Home TEMPO LIBERO Teatro Olimpico, ecco il cartellone 2016 – 2017

    Teatro Olimpico, ecco il cartellone 2016 – 2017

    magalli
    foto di Massimiliano Fusco

    Prosa e concerti, danza e comicità, due gradite conferme e un paio di musical di grande richiamo: in una conferenza stampa affollata e condotta dal brillantissimo testimonial Giancarlo Magalli è stato presentato ufficialmente il cartellone 2016-2017 del Teatro Olimpico.

    “Incominciare questa stagione è molto importante per noi: pensavamo proprio di non farcela!”, dice Lucia Montefoschi, direttore artistico del teatro di piazza Gentile da Fabriano, riferendosi ovviamente ai tanti problemi causati dal crollo parziale dello stabile avvenuto lo scorso 22 gennaio. “Speriamo di riuscire a convincervi: gli appuntamenti sono tanti e variegati e non c’è solo la prosa”, ribatte con piglio Magalli.

    E allora vediamo insieme quali sono gli spettacoli della prossima stagione.

    ANIMALS PINKFLOYD in OBSCURED BY CLOUDS

    “La cover band non ha pezzi originali, un po’ come Alba Parietti”, scherza Magalli prima che Aldo Recalchi (basso e voce) spieghi che il concerto degli Animals PinkFloyd proporrà l’esecuzione integrale e fedele di “Obscured by Clouds” insieme a molti successi della band capitanata da Waters e Gilmour.

    Schermo circolare, frammenti video e proiezioni laser per un vero e proprio evento floydiano che, oltre ai membri della band, vedrà sul palco un grande coro, una sezione fiati e tre archi.
    (24 settembre)

    NO GRAVITY COMPANY in ARIA – ARIE BAROCCHE NELL’ARIA

    Presentato insieme all’Accademia Filarmonica Romana, il nuovo spettacolo della compagnia di Emiliano Pellisari promette di regalare al pubblico emozioni del tutto particolari.

    Movimenti coreografici, suoni e voci, tutti assemblati in un’unica immagine in costante evoluzione, per riportare a nuova vita le atmosfere barocche del “teatro delle meraviglie”, per dispensare ancora una volta lo stupore attraverso l’eleganza dei costumi, la fantasia della danza e la bellezza della musica e del canto.
    (dal 6 al 16 ottobre)

    ELENA BONELLI e IL GRAN GALA’ DELLA CANZONE ROMANA

    “In questo concerto proporremo le canzoni romane dall’ottocento ad oggi”, dice Elena Bonelli, prima di aggiungere che “non ci saremo soltanto io ed un’orchestra di sessanta maestri, ma saliranno sul palco anche i finalisti del concorso ‘Dallo stornello al rap'”.

    Gli arrangiamenti sono curati da Pippo Caruso (“che ha regalato eleganza a questi brani”), mentre sono previste suggestive proiezioni video e molti altri ospiti, come Giorgio Onorato e i Flaminio Maphia.
    (17 ottobre)

    GERARDO DI LELLA POP ORCHESTRA plays THE GREAT MUSIC STORY

    “Il nostro concerto sarà un viaggio nella musica più conosciuta nel mondo”, dice Gerardo Di Lella, l’abile nocchiero della sua Pop Orchestra, l’estesa formazione di 22 elementi che proporrà, fra gli altri, i brani di Gershwin e Sinatra e le canzoni di Barry White e Aretha Franklin.

    L’incasso della serata sarà interamente devoluto alla Fondazione InSé Onlus, che sostiene un ospedale pediatrico nella Repubblica Democratica del Congo.
    (20 ottobre)

    TEO MAMMUCCARI in Ricomincio da Te…o

    Uno sguardo sfrontato e curioso, un modo di argomentare cinico e irriverente, una visione della vita non ancora completamente espressa e condivisa, nonostante i tanti programmi televisivi.

    In questo one-man show, che segna il suo ritorno in teatro dopo diversi anni, Teo Mammuccari presenterà un monologo in cui andrà a briglia sciolta per parlare del suo mondo, per raccontare l’amore e l’infanzia, per ritrovare la gioia di vivere evitando le trappole dei tempi moderni che ci stanno trasformando in robot.
    (dal 26 al 30 ottobre)

    CARMEN secondo L’ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO

    Ospiti abituali e applauditissimi fin dai tempi de Il Flauto Magico, Mario Tronco e l’Orchestra di Piazza Vittorio torneranno al Teatro Olimpico per riproporre, dopo il grande successo della scorsa stagione, la loro stravagnate e magnifica rivisitazione della Carmen, uno spettacolo di novanta minuti in cui i componenti di questa formidabile ensemble multietnica fonderanno insieme leggerezza e dramma per regalare all’opera di Bizet una veste inedita e scintillante.

    La formula è una garanzia ed è più che collaudata: orchestra sul palco, insieme a danzatori e cantanti, e oltre venti artisti provenienti da ogni parte del pianeta.
    (dal 3 al 13 novembre)

    GREG AND THE FRIGIDAIRES

    Claudio Gregori, alias Greg, proporrà insieme ai suoi Frigidaires uno spumeggiante concerto di cui abbiamo avuto un significativo assaggio lo scorso aprile in occasione della riapertura del teatro.

    Armonie vocali, swing e rock anni cinquanta, tutta l’energia e l’allegria del doo-wop, con cover e brani originali, caratterizzeranno un live che, ispirandosi a band del calibro dei Coasters e dei Diamonds, si annuncia gioioso e coinvolgente.
    (7 novembre)

    RICCARDO ROSSI in Così Rossi che più Rossi non si può

    In occasione del suo debutto assoluto al Teatro Olimpico, Riccardo Rossi ripercorrerà due decadi di carriera, proponendo al pubblico i suoi “cavallucci di battaglia” (così li definisce lui stesso) surreali e dissacranti.

    In questo one-man show, attraverso la sua visione e la sua esposizione del tutto peculiari, il comico romano parlerà della sfida Michael Jackson/Albano, racconterà di una festa di matrimonio che dura più del matrimonio stesso, ripenserà alla propria “età dell’innocenza” e pennellerà un quadro grottesco ma non innaturale della quotidianità, nel quale gli spettatori sapranno riconoscersi e con il quale potranno confrontarsi.
    (dal 15 al 20 novembre)

    JERSEY BOYS

    Da Broadway al West End londinese, negli anni questo musical ha collezionato incassi record, premi prestigiosi ed elogi sperticati della critica.

    Per la prima volta a Roma, dopo il successo riscontrato a Milano, con un cast interamente italiano, “Jersey Boys” racconterà in musica l’ascesa irresistibile di Frankie Valli e dei suoi Four Season, la band pop-rock che fra gli anni cinquanta e i settanta ha scalato le classifiche di tutto il mondo con brani immortali come “Rag Doll”, “Big Girls Don’t Cry” e “Can’t Take My Eyes Off You”.

    Per la regia di Claudio Insegno andrà in scena la storia di uno dei personaggi e dei gruppi più amati del pianeta, con lo straordinario Alex Mastromarino, il Frankie Valli venuto da Livorno e selezionato fra oltre 200 candidati, a interpretare, con la sua magnifica voce in falsetto, quasi trenta canzoni.
    (dal 22 novembre al 4 dicembre)

    OBLIVION in THE HUMAN JUKEBOX

    Si definiscono cialtroni e sono irriverenti. Sono in cinque e chiederanno agli spettatori quali sono le loro canzoni preferite. Poi, nei novanta minuti successivi, le faranno tutte quante a pezzi con le loro reinterpretazioni folli.

    Parodie, duetti impossibili e testi che diventeranno surreali e strampalati: dal Trio Lescano a Fedez, nessuno si salverà e pezzi sacri come “La Cura” di Franco Battiato, per esempio, potrebbero diventare l’irresistibile bugiardino dell’Aspirina…
    “E, inoltre” – dice Fabio Vagnarelli, uno degli Obilivion – “proporremo tutte, ma proprio tutte le canzoni vincitrici del festival di Sanremo in soli cinque minuti!”.
    (dal 6 all’11 dicembre)

    MAURIZIO BATTISTA in CHE SARA’

    Snobbato dai benpensanti, amatissimo dal pubblico – la scorsa stagione l’hanno applaudito più di trentamila spettatori – Maurizio Battista tornerà al Teatro Olimpico nel periodo delle feste natalizie e per dare il benvenuto al nuovo anno.

    “Io racconto il quotidiano, la vita, non vi voglio far uscire saggi, con me non si impara niente”, dice fra il serio e il faceto il comico romano, che (comunque la si pensi su di lui) è capace di mettere a fuoco, grazie alla sua sfrontata irriverenza, non solo certe peculiarità dei romani ma anche parecchie storture dell’esistenza di tutti i giorni.
    (dal 13 dicembre al 15 gennaio)

    PINO QUARTULLO & ALBERTO FARINA in LA STRATEGIA DEL PAGURO

    Come si fa a lasciare una donna che ti ama, che ti adora e che è gentile e carina? La vita di coppia è scivolata nella routine, la bomba sexy di un tempo è diventata una donna di casa. D’accordo, ma come si fa a lasciarla? Ci vorrebbe coraggio, ma l’indolente Mattia (che sarà interpretato dal comico di “Colorado” Alberto Farina) non ne ha nemmeno un po’. E allora come si fa? Semplice: si esaspera la donna per fare in modo che sia lei a prendere la decisione al posto tuo.

    Questa commedia a tre, che Pino Quartullo interpreterà insieme a Farina e dirigerà dopo averla adattata dalla piéce francese “Una Semaine Pas Plus”, promette di regalare colpi di scena, situazioni tragicomiche, equivoci e provocazioni.
    (dal 18 al 22 gennaio)

    SUPERMAGIC 2017 – PRODIGI

    Giunto alla sua quattordicesima edizione, “Supermagic è ormai diventato come la Settimana Enigmistica: vanta innumerevoli tentativi di imitazione!”, dice l’avvocato penalista Remo Pannain, il creatore e il patron di uno degli eventi tradizionali e più attesi del cartellone, uno spettacolo adatto tanto agli adulti quanto ai bambini.

    Due ore con i migliori prestigiatori del mondo, scovati da Pannain fra una causa e l’altra e ingaggiati in ogni angolo del pianeta, per regalarsi una serata all’insegna dello stupore, della magia e dei… prodigi.
    (dal 26 gennaio al 5 febbraio)

    LA FEBBRE DEL SABATO SERA

    Per celebrare i quarant’anni dall’uscita del celebre film, il teatro di Piazza Gentile da Fabriano ospiterà la nuova produzione italiana de “La Febbre del Sabato Sera” per la regia di Claudio Insegno. Il musical, tratto da una delle pellicole più importanti della storia del cinema, è un vibrante omaggio alla disco music e al glam che imperversava negli anni settanta.

    Una travolgente colonna sonora, che sarà eseguita dal vivo, – pezzi storici come “Stayin’ Alive” e “How Deep Is Your Love”, canzoni memorabili come “Night Fever” e “More Than a Woman” – per raccontare la storia di Tony Manero, il ragazzo italo-americano di Brooklyn che cercava il riscatto attraverso il suo unico, esplosivo, talento: il ballo.
    (dal 7 al 19 febbraio)

    FRANCESCA REGGIANI in QUESTIONI DI PRESTIGIO

    “Lo spettacolo, scritto insieme a Valter Lupo e Gianluca Giugliarelli, parlerà di attualità attraverso le donne di potere che ci sono oggi” – dice Francesca Reggiani, prima di specificare che “Virginia Raggi, Hillary Clinton, Chiara Appendino e Maria Elena Boschi, per esempio, in quanto donne, si lamenteranno anche di uomini e mariti”.

    Dopo il successo della scorsa stagione con Tutto quello che le donne (non) dicono, Francesca Reggiani proporrà non solo la sua ironia acuta e graffiante riferita al (mal)costume nostrano ed internazionale, ma anche una satira feroce per raccontare un’Italia che sta perdendo prestigio agli occhi del mondo, per svelare i trucchi dei prestigiatori di quart’ordine che stanno rovinando le nostre esistenze e per evocare l’arte della prestidigitazione, forse l’unico rimedio che ci è rimasto per uscire da una crisi che sembra non finire più.
    (dal 28 febbraio al 5 marzo)

    MAX GIUSTI

    Per sdrammatizzare la situazione conseguente al crollo parziale dello stabile che ospita il Teatro Olimpico, a suo tempo qualcuno scrisse che il suo Pezzi da 90 faceva talmente ridere che “alla fine è venuto giù il teatro”. In quel fatidico 22 gennaio era, infatti, il suo lo spettacolo in scena e dovette traslocare altrove per onorare abbonamenti e biglietti già venduti.

    Nel 2017 l’irresistibile Max Giusti tornerà con uno show completamente rinnovato in cui proporrà monologhi e ricordi, canzoni e imitazioni. Da Maria De Filippi a Don Matteo, passando per Antonino Cannavacciuolo e le sue “cucine da incubo”, il comico romano (in carne e ossa e sullo schermo) presenterà al pubblico una galleria di personaggi esilaranti.
    (dal 7 al 12 marzo)

    MIGUEL ANGEL ZOTTO in TANGO, RAICES ARGENTINAS

    “Il folclore argentino è stato molto influenzato dal flamenco spagnolo”, dice la leggenda del tango Miguel Angel Zotto, che farà debuttare il suo nuovo spettacolo proprio al teatro di piazza Gentile da Fabriano.
    Diciotto ballerini provenienti dall’Argentina (che formano una delle compagnie più longeve del mondo, in attività da ben 28 anni), proporranno al pubblico un affascinante viaggio nella storia del tango.

    In questo primo, prestigioso, appuntamento del Festival Internazionale della Danza, organizzato in collaborazione con l’Accademia Filarmonica Romana, si partirà dalla potenza selvaggia degli Indios del Nuovo Mondo, per poi esplorare il folclore delle serate intorno al fuoco dei gauchos delle pampas sudamericane.

    Si continuerà, poi, con il tango, divenuto il ballo della gente di Buenos Aires e dei tantissimi emigrati che si incontravano nelle balere e nei cortili, per arrivare fino all’eleganza e alle emozioni del tango contemporaneo.
    (dal 14 al 26 marzo)

    MAX PAIELLA E MARCO PRESTA

    Dopo il grande successo ottenuto con le due edizioni di Anche se sei stonato, tornerà al Teatro Olimpico anche la premiata coppia formata da Marco Presta e Max Paiella. I due esilaranti “conigli” ruggiranno ancora in uno spettacolo nuovo di zecca che, citando le parole di Paiella, “non ha ancora un titolo, non abbiamo ancora finito di scrivere, ma che vedrà contrapposte due visioni dell’amore, della vita e della musica: quella del super ottimista e quella del super pessimista”.

    Un’alchimia esplosiva che promette di regalare una ventata benefica ed intelligente di leggerezza attraverso dialoghi scoppiettanti e canzoni sempre verdi.
    (dal 31 marzo al 9 aprile)

    ANTONIO GIULIANI

    Altro one-man show e ancora tanta romanità. “Il titolo” – dice Antonio Giuliani – “forse sarà ‘Accerchiati’, perché siamo accerchiati dalla legge e dalla politica e perché, forse, ci saranno le Olimpiadi a Roma”.

    Comicità verace al netto di ogni volgarità, ritmo incalzante, un’ironia imprevedibile per indagare gli aspetti più divertenti della vita quotidiana, per evidenziare le usanze e le credenze del nostro paese, per sottolineare i vizi e le virtù che caratterizzano noi italiani.
    (dal 16 al 21 maggio)

    E A COMPLETARE IL CARTELLONE…

    Il cartellone sarà completato da uno spettacolo di danza del tutto particolare (“Bolero“, in programma il 21 e il 22 settembre), dal “Best Of” con protagonisti Lillo & Greg (periodo ancora non indicato) e dagli altri appuntamenti del Festival Internazionale della Danza che sono ancora in via di definizione e dei quali parleremo più avanti.

    Inoltre, saranno ospitati la Terza Giornata Nazionale “Giovani Uniti contro il Bullismo” (il 27 maggio) e due matinée per le scuole (un musical sul bullismo e uno sull’Impero Romano).

    Per ogni informazione su abbonamenti e biglietti (che sono già in vendita) si può visitare il sito del Teatro Olimpico.

    Giovanni Berti

    Visita la nostra pagina di Facebook

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome