Home ATTUALITÀ Cassia, countdown per il V Festival del Film Patologico

Cassia, countdown per il V Festival del Film Patologico

patologico1.jpgTutto pronto, o quasi, per il V Festival Internazionale del Cinema Patologico che si terrà, con Claudia Gerini nelle vesti di madrina, dal 9 al 13 aprile in via Cassia 472, nella sede del Teatro Patologico guidato dall’infaticabile Dario D’Ambrosi. Si tratta dell’unico Festival al mondo composto da una giuria di disabili psichici.

Una giuria che si mette alla prova come un’équipe di valutazione con criteri lontani dai canoni comuni per assegnare i premi. La loro sensibilità e capacità di percepire suggestioni altrimenti inosservate, permette una visione alternativa ad un’analisi cinematografica strettamente tecnica, lontana da pregiudizi accademici ed elitari cui si rifanno gli altri Festival in circolazione. Ne consegue la scelta di film fuori dal comune, dall’intento provocatorio, che offrono allo spettatore spunti di riflessione e visioni oltremondo.

Una visione più aperta, libera, brillante ed innovativa che renderà anche quest’anno il Festival un’esperienza unica nel suo genere ed assolutamente da vivere.

Oltre alle proiezioni e esibizioni in programma il Festival propone i seguenti appuntamenti:

A Proposito di Anna Freud: Incontro – dibattito con la partecipazione di Geni Valle, Sebastiana Sciré (A.I.Psi.), Roberta Calandra, con proiezione di filmati inediti su Anna Freud provenienti dal museo di Londra;

l’Anteprima Nazionale dello spettacolo “Anna Freud, Un Desiderio Insaziabile di Vacanze” di Marco Mattolini, una narrazione multimediale che ruota attorno al rapporto tra Padre, figlia e psicanalisi;

“Il Sindaco Petroselli”, Film di Andrea Rusich che disegna i tratti fondamentali della storia del Sindaco di Roma, in un cammino tra i ricordi di chi lo ha conosciuto e le tappe del suo percorso umano e politico;

“La Dolce Vita”, di Antonio Messia, che propone un omaggio agli anni d’oro della Roma di un tempo, con testi tratti dal romanzo Roma in uno Shaker, affiancati da immagini originali, filmati dell’epoca e aneddoti sulla vita nella Capitale;

Aperitivo Letterario a cura di Giorgio Tirabassi, nella fusione scanzonata e leggera fra musica e testi appartenenti alla tradizione romanesca;

Francesco Montanari (il Libanese in Romanzo Criminale), nella rappresentazione scenica del testo “Not I – Non Io” di Samuel Beckett, in un viaggio onirico e surreale all’interno del suono e della parola, che disdice se stessa;

Partecipazione Straordinaria di Claudia Gerini in veste di Madrina del Festival, nella Presentazione della Giuria di Disabili e Premiazione Conclusiva del Concorso.

Uno spazio sarà dedicato anche alla musica, con:

Concerto Live dei Letizia Drums e Neney Santos, nella performance “Tribù Globale”

Francesco Santalucia nell’esibizione Live – Musiche Patologiche

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome