Home ATTUALITÀ Il dubbio di Marzuolo: “Torquati come Berlusconi?”

Il dubbio di Marzuolo: “Torquati come Berlusconi?”

marzuolo.jpgMarco Marzuolo, Presidente dell’Associazione di volontari di protezione civile “Pronto Intervento C.B.”, a un anno dalle elezioni amministrative e dall’insediamento dell’amministrazione Torquati in XV Municipio affida ad una nota le sue valutazioni sull’operato del presidente e sul suo modo di relazionarsi con i cittadini.

“Daniele Torquati ha fatto la fine di Berlusconi? Domanda retorica (ovviamente) da quanto leggo sul suo profilo facebook. Guasti Acea, Telecom, Torquati, risolvili. Frane a Roma Nord? Torquati, fai accordi con il Padre Eterno! Piove? Colpa del Presidente Torquati! Viabilità e traffico in tilt? Vogliamo che Daniele Torquati si laurei in ingegneria per risolvere il problema! Scoppiano le condutture dell’acqua in Via Frassineto e magari la stessa strada è soggetta a rischio idrogeologico? Torquati, dove sei?

“Questi – avverte Marzuolo – sono solo alcuni dei tanti messaggi che ho voluto proporre ironicamente ai simpatizzanti, avversari e perchè no, agli ardui personaggi che vogliono esporsi per dare il proprio contributo alla cronaca di questo Municipio. Io voglio invece dare testimonianza di una semplice ma importantissima cosa che sta portando avanti il Presidente dal suo insediamento”.

Di cosa si tratta? “La vicinanza con la gente – asserisce Marzuolo – lo stare dentro il problema, discutere e a volte prendersi gli insulti a testa alta, stringere le mani sporche di fango a tutti quei Volontari della Protezione Civile che gratuitamente e con spirito di altruismo e amore per il proprio territorio affrontano le vere emergenze che dal 31 gennaio sono all’ordine del giorno.”

“Questo – sostiene Marzuolo – è un dato importante e sapete perchè? Siamo confortati, come se foste voi a fare quei gesti, siamo il primo Municipio ad essere considerati parte integrante di una famiglia, e come tali siamo orgogliosi di fare qualcosa anche per chi adita veleno nei nostri confronti e nei confronti di chi, per legge, ci rappresenta nelle calamità naturali.”

“Confido – esorta Marzuolo concludendo – in una più attenta riflessione. Additare, colpevolizzare e, come dicono in molti, strumentalizzare non serve e non porta da nessuna parte se non all’oblio e alla distruzione di anni di duro lavoro prevenzionale.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome