Home ARTE E CULTURA Sveva Sagramola, eleganza e professionalità

Sveva Sagramola, eleganza e professionalità

sveva sagramola
VignaClaraBlog.it

Pronunci il suo nome e lo associ alla natura, ai viaggi, all’ambiente. Sveva Sagramola, volto rassicurante di RaiTre dove dal 1998 conduce in diretta, dal lunedì al venerdì, Geo&Geo, il programma dedicato ai temi della natura e dell’ambiente, è anche sinonimo di semplicità, eleganza e professionalità.

La sua è una TV di qualità che è diventata una rarità in un mondo televisivo sempre più urlato e commerciale. E proprio dalla televisione, dove professionalmente Sveva è “nata” nel 1990 con il programma “Mixer” firmato Giovanni Minoli, iniziamo la nostra chiacchierata.

La prima domanda riguarda proprio la TV di qualità.
“Io credo che la televisione di qualità sia quella che ha un’etica, che si pone alcuni interrogativi sul perché e sul come raccontare determinati argomenti..Prima di affrontare un tema mi faccio sempre alcune domande: “Ha senso per la collettività quello che sto facendo? E’ educativo? Ecco, per me la TV di qualità è quella che dà un valore aggiunto alla comunicazione, oltre al divertimento. La nostra è una televisione di servizio, educativa anche se non mancano momenti di leggerezza e di intrattenimento”.

Giornalista e conduttrice, da tanti anni “fedelissima” alla Rai, più precisamente a RaiTre, come giudichi la programmazione della tua Azienda?
“In Rai ci sono tanti programmi ben confezionati, con autori validi, giornalisti, produttori e conduttori di prim’ordine. C’è ancora una Rai sana, che fa una TV di alto livello e RaiTre per me è al primo posto ma anche sulle altre reti vedo belle cose.”

Conduci da sedici anni Geo&Geo, un appuntamento fisso per tanti telespettatori che ti seguono fedelmente.
“Sì, l’affetto del pubblico mi gratifica e al tempo stesso mi commuove. Geo&Geo è un grande lavoro di squadra, un’isola felice all’interno dell’Azienda. E poi è un programma interamente “made in Rai” ed io ne sono molto orgogliosa.
Negli anni, ovviamente, è molto cambiato, si è evoluto ma ha sempre mantenuto ferma la sua missione, quella di informare correttamente la gente. Ogni anno, abbiamo appena concluso la sedicesima edizione e la prossima riprenderà a settembre, ci rimettiamo al lavoro con costanza, pazienza e tanta tanta passione.”

sveva3.jpg

A parte Geo&Geo, che è il “tuo” programma, c’è una trasmissione che ti piacerebbe condurre?
“In realtà ho un sogno nel cassetto, mi piacerebbe tanto condurre Domenica In. E’ un programma nel quale mi vedrei bene..Ma credo che per il momento rimarrà un grande sogno.”

Sveva è gentile, disponibile, allegra. Si è laureata in Lettere con una tesi in Antropologia culturale. Chissà come è arrivata in televisione.O meglio, la televisione è stata una scelta o in realtà aveva altri obiettivi?

Le giriamo subito la domanda e Sveva ci risponde sorridendo.
“La televisione è stata una casualità. Io avevo il pallino del giornalismo e infatti negli anni ’80 ho collaborato con il quotidiano “Il Messaggero”. Poi un giorno ho conosciuto una persona che lavorava con Minoli a Mixer e mi ha proposto un colloquio. Sono entrata giovanissima nella grande famiglia di Mixer, è stata un’esperienza straordinaria, appassionante, faticosa ma un’autentica scuola. Lavoravo sette giorni su sette ma ero così felice, il mio grazie professionale lo devo a Minoli.”

Il 10 dicembre 2005 ti sei sposata con l’imprenditore argentino Diego Dolce e il 10 maggio 2010 è nata la vostra bambina, Petra. Come è cambiata la tua vita?
“Sicuramente in meglio. Mi fanno ridere le persone che dicono con un figlio la vita si stravolge.Per me è stato un susseguirsi di emozioni irripetibili.Vedi, io solo a 40 anni ho incontrato Diego, l’uomo con cui ho deciso di costruire una famiglia, e anche la bambina, tanto desiderata, è arrivata un po’ tardi.
Ma la gioia della famiglia è immensa, indescrivibile. Da quando è nata Petra io ho fatto delle scelte, ho deciso di dedicarmi totalmente a lei e quindi ho smesso di viaggiare e di andare in giro per il mondo..Non mi pento, anzi, mi ritengo fortunata di averlo potuto fare.”

sveva2.jpg

Le valigie, quindi, le hai riposte in cantina?
“Per il momento sì anche se ho deciso che devo riprendere a viaggiare perché per me è un nutrimento importante. Adesso che Petra è cresciuta devo impormi di ricostruire alcuni i miei spazi. Anche se ti confesso che io sono la donna più felice al mondo quando la sera mi accoccolo sul divano con mio marito e mia figlia… e poi mi rilasso praticando il giardinaggio sul mio terrazzo.”

Sveva, che è nata a Roma 50 primavere fa e ha una mamma che per venti anni ha vissuto in Argentina, abita da molti anni nella zona nord di Roma. Chiediamole come si trova.

“Da 25 anni vivo in questa zona anche se sono nata nel quartiere Trieste. Adoro la mia casa che ha un grande terrazzo che si affaccia sul parco di Monte Mario. E’ un privilegio svegliarsi al mattino e sentire il verso degli uccelli, i più svariati, la sera mi addormento con le “ninnananne” delle civette, dei gufi. L’unico neo è che devo prendere la macchina per fare la spesa, se mi dimentico il latte non ho negozi vicino, insomma, mi mancano i servizi anche se sono a cinque minuti di macchina. Però sono impagabile le mie lunghe passeggiate in mezzo al verde.”

Ilaria Galateria

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. La giornalista Sagramola e’ veramente un personaggio particolare, per la bravura di lei stessa,
    per come conduce la trasmissione e per gli argomenti che tratta, con lei c’e’ un altro giornalista o professore molto bravo e raffinato come la Sagramola, la quale, affrontando da tanti anni il
    suo spazio televisivo, vive questo spazio con molta riservatezza e discrezione, un caso piu’
    unico che raro, invidiabile!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome