Home ATTUALITÀ Ottavi: “I cittadini del XV non ci capiscono se la politica si...

Ottavi: “I cittadini del XV non ci capiscono se la politica si riduce a comunicati stampa”

ottavi3.jpg“A seguito del comunicato di Luigina Chirizzi, presidente del Consiglio del XV Municipio, sento la necessità di fare chiarezza su alcuni punti e fornire, quindi, una corretta informazione ai cittadini.” Inizia così una nota di Michela Ottavi, assessore alle politiche sociali del XV Municipio.

“Invito la Consigliera Chirizzi, che governa con noi il Municipio, a una maggiore condivisione e collaborazione convinta che si risponda ai bisogni del territorio con un lavoro quotidiano, costruttivo e partecipato. La mia porta è sempre aperta per i Consiglieri di maggioranza e opposizione e per i cittadini che ogni giorno ho il piacere di incontrare sul territorio e in Assessorato.”

“Leggo che gli arredi e gli atti necessari all’apertura del centro sociale anziani di Via Pomponesco sono un problema secondario” continua Ottavi spiegando che “il Regolamento comunale all’art.3 ci dice che è fatto obbligo al Dipartimento Politiche del Patrimonio, al Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione urbana e al Dipartimento politiche sociali di coadiuvare, per quanto di competenza, i Municipi all’espletamento delle procedure per l’istituzione, l’allestimento e il mantenimento dei centri anziani.”

“L’articolo 5 ci dice che è fatto obbligo al Municipio di svolgere gli adempimenti necessari per adeguare le strutture alle normative vigenti, ivi comprese le cucine, in particolare in materia di legge 626/94 e modifiche, di igiene e sicurezza, antinfortunistiche, di abbattimento delle barriere architettoniche, nonché provvedere alla dotazione del necessario arredamento, all’allaccio e pagamento delle relative utenze, alla pulizia dei locali, alla copertura assicurativa di tutti gli spazi del centro.”

“Credo sia nostro dovere come Amministratori – sostiene l’assessore – garantire l’apertura di servizi sul territorio a norma di legge e la mera presentazione della Delibera per l’istituzione di un centro anziani è solo il primo passo. In mancanza di un trasferimento di fondi da parte dei Dipartimenti ho proposto in sede di discussione e approvazione di bilancio una variazione , autorizzata in questi giorni dalla Ragioneria Generale, che ci permetterà di poter procedere con l’arredo e gli atti necessari per l’apertura.
Per quanto riguarda la mia diretta competenza abbiamo proceduto con l’iscrizione dei soci anziani, atto propedeutico all’istituzione. Avendo gli strumenti per espletare gli atti richiesti dalla legge ora siamo nelle condizioni di aprire il Centro le elezioni degli Organismi entro il mese di ottobre.”

“Accolgo sempre con favore tutte le sollecitazioni ma chiedo anche che siano costruttive e non creino inutili allarmismi: i cittadini – conclude Michela Ottavi – giustamente non capiscono e non riconoscono la Politica se questa è fatta solo di comunicati stampa.”

Visita la nostra pagina di Facebook

14 COMMENTI

  1. Brava Michela, questo è parlare chiaro, basta con i comunicati criptati !! Non è la prima volta che lo dico, sono e siamo arcistufi di leggere comunicati per gli addetti ai lavori, scritti solo per farsi belli o per inviare da uno all’altro messaggi incomprensibili per noi. Questo della Ottavi almeno è chiaro, si fa capire e dice come stanno le cose senza fare tanto fumo. Saluti e buon pomeriggio.

  2. Ma sbaglio oppure è la seconda volta che le due signore delle istituzioni si “beccano”? Una signora, sempre la stessa, lancia il sasso e l’altra signora deve correre a “riparare”. Ma non parlate tra voi?
    E’ vero: un comunicato lo leggono decine di persone, se vi scambiate due parole non lo sa nessuno……. Vogliamo fatti e non parole!

  3. …per favore ….chiudetevi in una stanza e…… parlatevi….
    …un tempo lo chiamavano “confronto democratico”…..

  4. cara Michela,

    faccio una premessa: la mia presenza nella nostra istituzione locale la vivo come un mandato collettivo. Sono gli abitanti di Labaro, Prima porta e Valle muricana che mi hanno dato l’onore e la responsabilità di rappresentarli. Con loro, lavoro e scelgo. Appartengo ad una comunità politica, il pd, che dopo tanti anni ha la responsabilità di governare il Municipio. Il vincolo di maggioranza lo sento tutto, sapendo che la dura missione del risanamento economico e finanziario del comune, deve imporci un maggiore livello di solidarietà. Provo a ricordarmelo ogni giorno. La sfida è dura e ne siamo tutti consapevoli. La condivisione delle priorità di intervento però deve essere alla base del vincolo di maggioranza. Questo, cara michela, è il punto. Lo dico perchè sono convinta che per l’apertura del centro anziani di Via pomponesco potevamo fare di più. Da un anno e mezzo abbiamo la responsabilità di una struttura che è oggi in stato di abbandono. I recenti danni alle recinzioni e agli spazi interni propabilmente ci costeranno più di quello che sarebbe stato necessario all’apertura. Provo un certo imbarazzo anche perchè in questo anno e mezzo, permettimi, non ho percepito il carattere di urgenza su questo problema. E, come sai, abbiamo approvato la delibera di istituzione del centro anziani non senza ostacoli di natura politica. Purtroppo, per un atto formale, ho dovuto dare battaglia. Ricorderai anche che ho rappresentato questa nostra difficoltà anche all’Assessore Cutini. La variazione di bilancio (e ringrazio l’assessore paris per aver contribuito a reperire 10.000 per gli arredi recuperandoli dalla manutenzione urbana) avviene a distanza di un anno.
    Ripeto: un anno e mezzo è difficile da giustificare. Non voglio polemizzare con te ma intendo rappresentare un disagio rispetto alla definizione delle priorità che la nostra amministrazione si da. E’ anche accaduto che, a mezzo stampa, nostri colleghi si siano rivolti all’ass. Marino, denuciando un intollerabile degrado nel parco della pace e chiedendo con forza un intervento. Non c’è niente di male nel segnalare pubblicamente un sentimento fatto di impegno, passione e impotenza. Bene, con gli strumenti che ho a disposizione continuerò a dar voce ai cittadini dei nostri quartieri. Cerca solo di capire che a volte, noi consiglieri, siamo costretti a farlo pubblicamente.

    Gina Chirizzi

  5. Complimenti a Vignaclarablog., nuova sede del Municipio, dove le Istituzioni dialogano tra di loro……
    Adesso interverrà anche il Presidente Torquati?

    PS. Per la consigliera Chirizzi esiste solo Labaro Prima Porta…….che il resto del Municipio si arrangi da solo!

  6. ….BELLISSIMO…!! GOVERNANO INSIEME, SI VEDONO (O ALMENO DOVREBBERO) TUTTI I GIORNI IN MUNICIPIO E….SI PARLANO PER WEB….!!!
    MA CHI CE L’HA MANDATE ???

  7. Finalmente, come immaginavo, il nodo é venuto al pettine.
    le differenze culturali tra SEL e PD sono uscite in modo dirompente, in modo analogo a ció che avvenne anni or sono dentro il PDL.
    Questo non vuol dire che necessariamente le conclusioni saranno le stesse.
    La sinistra ha sempre avuto una maggiore capacitá culturale di far inghiottire ai propri elettori contraddizioni, compromessi e consociazione, tanto da mettere Roma e il Lazio alla mercé della banda composta da individui del calibro di Bettini, Cerrroni, Di Carlo, Veltroni, Caltagirone, Rutelli, Bonifaci.
    Credo che la Chirizzi centri il punto quando parla di prioritá di intervento nella politica.
    Mi ricorda molto la querelle che ha visto giá rendere biblici i tempi di conclusione del centro anziani di Via s.Felice Circeo.
    Ogni passaggio elettorale da noi approccisto comportava un piccolo investimento che peró non si rivelava risolutivo.
    Si appellava il fatto che mancassero i soldi.
    Peccato che quei soldi peró per altre iniziative invece si trovassero, anche se di bassissimo livello, marchette sociali, befane ignobili, etc.
    Si pensava che si potessero fare le cose tutte un mese prima delle elezioni.
    Ma i cittadini non hanno piú l’anello al naso.
    Qui é la stessa identica cosa.
    Le parole di Ottavi suonano offensive a tutti coloro che ritengono la dimensione del “sociale” privilegiata nelle prioritá politiche e il penoso tentativo di nascondersi dietro il dito del rispetto della legge, ad esempio della 626, é solo la conferma di ció.
    Ma tutta questa attenzione alla legalitá cara Ottavi, dove la mettete quando vi occupate di temi come integrazione nomadi, occupazioni case popolari, etc. ?
    La veritá é che oggi, come mi confermano in molti sul territorio, é che il sociale in XV é un baraccone clientelare come lo era ieri e il cattivo gusto nel tentativo di sviare la realizzazione delle prioritá territoriale ha lo stesso sapore di prima.
    La solita sindrome di Orwell che incarna la sinistra romana.
    Oggi vestono come i nemici che volevano abbattere e parlano la stessa lingua.
    Penose le parole in questo comunicato che mi ricordano le altrettanto offensive di qualche anno fa: “la mia porta é sempre aperta per consiglieri e cittadini…”.
    Sono sicuro che farete la stessa fine, in quanto il consenso clientelare fa sentire forti e genera molta arroganza, ma … quando si perde, ti lascia solo e abbandonato in un angolo.
    Come é giusto che sia.
    G.Mori – Fratelli d’Italia XV municipio.

  8. La verità (dal mio punto di vista) è che con la giunta Torquati sembra di assistere al secondo tempo di un film già visto durante la giunta Giacomini, quando la sua maggioranza di centro destra si logorava a suon di polemiche via web . Come dire? cambia il colore politico degli attori ma il risultato non cambia. Altro che autonomia e maggiori poteri ai municipi!!!

  9. Come Comitato di quartiere Karl Wojtyla è un anno che chiediamo l’apertura del centro e sulla nostra pagina Facebook ne abbiamo documentato le condizioni, quindi basta chiacchiere.se ancora non avete deciso a chi affidato è un problema vostro noi come cittadini di valle muricana lo vogliamo aperto.Ottobre è arrivato ha 31 giorni ne abbiamo già consumati 4 e la struttura continua a deteriorarsi con un aggravio dei costi.

  10. Ma prima vi siete affidati a questa gente poco seria e poi ve ne accorgete e volete anche criticarli??? ma fatevi un esame di coscienza !!!!

  11. @ Nico Ferri, quanto je rode, quanto je rode l’aver perso l’unico municipio sempre a destra. Fattene ‘na ragione… tra qualche anno avrete la rivincita….

  12. Nico il problema è che prima c’eravamo affidati a Giacomini & co.. con i risultati che tutti abbiamo ammirato. Se un municipio come il nostro, da sempre feudo di centro destra passa a sinistra ci sarà una ragione. Le trovi

  13. Dagli interventi in risposta al mio post capisco bene il livello intellettivo del target che sostiene sia l’amministrazione comunale che municipale. Forse non vi rendete conto che le pochissime cose fatte da Torquati in positivo era state decise e programmate dalla vecchia amministrazione municipale. Se poi volete fare le solite chiacchiere da bar dello sport fate pure, ma difendere l’indifendibile ragazzo presidente serve a poco.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome