Home ATTUALITÀ Cassia, primo frutto del “Ciliegio”: una bottega d’arte

Cassia, primo frutto del “Ciliegio”: una bottega d’arte

ciliegio240.jpgE quel fior di Ciliegio che c’è sulla Cassia ha dato il suo primo frutto. Il laboratorio dei ragazzi di Gioventù in rilievo, a via del Casalattico 6 una traversa di via di Grottarossa, è stato inaugurato sabato 19 dicembre. Operatori, volontari e i ragazzi della Comunità “Il Ciliegio” hanno organizzato una festa di Natale nei locali del loro laboratorio appena aperto.

Era solo lo scorso giugno quando abbiamo intervistato il dottor. Gino Alberto De Carlo, psicologo clinico e responsabile della Comunità il ” Ciliegio” che a via Lubriano 40, sulla via Cassia, accoglie minori con gravi problemi familiari e disagio psicosociale inviati loro dai Servizi Sociali e dal Tribunale per i Minorenni (leggi qui).

Sognava in grande perché mentre ci raccontava di tutti i progetti che aveva in mente, uno su tutti ci era sembrato irrealizzabile. La mancanza di fondi e le difficoltà di una burocrazia lenta, ci avevano fatto pensare che la sua idea di poter creare una bottega d’arte per i ragazzi della casa famiglia fosse davvero poco fattibile.

Eppure ce l’ha fatta. La Casa famiglia non si vuole accontentare di dare ai ragazzi risorse psicologiche e morali. Vuole aiutarli ad avere un futuro libero e indipendente.

Per questo è nata “Gioventù in rilievo” , un progetto innovativo, autofinanziato, che aveva la finalità di attivare una bottega d’arte in cui si utilizza la tecnica sperimentale del “rilievo”, il tutto con lo scopo di promuovere l’inserimento dei ragazzi, quelli più grandi ovviamente, nel mondo del lavoro.

E oggi ” Gioventù in rilievo” ha la sua sede in via del Casalattico 6: una struttura di 150 mq circa, dotata di una grande sala che accoglierà i ragazzi mentre daranno vita alle loro opere, di una zona cottura, di servizi igienici e di un piccolo studiolo che sarà la ” stanza dei colloqui” dove operatori e ragazzi potranno avere un angolo riservato per scambiarsi idee e confidenze.

Ad accoglierci c’è Gino che fiero ci mostra i locali, ci presenta i volontari e ci fa conoscere tutti i ragazzi della Comunità; alcuni sono piccolissimi, altri come Remo e Priscilla sono maggiorenni. Sono proprio loro due gli autori dei bellissimi quadri esposti alle pareti.

ciliegio1.jpg

Ormai sono autonomi, hanno imparato la tecnica grazie ad un corso specializzato ed oggi è tutta farina del loro sacco. Gino ci dice che sono riusciti a venderne parecchi grazie alle esposizioni avvenute nella sede del XV Municipio e presso spazi che gli sono stati concessi all’interno di alcune scuole.

La sede di via Casalettico 6 sarà una esposizione permanente, ad eccezione della domenica, dove chiunque potrà accedere e acquistare con una offerta libera i quadri dei ragazzi. ” Siamo in affitto, ma il prezzo è buono. Ci auto sovvenzioniamo. Il nostro intento è quello di creare una realtà lavorativa che possa permettere ai ragazzi più grandi che dovranno lasciare la Comunità di avere un lavoro vero e proprio”.

L’inaugurazione del Laboratorio è stata unita alla festa di Natale. Ci sono tantissimi regali sotto ad un grande albero, tutti per i piccoli abitanti della casa famiglia. La sala è piena, operatori volontari amici e residenti di Grottarossa ha invaso di dolci la nuova sede.

ciliegio2.jpg

C’è stata una vera e propria mobilitazione di chi apprezza il loro lavoro; “ed è così – ci dice Gino – che ognuno ha voluto dare il suo contributo: le tovaglie ci sono state date dal parrucchiere che è vicino alla casa famiglia, l’impianto stereo ce lo ha prestato un amico musicista e Danilo, che nella vita fa il falegname, ha dedicato il suo tempo alla realizzazione della struttura per esporre i quadri”.

E non finisce qui perché chiunque arriva porta cibo e regali che vengono sottoposti alla sguardo attento di Luisa, la mamma del Centro l’avevamo definita quando a giugno avevamo raccontato della casa famiglia. Oggi è vestita a festa, ma il suo da farsi è continuo, non si ferma un attimo. Controlla i piccoli e contemporaneamente gestisce l’organizzazione dell’inaugurazione che si è rivelata un gran bel momento di aggregazione a Grottarossa.

“Oggi Gioventù in rilievo ha il suo laboratorio – ci dice Gino salutandoci – ma è solo l’inizio. Vogliamo e dobbiamo ancora fare tanto per questi ragazzi”.

Valentina Ciaccio

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Molto interessante ma queste notizie dovrebbero circolare prima dell’evento così da renderne possibile la partecipazione degli interessati. Capisco che si può sempre passare in seguito, ma sarebbe un’altra cosa

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome