Home ATTUALITÀ NCD XV: “Prefetto Gabrielli sappia che a Roma Nord è allarme sicurezza”

    NCD XV: “Prefetto Gabrielli sappia che a Roma Nord è allarme sicurezza”

    foto-5.jpg“L’intervento del Prefetto Gabrielli nel Municipio XV si è rivelato una presa d’impegno nella risoluzione delle problematiche del territorio. Restano però aperte numerose situazioni, che finora non hanno riscontrato l’attenzione del Presidente Torquati”. Così in una nota i consiglieri NCD Stefano Erbaggi, Giuseppe Mocci, Dario Antoniozzi e Isabella Foglietta (del XV), Stefano Oddo e Simona Peri (del XIV).

    Per essi i problemi che non hanno ricevuto attenzione da parte di Torquati spaziano “dagli insediamenti abusivi al degrado di via Stasi, dai quotidiani episodi di microcriminalità agli insediamenti abusivi per arrivare fino all’emergenza sicurezza a Ponte Milvio e via del Baiardo”.

    “L’incontro col Prefetto – aggiungono – è stato organizzato dalla Sinistra in modo approssimativo e carente. I Consiglieri sono stati informati all’ultimo momento di questo intervento ed eravamo tutti ignari che il Presidente Torquati avesse consegnato una relazione al Prefetto Gabrielli, in alcun modo da noi condivisa, ad ennesima conferma della volontà di Torquati di non riconoscere minimamente il ruolo dei Consiglieri eletti in municipio”.

    “Teniamo a considerare – incalzano gli esponenti NCD – che davanti all’arrivo di 150 profughi il Presidente del Municipio XV non ha preso alcuna posizione a tutela del territorio e dei cittadini, dimostrando ancora una volta un atteggiamento molto approssimativo nei confronti degli abitanti di questo quadrante di Roma nord. Nel corso della riunione che si è svolta con Prefetto e Comitato San Nicola abbiamo ribadito la contrarietà all’approdo di nuovi immigrati: pur riconoscendo la situazione di disagio e difficoltà che sono costretti ad affrontare, riteniamo – concludono – che le aree periferiche di Roma nord risentano già molto, dal punto di vista della sicurezza, della presenza di stranieri, comunitari o extracomunitari, ed insediamenti abusivi”.

    Visita la nostra pagina di Facebook

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome