Home AMBIENTE Via Veientana fra eternit liquami e rifiuti

Via Veientana fra eternit liquami e rifiuti

via-veientana.jpgIl degrado a Roma Nord sembra non avere mai fine; all’inciviltà di chi sporca e deturpa il patrimonio verde si aggiunge l’atteggiamento criminale di chi abbandona materiali pericolosi come l’eternit. Succede in va Veientana, quel tormentato tratto stradale che congiunge La Giustiniana con via della Crescenza.

Delle discariche della Veientana ce ne siamo occupati numerose volte documentando la presenza di ingenti quantitativi di rifiuti, detriti e calcinacci; tonnellate di materiali inquinanti che da tempo provocano indignate proteste da parte di cittadini e residenti.

Ancora una volta siamo tornati sulla Veientana per documentare come l’abitudine di disfarsi nottetempo di materiali destinati alle discariche non sia affatto cessata.

Oltre a rifiuti di ogni genere, a calcinacci e pneumatici di auto abbiamo anche individuato una cisterna in eternit danneggiata.

L’eternit (dal latino ‘eterno’), un materiale in cemento-amianto, veniva utilizzato in edilizia come copertura e per la realizzazione di lastre, cisterne o condutture; la presenza di fibre di amianto ne fa un elemento di estrema pericolosità in grado di provocare nell’uomo il mesioteloma pleurico, un cancro che può avere una incubazione di 30 anni.

La presenza di eternit tra i sacchi di calcinacci a poche decine di metri dal Parco della Pace di Via di Grottarossa e dalla frequentata area verde del mai nato Parco Volusia è un fatto di estrema gravità che richiede un intervento immediato di bonifica e drastiche misure per porre fine a questo scempio.

Sempre sulla Via Veientana, in quell’area verde sgomberata tempo fa dalla Polizia Municipale e dal personale dell’Ente Parco di Veio, abbiamo potuto constatare inoltre come i liquami fognari provenienti dalla collina sovrastante siano ancora presenti.

Si tratta di numerosi scoli che trascinano verso il fosso posto in basso, affluente del Fosso del Fontaniletto, acque sporche; tutto il terreno, dove tra l’altro sorgono alcuni orti, è intriso di fango e liquami e il puzzo che ne proviene è intollerabile.

Questi scarichi fognari sono responsabili dell’inquinamento del piccolo corso d’acqua che costeggia la parte bassa del Parco Volusia che anche a causa del grave stato di degrado dell’area non ha potuto aprire i cancelli alla cittadinanza.

Sporcizia, rifiuti, calcinacci, eternit e liquami: questi gli ingredienti di un micidiale mix che caratterizza il territorio di Roma Nord.

Francesco Gargaglia

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Vorrei solo precisare che l intervento di ripristino decoro e pulizia che si terra’ SABATO 29 MARZO dalle ore 10:00 ALLE ORE 13:00 comprenderà’ anche l area citata in questo articolo .
    Sempre tenendo conto che si tratta di volontari e che quindi l intervento si fermerà’ di fronte a situazioni potenzialmente pericolose per chi interviene.

    Per chi volesse intervenire e’ importante munirsi di guanti da lavoro, sacchi neri condominiali per raccogliere, pale, rastrelli ,cesoie per piante e magari vestiti comodi e scarpe adatte ma soprattutto voglia di darsi da fare per far tornare a splendere questo bellissimo quartiere e i suoi tesori.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome