Home ATTUALITÀ XV Municipio, Ottavi-Paris: “Al via i sopralluoghi nelle case danneggiate da alluvione”

XV Municipio, Ottavi-Paris: “Al via i sopralluoghi nelle case danneggiate da alluvione”

paris-ottavi.jpgA stretto giro di nota arriva la risposta all’interrogativo posto dal consigliere Antoniozzi. A firmarla sono Elisa Paris e Michela Ottavi, rispettivamente Assessore ai Lavori Pubblici e Assessore alle Politiche Sociali del XV Municipio, che così dichiarano: “A causa del protrarsi dell’attesa per l’approvazione da parte del Governo dello “stato di calamità naturale” richiesto a seguito dell’alluvione degli scorsi 30 e 31 gennaio, il XV Municipio ha deciso di iniziare i sopralluoghi nelle case degli sfollati”.

 “L’operazione è partita nelle giornate di venerdì 14 e lunedì 17 marzo, dove sono stati svolti dei sopralluoghi preliminari in alcune abitazioni, per informare la Protezione Civile della condizione generale delle prime case controllate. Domani mercoledì 19, venerdì 21 e lunedì 24 marzo verranno invece effettuati sopralluoghi mirati ed estremamente dettagliati e cercheremo di visionare la totalità degli edifici dei cittadini sfollati. I controlli – specificano i due assessori – saranno realizzati dall’Ufficio Tecnico del XV Municipio che si avvarrà del supporto dell’Ufficio Stabili Pericolanti della Protezione Civile e dell’Asl, a seconda di quanto verrà riscontrato in ogni singolo stabile”.

“Riteniamo inopportuno continuare a far attendere persone del nostro territorio che hanno vissuto la tragicità dell’alluvione. Il XV Municipio – concludono Ottavi e Paris – si sta perciò facendo carico anche di ciò che non rientra nelle proprie competenze, per cercare di dare un contributo concreto affinchè i cittadini sfollati possano rientrare al più presto nelle proprie abitazioni.”

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Prendo della volontà degli assessori Paris e Ottavi di voler procedere ai sopralluoghi senza attendere ulteriormente la decisione del Consiglio dei Ministri in merito al riconoscimento dello stato di calamità naturale. Quello che non capisco è invece perchè questi sopralluoghi non siano stati posti in essere prima dal Municipio e dal Campidoglio. Chi ha detto che non compete al municipio? e se ciò fosse vero, che valenza avrebbero allora i sopralluoghi fatti ora dal municipio? tanto più che siamo a quasi due mesi dall’alluvione e posso garantire che molte famiglie sono rientrate nelle abitazioni avendo eseguito i lavori basilari e in alcuni casi l’acquisto del mobilio indispensabile. A questo punto i sopralluoghi rischiano di assumere un significato simbolico ai fini dell’accertamento di massima dei danni subiti. Ricordo ai due assessori che in occasione dell’alluvione del 2002, il Municipio XX e il sottoscritto nello specifico si assunsero la responsabilità di aprire l’Unità di Crisi direttamente sul luogo (presso gli uffici anagrafici di Piazza Saxa Rubra) e fu inviato personale della UOT nelle abitazioni già nei giorni immediatamente successivi alla fase emergenziale proprio per ” non fare attendere ulteriormente i cittadini”. Posso assicurare di non aver ricevuto avvisi di garanzia o diffide da chi che sia per aver posto in essere i sopralluoghi dei tecnici indipendentemente dalle decisioni del Consiglio dei Ministri o per competenze non attinenti al Municipio. Per questo ritengo facciate bene (anche se in ritardo) a fare ciò che avete preannunciato, ma non è opportuno far passare tale iniziativa come “una concessione ai cittadini, in deroga alle competenze municipali” ; state facendo semplicemente ciò per cui siete state elette dai cittadini e che un buon amministratore locale deve fare nell’interesse collettivo. Buon lavoro

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome