Home ATTUALITÀ Ponte Milvio, attendono risposte e fanno nuove domande

Ponte Milvio, attendono risposte e fanno nuove domande

piazzapm240.jpgDa Paolo Salonia, portavoce del Comitato Abitare Ponte Milvio, riceviamo la richiesta di pubblicare una lettera che il Comitato ha consegnato ieri al presidente del XV Municipio, Daniele Torquati, “scritta prendendo spunto – dice Salonia – da una preoccupante notizia che circola in relazione al ripristino dell’isola pedonale, sventurata sperimentazione che assolutamente non era da ripetere”.

“Si prospetta quindi un’altra decisione assolutamente non concordata con i cittadini, come del resto sembra essere prassi consolidata. E’ l’ennesimo sfregio agli abitanti di zona che vedono ripetersi un esperimento che ha già dato frutti pessimi.”

“Avevamo sperato, noi residenti di Ponte Milvio – continua Salonia anticipando alcuni contenuti della lettera  – che con l’elezione della nuova giunta municipale fosse finalmente invertita la tendenza a mercificare una delle zone storiche più caratteristiche di Roma. Ristoranti, bar, spacci di bevande alcoliche, occupazioni abusive di spazi pubblici, privatizzazione di ampie superfici stradali con terrazze-bar (autorizzate dalla giunta precedente in barba a qualsiasi criterio di corretta amministrazione) traffico caotico, auto in sosta selvaggia per tutta l’intera giornata. Ma la nostra speranza di cittadini radicati nel quartiere, già vittime della politica della passata Giunta di centro-destra, sono state frustrate.”

“Che differenza c’è con i disastri dell’amministrazione precedente?” Si chiede Salonia sostenendo che “non c’è controllo del territorio, indirizzo e guida attenta alle iniziative che si ripercuotono direttamente sulla qualità della vita. I livelli di rumorosità sono inaccettabili. Manca una qualsiasi (o almeno non è visibile) linea di attenzione alle emergenze del quartiere.
Come identica agli atteggiamenti di quella drammatica amministrazione risulta essere l’intollerabile mancanza di considerazione nei confronti delle democratiche interrogazioni dei cittadini su argomenti di massima urgenza, rimaste senza alcuna risposta. Il riferimento – spiega Salonia – è alla nostra interrogazione civica dell’8 aprile 2014 (art. 66 del Regolamento Municipale), alla quale non è stata data nessunissima risposta, nel più calzante stile Giacomini”.

“Tutto questo e molto altro ancora, non è più ulteriormente tollerabile” conclude il portavoce del Comitato Abitare Ponte Milvio invitando a leggere la loro lettera. Per farlo è sufficiente cliccare qui.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. @ Valentina F. grande dispensatrice di belle parole in nome e per conto di una maggioranza che mi ha deluso molto, non hai proprio nulla da dire su questo documento del comitato che rappresenta tutti noi abitanti di Ponte Milvio ? Troppo imbarazzante esprimere un parere ?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome