Home ATTUALITÀ Cesano, via Bellino terra di nessuno…anzi no, terra di rifiuti

Cesano, via Bellino terra di nessuno…anzi no, terra di rifiuti

cartelloridateci.jpgLa situazione di degrado in via Bellino, a Cesano, ha toccato limiti di insopportabilità, anche perché si protrae da mesi nonostante gli allarmi e le richieste di aiuto lanciate dai residenti. A tornare alla carica è lo stesso lettore del quale pubblicammo lo scorso 22 aprile l’appello “ridateci i cassonetti”.

“In via Pietro Bellino ed in via Ferraiolo l’AMA ha tolto improvvisamente i cassonetti della raccolta indifferenziata, lasciandone alle circa 200 famiglie che vivono in questa zona solo due. Questa operazione oltre a creare un disservizio ai residenti che devono percorrere centinaia di metri per gettare la spazzatura, ha fatto sì che l’unico cassonetto rimasto in via Bellino sia costantemente strapieno, con l’immondizia che viene gettata ai lati del cassonetto occupando il marciapiede costringendo i pedoni a scendere pericolosamente sulla sede stradale”.

Così ci scrisse concludendo “Mi auguro che questa segnalazione possa smuovere qualcosa” (leggi qui).

La sua segnalazione è rimasta inascoltata e la situazione è terribilmente peggiorata, come si evince dalla foto scattata alle 19 di ieri.

via-bellino.jpg

Ma lasciamogli la parola.

“Segnalo per l’ennesima volta la situazione di via Pietro Bellino. Ormai la raccolta dei rifiuti fa acqua, è in crisi cronica, i due cassonetti presenti, ripeto solo DUE, per la raccolta indifferenziata sono costantemente pieni di spazzatura gettata dai residenti e ahimè dai pendolari della spazzatura provenienti dai paesi vicini, che raggiungono la stazione Fs utilizzando questa via di scorrimento che consente di accorciare il tragitto evitando il caos di via Baccanello. Lo spettacolo ormai indecente è quotidiano, con la spazzatura accumulata ai lati dei cassonetti che la notte è preda di animali con conseguente abbandono per la strada di ogni tipo di rifiuto.”

“Preciso che ogni mattina la strada è invasa dai rifiuti, e il personale AMA, quando presente, pulisce l’area immediatamente vicina ai cassonetti, ma ad appena 10 metri dai cassonetti le pulizie si fermano ed il degrado e la spazzatura aumentano.”

“Mi chiedo – conclude – come mai sul sito di Ama se si scrive una qualsiasi strada della zona è prevista la pulizia mensile mentre da più di un anno qui non si vede nessuno passare, eppure la bolletta la paghiamo!”

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. il concittadino ha a mio parere sacrosanta ragione ma l’inciviltà di chi getta materiale di ogni genere ( dai frigoriferi ai divani e dai copertoni ai detriti edili) è la conseguenza del disagio che pagano tutti i cittadini rispettosi delle regole. Perchè non creare punti di raccolta con telecamere di registrazione e “mazzolare” gli sporcaccioni con multe salatissime?

  2. caro gianfranco, tu hai perfettamente raggione ma la colpa e di chi ggetta i rifiuti per terra sopratutto quando i cassonetti sono pieni e a dirittura nemmeno l’accortezza di legare la busta,o meglio il sacco,, gesto di inciviltà, e se gettassimo inostri rifiuti davanti al portone di casa di quei sozzoni che fanno questo gesto,lo capiranno?
    queste perzone, se cosi le vogliamo chiamare dovrebbero fare un po’ di lezione di civiltà.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome