Home ATTUALITÀ Teatro Olimpico, Amii Stewart e la “via del successo”

Teatro Olimpico, Amii Stewart e la “via del successo”

al Teatro Olimpico un Bignami generoso e travolgente di soul e rhytm & blues

Più che un musical, un concerto. Anzi, un signor concerto. In scena fino a domenica 15 maggio al Teatro Olimpico, “La Via del Successo” è uno spettacolo che in due ore (più l’intervallo) travolge il pubblico con una valanga di musica fantastica interpretata in modo eccezionale.

Dieci anni e passa di Motown riassunti in 26 canzoni (da “Listen” a “Think”, da “Proud Mary” a “Soul Man”, da “I Feel Good” a “Joyful Joyful”), una carriera scintillante (quella di Diana Ross e delle Supremes) evocata liberamente e ripercorsa magnificamente attraverso il filo conduttore delle sette note, con dodici orchestrali e quattro ballerini sul palco.

Lo spettacolo visto ieri sera al Teatro Olimpico è un Bignami generoso e travolgente di soul e rhytm & blues, è una summa appassionata ed entusiasmante di tutta quella musica che negli anni sessanta non solo scolpì a chiare lettere l’identità e l’orgoglio dei neri ma che assestò anche un colpo decisivo alla segregazione razziale che ancora riguardava alcuni stati degli USA.

Era musica che assecondava l’amore, la passione e la voglia di vivere, che trasudava sorrisi, sensualità, energia e lacrime, e piaceva a tutti. Conquistava i cuori di tutti, senza distinzioni.
Le Supremes, Tina Turner, James Brown, Aretha Franklin: nei testi che interpretavano in modo così ispirato non c’era traccia dell’impegno politico e sociale che pervadeva le liriche di Bob Dylan e Joan Baez (ad esempio), eppure quei versi, quelle note, quei movimenti, ora aggraziati ora sfrenati, abbattevano muri e pregiudizi, accorciavano distanze, rendevano “l’altro” meno estraneo.

Amii Stewart 2Tutto questo racconta “La Via del Successo”. E lo fa egregiamente, grazie soprattutto alle straordinarie capacità vocali di Amii Stewart, Lucy Campeti e Francesca Haicha Touré (brave, bravissime, supreme!), cui si aggiunge l’eccezionale qualità canora di Will Weldon Roberson (che pennella favolosamente James Brown e Sam Moore).

L’orchestra – fiati a profusione, ovviamente – va che è una meraviglia (la sapiente mano di Marco Tiso ad impreziosire gli arrangiamenti), i brani si susseguono uno dopo l’altro dispensando una miscela di sensazioni positive ed è sempre la musica che fa la narrazione. Le parti dialogate sono ridotte al minimo, esili e didascaliche. Per la cronaca (donne, perdonatemi, se potete), c’è anche Sergio Muniz.

Applausi (tanti) al cast tecnico: le scene disegnate da Andrea Bianchi sono funzionali e scattanti, i costumi di Martina Piezzo scintillanti ed evocativi. Un concerto più che un musical, anzi un signor concerto.

Giovanni Berti

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome