Home AMBIENTE Annullato lo sciopero AMA, siglato il rinnovo del contratto nazionale

Annullato lo sciopero AMA, siglato il rinnovo del contratto nazionale

sciopero ama

Non si terrà più lo sciopero nazionale di 48 ore dei circa 50mila lavoratori dell’igiene ambientale, dei quali 7mila dell’AMA, indetto per mercoledì 13 e giovedì 14 luglio.
Nella tarda serata di domenica 10 luglio le parti hanno trovato un accordo sul rinnovo contrattuale.

“Siamo molto soddisfatti del risultato – dichiarano le organizzazioni sindacali nazionali – che è stato ottenuto anche grazie alla massiccia adesione dei lavoratori ai due scioperi nazionali del 30 maggio e 15 giugno scorsi, nonché grazie al contributo offerto dall’Anci. Questa intesa contribuisce al rilancio del settore, migliorando la qualità dei servizi ai cittadini. L’accordo – spiegano Fp, Fit, Uilt e Fiadel – prevede un aumento a regime di 120 euro e un’una tantum per la vacanza contrattuale di 200 euro in due parti. Inoltre nei 120 euro sono inclusi contribuiti per il welfare contrattuale a totale carico dell’azienda e distribuiti come indennità integrativa, la previdenza complementare generalizzata, l’assistenza sanitaria integrativa, il fondo di solidarietà bilaterale e il fondo salute e sicurezza”.

Scongiurato lo sciopero che avrebbe messo in ginocchio la Capitale già sommersa dai rifiuti e nella quale l’allarme topi scatta ogni giorno in quartiere diverso, ora non resta che attendere una vigorosa reazione dell’AMA ai pressanti inviti dell’assessore capitolino all’ambiente Paola Muraro a metter mano alla ramazza.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. nota di disaccordo per la raccolta della spazzatura:a prima porta si è messo in atto un sistema che forse nemmeno in africa esiste se provate a girare per le stradine interne come valle muricana giuseppe prinotti ecc ecc… noterete la mattina a secondo del giorno o buste di plastica lasciate fuori a cancelli o contenitori attaccati ai cancelli sui muri nei posti più disperati, ma vi sembra normale?e se scioperano tocca anche rientrarsela dentro casa è giusto?paghiamo la tasi la tarsu e ci lasciano sempre nell’immondizia,per non parlare che non si spazzano più le strade,vorrei stringergli la mano a qualche dirigente per dirgli bravo per dirgli che ogni tanto potrebbe pensare anche come trovare soluzioni più decorose e no fregarsi lo stipendio a carico nostro mio nonno diceva esercito italiano ufficiali tedeschi i dirigenti dell’ama pensano solo a fare cooperative che non funzionano siamo rovinati

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome