggi, ad assurgere agli onori della cronaca, è proprio il parco, diventato punto di ritrovo nei week-end di un consistente gruppo di persone che allestiscono gazebo e punti di ristoro occupando gran parte dell’area.

E la luce? Semplice, per illuminare la zona sono stati installati dei pali con lampioni alimentati con un piccolo gruppo elettogeno che però, alla lunga e usato per parecchie ore di seguito, non è certo musica per le orecchie dei residenti.

Difficile dunque fruire di questo piccolo parco nel corso dei fine-settimana e il comitato cittadino “La Giustiniana e dintorni” è più volte intervenuto per chiedere moderazione nell’occupazione dello spazio e nel tempo di permanenza e, in tal senso, è stato chiesto anche l’intervento della Polizia Locale di Roma .

Ma il problema emerso negli ultimi tempi è ancora più preoccupante.
Nella quotidiana attività di monitoraggio, alcuni membri del comitato si sono accorti che i giochi presenti nel parco sono diventati pericolosi a causa di chiodi che spuntano dagli stessi, e il pericolo aumenta per la presenza anche di fili elettrici volanti“.

Così racconta a VignaClaraBlog.it Francesco Petrucci, presidente del Comitato, spiegando di aver subito provveduto “ad allertare Il XV Municipio e poi gli utenti del parco apponendo un avviso sul cancello“.

Il Comitato e i residenti sono ora in attesa che Municipio e Polizia Locale intervengano; nel frattempo i bambini vengono tenuti lontani dai giochi.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome