Home ATTUALITÀ Olgiata, primi passi verso la riqualificazione del Punto Verde Qualità

Olgiata, primi passi verso la riqualificazione del Punto Verde Qualità

pvq240.jpg

In agosto 2015, undici Punti Verde Qualità, per i quali sono decadute le convenzioni dei concessionari a causa del mancato pagamento delle rate dei mutui che hanno portato a un’esposizione finanziaria del Comune per 121 milioni di euro, sono tornati in possesso del Campidoglio. Fra questi anche il Punto Verde Qualità dell’Olgiata.

Il Parco di via Conti oggi versa in una situazione di degrado ed abbandono ed è per questo che il Consiglio del XV Municipio, chiamato in causa dai gruppi PD, SEL e Lista Civica, nella seduta odierna ha dibattuto un documento nel quale si chiede, nelle more dell’individuazione di un nuovo concessionario, che il parco venga riqualificato, riaperto e restituito alla cittadinanza. E con esso anche il parcheggio realizzato in via Vittorio De Sica.

E la proposta, dal titolo “Riqualificazione Punto verde qualità 20.12 convenzione Olgiata” è stata approvata.

Ne danno notizia con un comunicato i gruppi firmatari PD, Lista Civica e Sel nel quale si spiega che con questo documento hanno chiesto che “che il parco dell’Olgiata, ricadente all’interno del Punto verde qualità, venga aperto e restituito alla cittadinanza e che l’area verde di via Antonio Conti sia messa in sicurezza e che il parcheggio realizzato all’interno del nuovo centro commerciale di via Vittorio De Sica venga aperto e reso fruibile”.

“Con questo atto – aggiungono – chiediamo, inoltre, agli uffici competenti di verificare l’ipotesi dello spostamento dell’ufficio anagrafico della Storta in uno dei locali in concessione al Punto verde qualità, per cercare di far risparmiare all’Amministrazione Capitolina l’oneroso canone per l’affitto dei locali oggi in uso. Abbiamo, quindi, voluto ribadire la necessità di garantire la continuità del servizio che la Croce Rossa Italiana svolge per i cittadini del Municipio Roma XV presso la sede di via Bragaglia, anch’essa all’interno del Punto verde qualità.”

“La revoca della concessione – continua la nota – è un atto politico dovuto, di particolare importanza per il nostro territorio, in continuità con quanto fatto in questi mesi dalla Amministrazione Capitolina e Municipale che hanno sempre lavorato per garantire spazi pubblici, seppure affidati a privati, aperti e disponibili ai cittadini. Riteniamo, quindi, che le azioni fino ad oggi intraprese e quelle future debbano andare nella direzione di valorizzare tanto le strutture sportive e commerciali del Punto verde qualità che le lavoratrici e i lavoratori coinvolti.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome