Home ATTUALITÀ Isola Farnese, “Non ero giovane, ma forte sì…”

Isola Farnese, “Non ero giovane, ma forte sì…”

nasone240.jpg“Non ero giovane, ma forte sì. Ho svolto con onore il mio lavoro e servito per più di cinquant’anni generazioni di bambini ed adulti, che qui si son fermati. Ho lottato per anni contro il gelo, la pioggia e il sole. Purtroppo una notte di inizio maggio sono stato abbattuto da alcuni dementi che nel proprio DNA di civico non hanno niente”.

“Mi chiamo Nasone e da più di un mese giaccio a terra senza che le istituzioni si prendano cura di me. In questo periodo è passata tanta gente, anche il santo durante la processione in occasione della festa patronale, ma nessuno si è accorto di me e del mio grido silenzioso di aiuto.
L’unico dispiaciuto è il viandante poverino che percorre la Via Francigena. Infatti dopo aver percorso chilometri di strada dissestata arriva finalmente al Borgo e speranzoso di avere un po’ di acqua fresca lo accolgo purtroppo così.”

nasone.jpg

A parlare, con la voce dell’associazione “Valorizziamo Veio”, è l’antico nasone di Isola Farnese che giace abbandonato a terra per mano di qualche incivile in attesa che un’anima pia, visto che Acea e Comune si rimpallano la competenza della riparazione, si prenda cura di lui.

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Sostenitori del sindaco-giramondo andate sul sito “ROMAFASCHIFO” e vedrete quante storie come questa che trovate…..intanto a Roma si prepara la settimana del GAY-PARK per sostenere i “diritti” di omosessuali, transessuali, lesbiche, intersessuali, queer (ma chi cavolo sono??)…questo si che vuol dire buon governo della città.

  2. @strix
    personalmente non amo i toni di romafaschifo. Preferisco l’eleganza di un articolo come questo.
    ironico quanto basta per far vergognare chi non fa il proprio dovere di amministratore della res pubblica.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome