Home ATTUALITÀ Flaminia: chiuso sottopasso Euclide, traffico impazzito

Flaminia: chiuso sottopasso Euclide, traffico impazzito

a1240.jpgTraffico impazzito sulla Flaminia questa mattina, con lunghe code di auto che iniziano dal GRA e si prolungano fin Corso Francia. Il tutto è dovuto al solito allagamento del sottopasso “Euclide” che ne ha causato la chiusura. Impossibile quindi dirigersi verso Tor di Quinto e tutto il traffico viene incanalato verso Corso Francia. Scarsa l’informazione sui cartelli luminosi a messaggio variabile.

 

a3470.jpg

 Su Facebook, il presidente del XV Municipio, Daniele Torquati, così informa: “Purtroppo nonostante il continuo lavoro delle pompe di sollevamento del sottopasso di Tor di Quinto il livello durante questa notte si è alzato per un sovraccarico del fosso. Rispetto al passato il sistema non è andato in corto perchè tutto l’impianto di sollevamento grazie i lavori di adeguamento è stato spostato. Ora siamo a lavoro per riaprire il prima possibile.”

a470.jpg

Visita la nostra pagina di Facebook

7 COMMENTI

  1. Credo che accanirsi su chi governa adesso sia come sparare sull’ambulanza.
    Per questa ragione, oggi, nonostante le decine di segnalazioni che riceviamo, ritengo piú utile tacere.
    L’articolo che cita il “solito” allagamento del sottopasso “Euclide” rende profondamente il senso dell’amarezza di molti che oggi si tengono dentro i tanti sentimenti che provano e che hanno un’idea diversa delle “prioritá” a Roma.
    G.Mori

  2. @g,mori Sta di fatto che io oggi per fare 10 km ho impiegato 2 ore, per la chiusura del sottopasso è stato complicato uscire anche da Prima Porta, è chiaro che non è colpa dei governanti attuali, ma probabilmente avrebbero dovuto o potuto segnalare la chiusura proprio per evitare quello che poi è accaduto.

  3. Prigionieri a casa …oggi impossibile uscire in orario utile da Colli’oro , la fila a Via Macherio e durata fino alle 10 am. Mi domando e possibile che ogni volta si allaga il sottopasso “Euclide”. Perché succede soltanto in questi ultimi anni. Io sono in questa zona dal 1984 e vi posso assicurare che prima non succedeva. Mica sarà il sistema di scarico delle fogne che e fatto male?

  4. Il Presidente Torquati il 10 luglio aveva fatto sapere che il governo aveva creato una nuova “struttura di missione” incaricata di intervenire per la messa in sicurezza del territorio che avrebbe impiegato beni 4.000.000.000 miliardi di Euro; Roma e Roma Nord erano state segnalate come “priorita”. Il 23 luglio sempre Torquati dava l’annuncio della costituzione di una “Task-Force Interistituzionale” sempre sul rischio idrogeologico. Bene, anzi, benissimo!
    Ora, trascorsi 4 mesi, sarebbe bello che il Presidente Torquati ci spiegasse:
    – quanti di quei 4 miliardi sono stati spesi in progetti di messa in sicurezza e che riguardano il territorio di Roma Nord
    – che cosa ha fatto di concreto la TF inteistituzionale
    A giudicare da quanto avviene si direbbe che nulla è stato fatto ma aspettiamo fiduciosi una risposta; se non ci sarà allora vuol dire che quelle erano solo chiacchiere.
    PS: Rodolfo non mi prendere per un rompiscatole ma in “democrazia partecipata” è doveroso fornire informazioni su quello che viene fatto.

  5. La TASK-FORCE- INTERISTITUZIONALE-SUL-RISCHIO- IDROGEOLOGICO?
    Sicuramente, come avevamo fatto notare allora, la solita balla dal momento che nessuna risposta è arrivata in merito alle azioni intraprese.
    Ma veramente questa gente pensa di prenderci per i fondelli in questo modo?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome