Home ATTUALITÀ Ruspe a Tor di Quinto, abbattute baracche abusive

Ruspe a Tor di Quinto, abbattute baracche abusive

ruspa.jpgSgomberate e demolite diverse baracche abusive nel terreno al civico 57B di viale Tor di Quinto, quella grande area dove sorge in attesa di nuova destinazione il Ciak Village e dove l’Anpet con i suoi ragazzi autistici ancora resiste tenacemente minacciando però azioni clamorose se verranno fatti allontanare.

Un’area peraltro balzata alla cronaca lo scorso anno sia per i fatti di Mafia Capitale sia per l’omicidio del tifoso napoletano Ciro Esposito, da quel cancello infatti il 3 maggio 2014 uscì Daniele De Santis con la pistola in pugno.

Un’area nella quale l’abusivismo formalmente la fa da padrone.Totalmente abusive erano infatti anche le baracche demolite questa mattina. Abitate da una trentina di senza fissa dimora, all’arrivo delle ruspe erano però già vuote.
alle operazioni sono stati presenti l’assessore capitolino Paolo Masini e il presidente del XV Municipio, Daniele Torquati.

Visita la nostra pagina di Facebook

7 COMMENTI

  1. spero costruiscano delle belle palazzine residenziali è l’unico modo per controllare la situazione ed abbellire quella parte brutta di Roma

  2. palazzine residenziali a Tor di Quinto ??? Quella brutta parte di Roma ??? BA ma che sta dicendo, ma la conosce la zona o parla a vanvera ?? BA, bah !

  3. B.A. ci sono varie controindicazioni a scrivere post sotto l’effetto di alcolici.
    Prima fra tutti il rischio di scrivere buffe castronerie.
    A parte il fatto che mai nessun territorio -anche il più degradato- ha tratto giovamento dalla mera costruzione di insediamenti residenziali di alcun tipo (per di più di “palazzine”, figuriamoci); forse le sfugge (anzi senza forse) che Tor di quinto è uno storico viale che costeggia una zona verde ineguagliabile, che vanta un passato ricco di storia, e che attraversa un prezioso habitat naturale fluviale per uccelli e flora, una zona ricca di reperti archeologici e ormai consolidata come polmone verde di Roma nord.
    Ben fatto alle ruspe a Tor di Quinto, ora ci vorrebbero in via Bomarzo e Via Due Ponti, altre vie avvilite da criminali costruzioni abusive.

  4. Eh si, ora il Comune abolisce le case abusive? Il Comune … di Roma?! Quello di Mafia Capitale? Quello delle terrazze del Presidente ? Proprio quel Comune li che non ha fermato neanche il progetto di costruzione sulla Tomba del Gladiatore ?
    Quello che ha permesso la costruzione delle case di Papillo dicendo che il verde che manca per costruire lo supplisce con il verde in altre parti di Roma in barba a qualsiasi legge e su cui neanche 2 interpellanze parlamentari hanno potuto fare luce? Quello che prima vende ad una miseria e poi riaffitta lo stesso stabile dove risiede il municipio a 500.000E anno? Dando poi la manutenzione allo stesso a cui affitta. Stiamo sempre parlando di QUEL Comune li?

    Una cosa sono 4 baracche di persone povere e senza amici potenti, una cosa sono le costruzioni e gli affari degli amici degli amici. Due ponti…stai sereno.

    Tutta l’arte del governo consiste nell’arte di essere onesti.
    (Thomas Jefferson)

    Esprimo solo opinioni personali.

  5. . . . . Concordo con Giuseppe !!!!!!!!!!!!

    il parco di Tor di Quinto doveva partire dalla fine di Via Roccaporena dove una volta c’era il corcolo del Tennisi del Fleming, andate a vedre cosa hanno fatto in 30 anni !

    IL NULLA PER IL VERDE ANZI . . . .. . . ….

  6. Dimenticavo… quel Comune che prende per l’intero affitto del ex ippodomodro delle capanelle 20.000E a fronte di 5Milioni di Incassi quando l’accordo prevede che vada al comune il 40%.. (non sono sicurissimo della percentuale) ?

    Pensateci, Quante cose può fare il Comune di Roma se amministrato correttamente?

    Tutta l’arte del governo consiste nell’arte di essere onesti.
    (Thomas Jefferson)

    Esprimo solo opinioni personali.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome