Home ATTUALITÀ Viaggio nella storia della Tuscia, tocca a Vasanello

Viaggio nella storia della Tuscia, tocca a Vasanello

gita-in-auto

Senza soluzione di continuità, proseguono i cammini nel territorio della Tuscia per scoprire e riscoprire un territorio storicamente importante a due passi da Roma. L’appuntamento è ai piedi del Castello Orsini, il luogo è già garanzia di cultura… e si parla anche di fantasmi.

Il nuovo appuntamento con “Le passeggiate del santo editore” va in scena sabato 28 giugno alle 16 a Vasanello, in piazza della Repubblica, ai piedi del castello Orsini. Stavolta Davide Ghaleb presenta “Passeggiata Palazzolo-A spasso fra le rovine dell’insediamento fantasma”, di e con Antonello Ricci, con “pillole” storico-archeologiche di Giancarlo Pastura a margine del suo libro “Il territorio di Vasanello in età medievale-La realtà rupestre”, con la partecipazione di Pietro Benedetti.

L’itinerario si snoda tra la necropoli dei Morticelli, il pianoro del distrutto insediamento di Palazzolo e la colombaia delle grotta delle Monache e, come sempre, il biglietto consiste nell’acquisto di un libro a scelta fra quelli del ricco catalogo di Davide Ghaleb Editore. L’evento nasce con il patrocinio del Comune di Vasanello ed è realizzato in collaborazione con Museo della Città e del Territorio e Paper Moon, agenzia viaggi e T.O.

Moremassi

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. A Vasanello visitate la chiesa nella piazza principale e il campanile bellissimo dietro il castello (purtroppo questa seconda chiesetta è di solito chiusa…).

    Tra le curiosità del paese, una ricca biblioteca che custodisce, oltre ai 14.200 volumi, una mostra permanente con una raccolta di pesci fossili del Brasile il cui nucleo è stato donato dalla famiglia Froio, romana proprio del XV Municipio.

    E il “cuore romano” di Vasanello batte anche nel cinema “Albertone Nazionale”, intitolato a Sordi.

    Ma la sorpresa è scoprire nei vicoli del centro storico un pezzo di Finlandia grazie a un ristorante finlandese realizzato nelle cantina tufacea di un palazzo.

    Buona Tuscia a tutti!

    Emanuela

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome