Home CRONACA Stadio Olimpico, in manette tre persone mentre Vasco canta

Stadio Olimpico, in manette tre persone mentre Vasco canta

juventus stadio olimpico foro italico
foto di repertorio

Sono tre le persone finite in manette durante i controlli della Polizia di Stato in occasione delle verifiche disposte dalla Questura nelle aree adiacenti lo stadio Olimpico, dove ieri sera era si è tenuto il quarto e ultimo concerto romando di questa estate di Vasco Rossi.

Il primo N.G. di 47 anni, proveniente da Napoli, è stato bloccato dagli agenti della Polizia di Stato mentre tentava di spendere una banconota falsa da 100 euro.

Quando si è avvicinato al furgone bar per acquistare delle birre, il gestore, insospettito dall’uomo, ha attirato l’attenzione dei poliziotti che, avvicinatisi hanno controllato quanto stesse accadendo. Dopo aver accertato la falsità della banconota, l’uomo è stato accompagnato negli uffici del commissariato Ponte Milvio dove è stato arrestato.

Sono finiti invece in manette per furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato,  un uomo ed una donna. Lui F.G. romano di 35 anni e lei R.G. di Crotone di 40 anni.

I due, dopo essere entrati nel settore “prato sud” dello stadio, si avvicinati dall’addetto alla vendita di bevande e, dopo averlo spinto si sono impossessati di una birra e di 10 euro. Grazie alla descrizione fornita dalla vittima, i due ladri sono stati intercettati dagli agenti della Polizia di Stato e, dopo un breve inseguimento, sono stati fermati.

I due però, nel tentativo di guadagnarsi la fuga, hanno iniziato a colpire i poliziotti con calci e pugni. Anche all’interno del Posto di Polizia dello stadio, dove sono stati accompagnati, F.G., ha iniziato a colpire la porta dell’ufficio danneggiandola mentre la donna, ha iniziato a dare in escandescenza tanto che è stato necessario far intervenire personale del 118 per evitare che potesse autolesionarsi. Subito dopo i due sono stati  arrestati.

 

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome