Home ATTUALITÀ Cesano, coltivavano marijuana: padre e figlio arrestati dai Carabinieri

Cesano, coltivavano marijuana: padre e figlio arrestati dai Carabinieri

droga240.jpgPadre e figlio, 58 e 25 anni, sono stati arrestati dai Carabinieri della Stazione di Cesano con l’accusa di produzione, coltivazione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti. Il padre aveva la sua serra a Nepi mentre il figlio nella sua mansardina di Cesano nella quale aveva aperto una filiera diretta: da produttore a consumatore.

Il tutto nasce da uno dei quotidiani servizi di controllo che i Carabinieri svolgono sul territorio. Fermato il 25enne per un normale controllo dei documenti, i militari gli hanno trovato nell’auto una scatola con cinque grammi di marijuana, alcune infiorescenze, e un trita erba.

Fermatolo, lo hanno accompagnato a casa e là, nel corso della perquisizione della mansarda in cui viveva, sono state scoperte alcune piante di cannabis in vaso, alte poco meno di un metro l’una, una lampada alogena che le aiutava a crescere, una scatola con altre infiorescenze pronte per essere seminate e tutto il materiale necessario alla coltivazione delle stesse e poi al confezionamento delle dosi.

Ma non finisce qui.
Forse per scagionarsi, forse per attenuare la sua colpa, il ragazzo riferisce ai Carabinieri che la sua piccola serra altro non è che una piccolissima parte di quella del padre dalla quale ha attinto le sue poche piante. E indica ai militari dove si trova la serra paterna: in un garage di Nepi.

Là i Carabinieri hanno appurato che il 25enne non aveva mentito: nel garage della casa del padre sono state infatti trovate circa trecento piante tutte ben illuminate e umidificate. Alcune ancora piccole, intorno ai dieci centimetri, altre, le più, sfioravano il metro di altezza. Settanta di queste erano sul pavimento del garage mentre il grosso della coltivazione era nascosto in un soppalco al quale si accedeva tramite una botola poco visibile e dove sono stati trovati anche trecento grammi di marijuana pronti per essere suddivisi in dosi.

Le manette sono scattate per padre e figlio e ambedue sono in attesa di essere giudicati con rito direttissimo. Il primo è ai domiciliari nella sua casa di Nepi, il secondo dietro le sbarre nella caserma dei Carabinieri di Cesano.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome