Home ATTUALITÀ XV Municipio, NCD-Gruppo Misto: “Bilancio, Marino ordina e Torquati obbedisce”

XV Municipio, NCD-Gruppo Misto: “Bilancio, Marino ordina e Torquati obbedisce”

comunicati“Saranno i cittadini a pagare. La Giunta Torquati ‘schiava’ di Marino vota a favore del bilancio e accorpa senza motivazione una serie di emendamenti presentati dall’opposizione”. Così in una nota i consiglieri NCD e Gruppo Misto del XV Municipio che hanno lasciato l’aula a dibattito sul bilancio in corso.

“Marino ordina e Torquati obbedisce” dichiarano compatti i consiglieri del Nuovo Centrodestra, Stefano Erbaggi, Giuseppe Mocci, Isabella Foglietta, Gianni Giacomini, Dario Antoniozzi, e del Gruppo Misto, Giuliano Pandolfi, sostenendo che “La dittatura della sinistra parte dalle imposte: aumenta la tariffa dei parcheggi, aumentano i coefficienti per le tasse sui rifiuti e sui beni comuni. Vogliono far passare un bilancio che vedrà i cittadini pagare di tasca propria a causa dell’incompetenza della Giunta Capitolina. Motivo per cui la Giunta Torquati ha votato a favore di una serie di provvedimenti che andranno ad incrementare le imposte a carico dei cittadini. Noi ci siamo opposti energicamente a questo andamento, facendo notare all’attuale Amministrazione che non né corretto incrementare le tasse, costringendo i cittadini a pagare per servizi dei quali non beneficiano a pieno, basti pensare alla situazione dei rifiuti nella Capitale, che è a dir poco disastrosa”.

Nella nota si spiega che “oggi, nell’odierna seduta consiliare, i consiglieri NCD si sono visti accorpare dalla maggioranza una serie di emendamenti. A seguito di questa presa di posizione immotivata e antidemocratica, che limita la loro libertà di potersi esprimere sui vari argomenti, gli esponenti del Nuovo Centrodestra e del Gruppo Misto hanno abbandonato l’aula”.

Nel farlo, hanno così motivato il gesto: “La Sinistra in questo Municipio sta facendo il male dei cittadini, lavorando solo per appoggiare Marino e per tenersi stretta la propria poltrona, senza opporsi minimamente ai rincari che il Sindaco stesso vorrebbe apportare. Questa dinamica incide negativamente anche sul nostro lavoro. Troppo spesso vediamo respinti dei documenti che richiediamo per il bene dei cittadini, solo perché questo Municipio è schiavo della volontà del Sindaco”.

Visita la nostra pagina di Facebook

9 COMMENTI

  1. Mi è chiaro il senso del vostro comunicato stampa, ma vi faccio notare che non tutti i lettori comprendono i tecnicismi d’aula come “l’accorpamento degli emendamenti” dell’opposizione. Per come avete formulato le prime tre righe del comunicato sembrerebbe di capire che il famigerato bilancio della Giunta Marino abbia “accorpato”, ovvero “recepito”, anche i vostri emendamenti (ovvero l’esatto contrario di quanto volevate invece giustamente comunicare). Il consiglio è di trovare qualche addetto stampa più capace o, se non avete l’addetto stampa, evitare di fare comunicati dove ognuno vuole mettere del suo, perché questo porta ad un tipo di comunicazione difficile da comprendere e spesso con effetto boomerang.

  2. @ghino, significato di accorpare:
    incorporare diverse entità in una unica… per estensione riunire, unificare.
    Non capisco che cosa non è chiaro. Non è stato di certo detto che gli emendamenti da noi presentati sono stati accolti con voto favorevole e inseriti nel bolancio comunale. Certo, questo è quello che noi speravamo…. ma non accadrà di certo.

  3. Certo l’aumento delle tasse è un provvedimento che non fa piacere a nessuno, né a chi lo prende, né tantomeno a chi lo subisce; ma magari gli autori del comunicato sopra riportato avrebbero anche potuto rendere edotti i lettori di questa testata del perché il Sindaco Marino è stato costretto a prendere un simile triste provvedimento.
    Visto che non lo hanno fatto loro, provo io a sopperire a tale “involontaria” dimenticanza.

  4. @Michele “Fake”G.
    perchè non ricordare anche il buco di bilancio (fra i 9 ed i 13 miliardi – anno 2008) che ha ereditato il sindaco Alemanno dalle precedenti amministrazioni ???

  5. @ Fake michele g. , ma non si rende conto delle sciocchezze che scrive?? quando vuol riportare dei dati ,non offenda l’intelligenza di chi la legge, quando vuol riportare dei dati dell’amministrazione precedente dica anche,sempre per onestà intellettuale, che quell’amministrazione di destra ha governato la città in piena crisi economica mondiale, a differenza delle precedenti che hanno causato un buffo da 12 e passa MILIARDI DI EURO ; perché non confronta l’eredità lasciata da Alemanno con quella che ha trovato lui quando è stato eletto sindaco??
    Di Marino e Torquati meglio non parlare, a causare i casini ci pensano da soli…

  6. Come se l’incapacità di un sindaco, di destra o di sinistra, possa giustificare l’aumento delle tasse! A chi ha la memoria corta ricordo le tante opere inutili o mai compiute (ne cito 3: Ara Pacis, Centro Congressi, Città dello Sport..) costate centinaia di milioni al contribuente. Se avessero impiegato gli stessi soldi per fare la MANUTENZIONE oggi Roma sarebbe una città più che vivibile. Solo che fare la manutenzione significa fare gli interessi dei cittadini mentre costruire opere faraoniche quanto inutili significa fare gli interessi della “lobby dei costruttori” ovvero degli amici dei politici. Questa gente deve essere mandata a casa!

  7. @ Ferri e Mocci:
    io ho citato dati forniti dal Ministero degli Interni (guidato dal vostro amico e sodale Angelino Alfano); voi tirate fuori dati a caso senza citare alcuna fonte per fare la solita ammuina.

    @ Strix: concordo con lei: purtroppo l’elenco delle opere inutili, non terminate e via dicendo è tristemente molto molto lungo e questa è una cosa di cui troppo spesso ci dimentichiamo.

  8. @ Strix, mi sembra che tutte le opere che ha riportato e in cui sono stati buttati al vento centinaia di milioni sono state progettate e non realizzate dalla sinistra e dai loro famosi archistar sinistroidi..

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome