Home ATTUALITÀ Presidio a Tor di Quinto per la Giornata Mondiale della lotta alla...

Presidio a Tor di Quinto per la Giornata Mondiale della lotta alla droga

lotta alla droga

Il 26 Giugno è la Giornata Mondiale della Lotta alla Droga e al Narcotraffico, istituita dalle Nazioni Unite. La Croce Rossa di Roma e la Fondazione Villa Maraini hanno lanciato una giornata di sensibilizzazione sul tema delle droghe e delle malattie sessualmente trasmesse attraverso la diffusione capillare nella Capitale di test rapidi e gratuiti per l’Epatite C e per l’HIV sotto lo slogan: “Meet, Test & Treat” (Incontrare, Testare e Curare).

Per la realizzazione di questo evento, saranno impegnati medici, operatori e volontari, i quali effettueranno i test rapidi e distribuiranno preservativi e materiale informativo per richiamare l’attenzione della popolazione, delle istituzioni e dei media sul tema delle droghe e delle Malattie Sessualmente Trasmissibili come un tema di salute pubblica e quindi di interesse comune”, dichiara Debora Diodati, Vice Presidente della Croce Rossa di Roma. 

In città sono stati attivati 3 presidi sanitari in cui dalle 16 alle 24 sarà possibile effettuare i test in soli 20 minuti: sulla Terrazza del Pincio, nel lido Panama Beach di Ostia, in Piazza Scipione L’Africano, e in viale Tor di Quinto 55.

Meet, Test & Treat, significa salvare la vita delle persone”, ricorda Massimo Barra, fondatore di Villa Maraini. “Adesso che è stata trovata una cura per il virus dell’Epatite C  è di vitale importanza creare punti di contatto con la popolazione e in particolare con i gruppi più vulnerabili, somministrando i Test rapidi per far emergere chi ha contratto il virus e non sa di averlo. Fare i test a tappeto in tutto il territorio nazionale è il metodo migliore, se si pensa che l’Italia è tra i primi paesi in Europa per numero di contagi da Epatite C (almeno 1,5 milioni di casi), di cui molti non sono a conoscenza del loro stato virale.”

Le Nazioni Unite stimano che l’uso di droghe illecite continuerà ad aumentare fino al 25% tra il 2012 e il 2050  “i rapporti non protetti – dice Barra –  e lo scambio di siringhe infette sono le principali cause di trasmissione dei virus. L’ operazione di oggi sulla Capitale è perfettamente in linea con la strategia della riduzione del danno e dei rischi portato avanti da Villa Maraini, che ha curato in 40 anni più di 40 mila tossicodipendenti e salvato più di 2 mila persone dall’ overdose. Con i test rapidi vogliamo andare oltre il confine della tossicomania, in cui siamo riusciti a ridurre il numero di infezioni grazie allo scambio di siringhe pulite. Ora bisogna rivolgerci a tutta la popolazione, soprattutto ai giovani, che hanno continui comportamenti a rischio, facendo risalire il numero di contagi da MST negli ultimi anni” conclude Barra.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome