Home AMBIENTE Via Tomba di Nerone tombata nei rifiuti

Via Tomba di Nerone tombata nei rifiuti

via-tombadinerone240.jpgVia Tomba di Nerone è una strada contorta che scende dalla Cassia verso la Riserva dell’Insugherata; costeggia la parte posteriore della Chiesa di S.Andrea, alcuni condomini e un consorzio e muore in un supercondominio che rivendica la proprietà del tratto finale. L’abbiamo percorsa tutta e non è stato piacevole scoprire che la situazione non è molto diversa dal contesto generale.

La presenza della tabella in marmo, la segnaletica stradale e il fatto che quella strada sia utilizzata anche dalle ambulanze che escono dalla “succursale” del S.Filippo Neri lasciano intendere che, almeno nel tratto iniziale, la strada sia pubblica.

Di questa area in generale ce ne siamo occupati una infinità di volte per denunciare il degrado dei giardini, la sporcizia dell’area cani, la presenza di vagabondi e senza tetto, l’abbandono di Villa Paladini e del parco che la circonda; Via Tomba di Nerone non poteva che uniformarsi a quella che è la situazione generale.

Dove finisce l’asfalto e inizia un fitto boschetto sorge una piccola-grande discarica che con il tempo va sempre più ingrandendosi; come tutte le discariche che si rispettino non si fa mancare nulla.

 collage-viatombadinerone1.jpg

Brande, materassi, mobili, frigoriferi, televisori, schermi per PC, plastica, sacchetti di rifiuti, bottiglie di birra e cartoni per il vino. Il tutto in mostra a chi transita a piedi o con l’auto. Anzi, qualcuno ci parcheggia sopra.

Sull’origine della discarica possiamo avanzare una ipotesi: da anni i giardini e la fitta vegetazione ai margini della Riserva ospitano numerosi senzatetto che trascorrono la notte in rifugi improvvisati e che evidentemente si liberano dei rifiuti gettandoli ai bordi della via.

collage-viatombadinerone2.jpg

Ma è solo una ipotesi; la certezza invece è che nessuno ha mai pulito quel tratto di Via né sembra intenzionato a farlo. Magari si aspetta che i rifiuti tracimino verso il basso come la grande frana all’interno dell’Insugherata.

Resta però il fatto che quella gran massa di detriti e sporcizia contrasta fortemente con i bei palazzi signorili, protetti da muretti e recinzioni, e che affacciano sulla Riserva. Ma Roma-Nord, si sa, è terra di contrasti.

Francesco Gargaglia

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome