Home ATTUALITÀ La Storta, in arrivo polizia antisommossa a Casal San Nicola?

La Storta, in arrivo polizia antisommossa a Casal San Nicola?

sn240Notizia tutta da verificare; a diffonderla pochi minuti fa con un comunicato è stato Fabrizio Santori, consigliere della Regione Lazio, secondo il quale pare che insieme alla cooperativa che accompagna gli immigrati, a Casale San Nicola stiano arrivando anche le forze dell’ordine in tenuta antisommossa a tutela della struttura della ex scuola e dei suoi prossimi ospiti.

“A Roma è emergenza sicurezza, ma l’Amministrazione Marino e il Ministero dell’Interno continuano a rimpinguare le periferie di rom, richiedenti asilo politico ed extracomunitari clandestini senza minimamente interrogarsi sulle reali conseguenze di una invasione che non ha uguali in tutta Europa”.

E’ quanto dichiara nel suo comunicato il consigliere della Regione Lazio Fabrizio Santori che riferendosi al prossimo arrivo di richiedenti asilo politico nel centro d’accoglienza nella ex scuola Socrate a Casale San Nicola, area che è tutt’ora presidiata dal comitato locale (leggi qui), sostiene che “sembrerebbe che insieme alla cooperativa che accompagna gli immigrati, stiano arrivando anche le forze dell’ordine in tenuta antisommossa.”

“Il Prefetto di Roma Gabrielli si interroghi sullo stato d’animo dei residenti da una situazione esasperante e sull’orlo di una rivolta – conclude Santori -. Non è con il buonismo sfrenato che si risolvono le criticità di un territorio sotto assedio delinquenza, criminalità, povertà e disagio sociale”.

Visita la nostra pagina di Facebook

5 COMMENTI

  1. Casale San Nicola sotto assedio delinquenza, criminalità, povertà e disagio sociale ??? Ma Santori c’è mai stato ??? Oppure è un comunicato a fotocopia ??

  2. Io sono una libera cittadina e vorrei sapere perchè ieri nell’accompagnare mio figlio a fare sport, alcune persone mi hanno obbligato a cambiare strada, perchè queste cose sono ammesse???E perchè il circolo sportivo non reclama?? Che tristezza!!

  3. Forse un pò di comprensione per quello che stanno provando queste persone a causa di questa decisione calata dall’alto e su come questa potrebbe cambiare le loro vite potrebbe portare tutti ad un pò di tolleranza. Sulla criminalità le posso confermare che i furti sono davvero frequenti e che la sicurezza è davvero un problema non avendo Casale San Nicola nessun tipo di illuminazione pubblica.

  4. Forse un po di comprensione ci vorrebbe anche per coloro che rischiano la morte per avere una speranza di vita. Io non ho nulla contro chi chiede chiarezza e trasparenza, ma inorridisco davanti a tanta cattiveria indiscriminata. I furti ci sono in tutta Roma e in zona avvengono anche in zone meno isolate, io abito in Via Tieri e sono all’ordine del giorno, ma che prove avete che siano extracomunitari a farli? Ma qualcuno si è documentato su che calvario affrontano queste persone prima di arrivare. Questi viaggi della speranza durano anni, durante i quali le persone sono trattate come schiavi in cambio di un pezzo di viaggio, per non parlare delle donne che subiscono ogni tipo di violenza. Capisco il disagio degli abitanti ma vi cerchiamo anche di avere un minimo di pietà e ovvio che le cose devono essere fatte bene e non per arricchire l’ennesimo aguzzino.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome