Home ATTUALITÀ Vicenda via Vitorchiano, M5S: “Soddisfatti per il no del XV Municipio”

Vicenda via Vitorchiano, M5S: “Soddisfatti per il no del XV Municipio”

Via Vitorchiano“Grande soddisfazione del M5S per il netto rifiuto espresso giovedì 7 agosto dal Consiglio del XV Municipio alla proposta di delibera ‘Riqualificazione Urbanistica della Stazione ferroviaria di Due Ponti’. Così si esprime in una nota il Movimento 5 Stelle del XV Municipio.

“Già il giorno precedente – ricorda la nota – era stata protocollata una memoria indirizzata oltre che alle cariche politiche e amministrative del Municipio anche al Dipartimento, pronti a favorire e appoggiare, come dichiarato in Consiglio, qualsiasi intervento atto a tutelare un’area di notevole importanza storica, paesaggistica e archeologica”.

“Il Municipio XV conserva una pagina importante della nostra cultura ed è dovere di tutti noi preservarla da speculazioni” conclude la nota alla quale viene allegata la memoria presentata dalla consigliere M5S Teresa Zotta nella quale si riassumono i motivi per i quali ha votato contro la costruzione del centro commerciale (leggi qui).

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Non è nostra abitudine vantarci. Io so solo una cosa. Abbiamo riportato all’attenzione il problema in seguito a lavori sospetti che abbiamo denunciato sin da dicembre. Ci hanno negato l’accesso agli atti accampando motivazioni discutibili sulle quali cercheremo di andare a fondo. Polemicamente mi chiedo quali iniziative sono state assunte dal Municipio presso il Dipartimento per bloccare quella proposta che viene presentata con attenta puntualità e questa volta ad agosto e a firma PD, mi sembra.
    Fuor di polemica ribadisco la disponibilità a qualsiasi iniziativa; per quel che ci riguarda faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità, confidando nell’aiuto di tutti, per bloccare quello che risulta essere un vero e proprio scempio.

  2. Qui nessuno è favorevole al degrado, siamo tutti contrari, e siamo altrettanto motivati e contrari a fare ad ogni costo “qualcos’altro” di orrendo, partorendo un mostro di cemento nel distrezzo dell’ambiente e della storia che circonda quell’area, che ripeto in qualsiasi parte del mondo sarebbe stata valorizzata e sfruttata da anni in modo completamente diverso..
    Le cose alternative da fare veramente utili alla cittadinanza e fatte in modo ecosostenibile ce ne sarebbero tante se vuole glie le posso elencare basta avere buon senso, volonta a farle e spirito costruttivo.

  3. Rispondo a “bea” che forse non conosce bene il territorio. Quel minuscolo lotto che i nostri amministratori vorrebbero regalare alle brame di un noto costruttore per farci un ecomostro di cemento dove secondo PRG non si potrebbe fare, è sempre stato un fazzoletto di verde. Dopo che la Regione con i soldi di noi contribuenti ha riqualificato la stazione il lotto si presentava sempre a verde, con un piccolo boschetto di tigli e carpini nello spicchio accanto alla stazione di servizio. Adesso il costruttore ha raso al suolo il boschetto e vi ha trasportato tonnellate di terra per modificare il profilo del terreno. Il tutto, come denunciato già 5 mesi fa dalla Zotta, senza alcuna autorizzazione. Adesso il lotto non è certamente in condizioni di degrado, ma solo sgombro; per di più non è visibile, perché completamente circondato da pannelli alti più di 3m eretti sempre dal costruttore agganciandoli ai muri reggi-terra della Flaminia e della ferrovia, quindi non è chiaro perché la signora bea è disturbata (al punto di auspicare un assurdo scempio urbanistico) da uno “squallore” che, se pur ci fosse, di certo non può vedere.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome