Home ATTUALITÀ Tomba di Nerone, canna fumaria o antenna camuffata?

Tomba di Nerone, canna fumaria o antenna camuffata?

canna240.jpgUna stravagante canna fumaria spuntata nottetempo sul tetto di via Leonessa 5 questa mattina ha allertato i residenti. Una canna fumaria con gli sportelli sui lati che canna fumaria è? E se fosse un’antenna telefonica camuffata? Non ci sarebbe da stupirsi dopo gli alberi finti messi nei pressi dei parchi. E così è scattata la ricerca.

Ricerca che ha preso le mosse dalla preoccupazione dei residenti di via Corchiano, distante pochi metri da via Leonessa, sulla testa dei quali incombe la minaccia di un’altra antenna. La notizia, immediatamente giunta anche all’attenzione del XV Municipio, ha dato il via ad un sopralluogo della Polizia Municipale.

Ne danno notizia il capogruppo PD e la Presidente della Commissione Politiche Sociali e Sanitarie del XV, Marco Paccione e Agnese Rollo, che così dichiarano in una nota. .

“Nella mattinata di oggi su segnalazione di numerosi cittadini e comitati abbiamo immediatamente avviato un procedimento di accertamento e verifica sulla stravagante canna fumaria, che si presume possa contenere un’antenna di telefonia mobile, spuntata nella notte sullo stabile di via Leonessa 5. E’ stata quindi immediatamente allertata la Polizia Locale, alla quale è stato chiesto un sopralluogo urgente per verificare che i titoli autorizzativi siano regolari e per capire esattamente di che struttura si tratti.”

canna470.jpg

“Al contempo – aggiungono – è stato interpellato il Presidente Daniele Torquati il quale ha immediatamente chiesto chiarimenti formali e urgenti al dipartimento PAU, che si occupa delle stazioni radio base, per capire come sia possibile aver autorizzato quell’antenna e che iter sia stato seguito.
Ci aspettiamo che il Dipartimento faccia immediatamente chiarezza e ci spieghi come una struttura del genere, così vicina a numerosi luoghi di interesse da salvaguardare e in una zona così densamente popolata, possa essere stata autorizzata e montata furtivamente, camuffandola da canna fumaria quasi a voler ingannare i cittadini, nonostante la raccolta firme e le opposizioni motivate dei residenti e dei comitati del quartiere presentate come da regolamento precedente nei tempi previsti dallo stesso PAU.”

“Nel marzo 2014 i cittadini hanno infatti presentato concrete osservazioni ad opposizione della richiesta di installazione attenendosi all’allora protocollo di intesa, attendiamo perciò con urgenza di conoscere l’iter perseguito dal PAU per attestare la regolarità o meno della procedura”, hanno concluso Paccione e Rollo.

Fabrizio Azzali

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome