Home ATTUALITÀ Lettera aperta in versi al sindaco Marino

Lettera aperta in versi al sindaco Marino

poesia.jpgIl “fondatore” del Comitato Abitare Ponte Milvio, prendendo spunto da un fatto realmente accaduto a lui e a sua moglie, ha scritto una poesia in romanesco come lettera aperta al Sindaco Marino sullo stato di degrado della nostra città. A inviarcela con richiesta di diffusione è Paolo Salonia, Portavoce del Comitato.

 

Mio caro Sindaco noi te volemo bene,
sei sindaco de Roma e dei romani
non se po’ fa artrimenti!
Ma tu, ce devi mette puro er tuo.

Senti ‘sta storia, e che te possa illuminà.
E’ fatta in versi liberi, non tiene bella rima,
non c’jà musa pe’ madrina, sarà meno carina
ma quello che vò dì, se voi, tu, lo poi capì.

Piàmola alla larga e poi arivamo ar dunque.
Se chiamano Servizzi, pe’via che so Servizzi!
so cose, che ar mejo, t’hanno da servì,
che noi, senza de loro, staressimo a impazzì.

L’artra quistione. Se dice Manutenzione.
Er nome è artisonante, ma l’affare è semplice:
se tratta de riempì le buche, de tajà li rami,
de pittà er grafito, inzómma, de dà a Roma er decoro.

L’urtima cosa che te vojo aricordà: è a Sicurezza.
Non quella dei crimini efferati, che a te non te compete,
quella de quartiere: la microcriminalità, come dicono l’edotti.
Quella sì, è puro cosa tua, e qui, t’aj da dà ‘na mossa.

Pe’ fa ‘ste cose dirai: ce vòle er priffe, li sordi.
Ma prima de li sordi e der priffe, e te lo dico cor core,
ce vò er cervello, tanta tanta bona volontà,
l’analisi delle risorse, un frizzico de piano, e la moralità.

Allora, affare fatto: tu chiami l’Ama, li giardini,
er capitano, quelli der busse, l’asili, l’anagrafe, i lavori,
e je fai ‘sto discorso: “Da domani se cambia,
in gioco è Roma e la dignità dei Romani”,

“Tu Ama che fai?”, “riccorgo la monnezza”
“sbajato”, tu je dici, ” er fine tuo, è tené pulito”
“tu giardini che fate”, “taglio l’erbetta”,
“erore, tu hai da fa Roma bella come quella che fu”

Ar capitano je dici, “tu, m’ai già capito,
che te lo dico a fa”, e quello te deve da risponne: “ho da fa score er traffico,
de reprime li bulli, dà grazia a Roma, e non pià più er pizzo”, “Bravo”.
E a tutti ‘je canti chiaro: “è ar senzo der Bene Comune che dovete da guardà”.

Fine, scopo, obiettivo so le parole che ce possono sarvà.
Se quanti che lavoreno ar Comune vónno dà un senzo alla giornata,
‘st’intento del lavoro hanno da mette in pratica, no le moìne.
E siccome norme, piani, commando so pure aggratisse, er gioco è fatto.

Che so le norme? So le regole che c’janno sènno e se capischino.
Che so li piani? E’ che è da mette le cose in fila, prima penzamo
poi famo le cose, in ordine e con giudizzio.
A commannà je piace a tutti, un omo bono, fra tanti, o troveremo!

Roma, così, aridiventa bella, puro se povera,
li vecchi pònno uscì senza inciampà e sgrugnasse,
ai bulli e ai ladri je damo ‘na carmata,
er trànve, se voi d’annà a’n posto, lo poi pùro pià,

poi respirà e sarvatte li pormoni, poi riapri l’impresa,
li ragazzìni vanno a giocà pe’ strada e a li giardini,
chi ha da lavorà, lo fa ‘ndo deve, no pe’arivàcce,
er nigòzzio riveste la vetrina, l’oste a tavola ce mette er vino.

In concrusione i romani sistemamo le cose e Roma arinasce.
Damo la qualità a l’urbe e ai forastieri,
e la modernità, fàmola drento a Roma nostra antica.
Tu dicevi daje, e mo’, damoje un senso ar daje.

T’ho spiattellate, Sindaco Marino Ignazio, tutte ‘ste cose
pe’ via de un fatto che mé successo ieri.
Mi moje Crestina se doveva da fa la fisioterapia,
‘na spalla ‘je s’incricca, e non la move bene.

Tu sei medico, lo sai che cazzo vole dì
pià un trànve de Roma co ‘sto problema qui,
te rischi l’artra spalla, pe’ bene che te và.
Io, che alla moje mia ce tengo, ‘gni matina, in auto, la porto là.

L’auto la pìo, pe’ via che so’ un po’ vecchio,
non posso pià la bici o le rotelle o er pattino,
e, er busse, te l’ho già detto, è un rischio da non core.
‘Gni matina, er segno della croce e annamo.

Ieri, pe’ via de un qui pro quo, che non te sto, qui, a riccontà,
dovemmio pià er busse numero 32. E’ pieno zeppo,
e non se po pià. C’è er tennisse all’olimpico:
so’ l’internazionali, i cittadini hanno d’abbozzà. Sto’fatto numme piace.

Annamo a pija er numero 69, quello lungo, a Clodio.
Non l’avessimo mai fatto: aspetta aspetta, che tanto non ariva.
“Proprio adesso ne so partiti dua”, dice, sicuro, uno cor cappello.
Io, ‘jo creduto. ed è passata un’ora.

Tornammio allora indietro e annammio a Mazzini a pià er tàcchise.
Prati, lo dice puro er nome, dovrebbe esse in piano
ma i marciapiedi so’ tutte valli e colli,
tu devi guarda in basso, pe’ non annà pe’ tera.

Perartro, sto fatto, de guarda basso a mi moje non ‘je piace
perche dice che lo faccio pe’ guardà alle donne li culi assai perbene.
E’ ‘na menzogna, prova tu, sindaco mio, a daje spiegazione.
Tornamo ar fatto. Giunti alla piazza, c’è da arivà ar centro.

Che puro questo è strano, li tacchise so’ tanti, ma stanno tutti lì, ner mezzo,
non ce ne è manco uno, che sta vicino a te.
Dunque, guardammio a sinistra, con cautela a destra,
“stamo su le strisce?”, “si”, “che passa a pulizia?”, “no”, “croce rossa?”, “no”.

Provamo a ‘traversà. Manco mettemo er piede sull’asfarto
che Crestina me se gira e crolla giù. Che botta!
Sti’ du versi della quartina non li scrivo, che non te vojo offenne,
troppo è il rispetto pe’sta mia città.

Chè de Roma ner monno se parla de li buchi,
no de li fori o delle crepe antiche,
li buchi sì, quelli sui marciapiedi e sull’asfalto
tra i sampietrini e sulle consolari!

Che c’era a tera? sotto er marciapiede?
L’anima… l’anima de un traditore de scalino,
fio de qua gran miggniotta de “l’incuria” e de quer gran frocio de “me ne fotto”.
Dici che so vorgare, Sindaco? Va be’, io me sto zitto.

Tu però prometteme ‘na cosa, che questa storia qui, tu: te la rileggi tutta,
‘na vorta e poi du’ vorte, se c’è bisogno puro tre.
E, armeno, la filosofia , quella del senso delle cose,
falla diventà filosofia alla base der governo de Roma.

Te basterebbe questo pe’ meritatte un busto; ma che dico, de più, un’erma:
‘Na targa ce metteremo là dove Crestina inciampò. Ce sarà scritto.:

Da un piccolo profetico incidente della vita cittadina,
qui avvenuto,
ebbe scaturigine
la civile rivoluzione culturale dei cittadini romani
che consentì
alla nostra Roma d’esser
di nuovo Caput Mundi
era allora sindaco Ignazio Marino

Té piace?

Bruno Rosi, fondatore del Comitato Abitare Ponte Milvio

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. TUTTO vero….spero possa leggerla con attenzione perché non c’è da ride! Da ride ci sarebbe se Ignazio la leggesse, quando prova a parlare romanesco é un pianto. W Bruno

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome