Home ATTUALITÀ Comitato Cittadino XV Municipio contrario al Print Tomba di Nerone

Comitato Cittadino XV Municipio contrario al Print Tomba di Nerone

tombadinerone.jpgMercoledì 9 aprile, nella sede del XV Municipio si è tenuta la presentazione ai cittadini del programma urbanistico denominato “Print Tomba di Nerone” ancora integrabile o modificabile con proposte da far pervenire entro il 27 aprile. Diversi i riscontri negativi, come quello qui riportato del Comitato Cittadino XV Municipio.

“Nella riunione tenutasi il 9 aprile nella sala consiliare del nostro Municipio – scrive il Comitato in una nota – dopo la lunga spiegazione del progetto del Print da parte di “tecnici” del Comune, abbiamo ascoltato gli interventi di Comitati e dei cittadini rivelatisi tutti, con riferimenti diversi, contrari”.

E palesemente contrario è anche il Comitato, stando a quanto si legge nel documento che è stato consegnato nel corso dell’incontro e che viene allegato alla nota. Eccone il contenuto.

Con l’attenta e fattiva partecipazione di numerosi cittadini delle aree interessate, tutti ben a conoscenza per quotidiana e decennale esperienza residenziale di situazioni e problematiche, tanto pregresse quanto attuali, nell’ambito di ogni tipologia di interventi, sono state esaminate accuratamente le singole opere proposte e per ciascuna di esse è stata valutata l’utilità nel quartiere e la reale fattibilità.

Risulta che la maggioranza delle opere previste, con una percentuale in termini economici di circa il 60 % sul totale, presenta, come evidenziato da parte degli intervenuti alle riunioni preparatorie del presente documento di sintesi, rilevanti incertezze sia autorizzative che di realizzabilità tecnica, dovute ad oramai consolidate utilizzazioni private, domestiche e commerciali, ed alle comunque limitate dimensioni delle realtà stradali pre-esistenti.

Nel progetto presentato, inoltre, non si tiene conto che ogni modifica sulla situazione viaria e sulla mobilità deve rientrare nel Piano Generale di Traffico Urbano , di prossima valutazione ed attuazione.

Anche se alcuni degli interventi previsti corrisponderebbero a quanto gli abitanti del quartiere auspicano da anni (asili nido, parcheggi di scambio, collegamenti con la rete del ferro, fruibilità dei parchi esistenti), averli collegati in un contesto progettuale costosissimo, in gran parte inutile e scarsamente realizzabile ci porta ad esprimere un parere di totale dissenso nei confronti del PRINT esaminato.

Nostro obbiettivo è infatti di scongiurare ogni pericolo di ulteriore cementificazione del territorio, in cambio di una serie di opere pubbliche costosissime quasi tutte di scarsa utilità e realizzabilità. Ad esempio:

il progetto di una strada via Cassia- via di Grottarossa (op.2) (costo 9.000.000 ),

l’allargamento fantascientifico di via Cassia (op.16-18-19),(costo 250.000 + 1.200.000 + 450.000)

l’allargamento di via Della Crescenza (op. 22), (costo 900.000 ),

l’allargamento di Via Oriolo Romano (op. 20), (costo 650.000 ),

l’allargamento di via Due Ponti (op. 21), (costo 650.000 ),

adeguamenti , non meglio precisati da op. 29 a op.37), (costo 12.450.000 ),

11 rotatorie di scarsa utilità da op. 39 a op 49 (tranne l’op. 45 da noi più volte richiesta) (costo 4.800.000 ),

Inoltre proprietari di piccoli appezzamenti, intervenuti alle nostre riunioni ci hanno segnalato la loro indisponibilità ad accogliere il progetto in cambio di una edificazione che aggraverebbe ulteriormente la precaria e caotica urbanizzazione del territorio.

A fronte poi di questo scempio, quei benefici che noi riteniamo indispensabili per il nostro quartiere, essendo la loro esecuzione affidata a privati, potrebbero alla fine non venire realizzati come l’esperienza insegna.

Riteniamo inoltre che la soluzione dei gravi problemi di mobilità del nostro quartiere debba avvenire prima di tutto con l’incentivazione dei mezzi pubblici, sia su gomma che ferro, con la creazione di parcheggi di scambio.
Pertanto, poiché indubbiamente il nostro quartiere necessita di interventi atti a migliorare la qualità di vita degli abitanti, auspichiamo la formulazione di un progetto che tenga conto delle reali esigenze ed utilità delle opere pubbliche connesse.”

“Poiché, come ha ripetuto l’Assessore ai Lavori Pubblici del nostro Municipio, Elisa Paris, si tratta di un piano preliminare e che prima della sua reale attuazione verranno prese in considerazione le proposte dei cittadini, confidiamo – conclude la nota del Comitato – che al più presto si decida un incontro istituzionale dove concretamente si potrà dibattere su quanto esposto da chi abita nel quartiere.”

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Chi ci guadagnerà? Sarei tranquillo la risposta fosse i cittadini, ma in tutta onestà non riesco a darmi questa risposta!
    Spero di sbagliarmi e che mi si convinca di essere in errrore!

    Le finalità di questo PRINT nella migliore delle ipotesi non si capiscono…
    Basterebbe un po’ di buon senso per capire la “stranezza” delle proposte, perlopiù irrealizzabili o in violazioni di norme esistenti…

    Flavio Dessy

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome