Home ATTUALITÀ Frana Cassia Antica, SEL XV: “Aprire subito una corsia, anche a orari...

Frana Cassia Antica, SEL XV: “Aprire subito una corsia, anche a orari limitati”

carotaggi-frana-via-cassia-antica.jpgUn nuovo appello a favore dell’immediata apertura di una corsia in via Cassia Antica, un appello che in forma strutturata cerca di dare una risposta alle esigenze e ai disagi patiti da migliaia di cittadini dal 31 gennaio. Ospitiamo oggi una nuova lettera aperta al presidente del XV Municipio, Daniele Torquati, che inaspettatamente arriva dal suo stesso schieramento. E’ firmata infatti dal Coordinatore SEL XV Municipio, Giuseppe Reitano, che così scrive.

“Cara Assessore Elisa Paris e caro Presidente Daniele Torquati, come coordinatore per il Municipio XV di un partito sì piccolo, ma il cui contributo è stato fondamentale per arrivare a costruire la storica vittoria del 10 giugno scorso ed è tutt’oggi importante per la tenuta dell’attuale maggioranza che governa il nostro territorio, mi sento in obbligo di richiamare con forza la vostra attenzione sulle voci di una larga fetta di cittadine e cittadini che a causa della chiusura del tratto di Via Cassia Antica da Via Wilfredo Pareto a Piazza Giuochi Delfici è costretta ogni mattina, per recarsi al lavoro o per accompagnare i figli a scuola, a confluire con grave disagio verso Corso Francia, già di suo più che congestionato e da tempo tristemente in testa alle classifiche delle strade più inquinate di Roma.”

“E’ vero – sostiene Reitano – che su questa vicenda sono state molte, troppe, le voci di chi ha voluto strumentalmente approfittarne unicamente per la ricerca di un facile consenso e per gettare discredito sulla maggioranza, ma questo non deve cancellare le voci di chi giustamente lamentava i pesanti impatti sulla propria quotidianità derivanti dalla frana e dalla conseguente chiusura del tratto di strada in questione, così come non si può negare che da alcune parti autorevoli dell’opposizione sono giunti anche contributi costruttivi e dialoganti.”

“Nessuno vuole che venga minata la sicurezza dei cittadini e che quindi si proceda alla riapertura della strada in modo scriteriato e senza aver fatto prima le corrette valutazioni” sostiene Reitano avanzando una proposta mediatrice: “mi sembrerebbe saggio che si ragionasse sull’apertura di una sola corsia esclusivamente nelle ore di punta da approntarsi secondo le seguenti modalità: apertura in direzione Piazza Giuochi Delfici dalle 7.30 alle 9.30 e in direzione opposta dalle 18.00 alle 20.00 con limite di velocità fissato a 30 Km/h e passaggio comunque interdetto ai veicoli pesanti (autobus, pullman e furgoni oltre i 35 q.li)”.

“Un tale provvedimento – spiega il coordinatore SEL – si caratterizzerebbe per la facilità di realizzazione, per la forte capacità di riduzione del danno sofferto oggi dai cittadini e per il fatto di non causare alcun abbassamento del livello di sicurezza: il passaggio a bassa velocità in orari limitati di veicoli “leggeri” non dovrebbe infatti avere la capacità di provocare nuovi smottamenti e infine non ci sarebbe nessuna necessità “di rimuovere i detriti accumulati sulla sede stradale“, cosa che, come paventato nel comunicato dell’Assessore Paris, “potrebbe innescare un ulteriore scivolamento del materiale a monte, che causerebbe il probabile crollo dell’edificio ubicato proprio in prossimità della frana“.

“Sempre leggendo lo stesso comunicato, sembrerebbe che l’unica causa ostativa sia “la logistica di cantiere [che] prevede di occupare la parte di strada tra il civico 240 e l’incrocio con via Pareto“.
Mi permetto di osservare – sottolinea Reitano – che la logistica e gli orari di apertura dei cantieri dovrebbero essere plasmati sull’esigenza di ridurre al massimo i disagi patiti dai cittadini, come ad esempio è stato correttamente fatto, e a suo tempo giustamente rivendicato proprio da Lei Assessore Paris, in occasione dei lavori di ripavimentazione stradale di Via Grottarossa a settembre scorso.”

“Con l’amicizia e la lealtà – conclude Reitano – che hanno sempre contraddistinto l’operato mio e degli esponenti del partito che ho l’onore e l’onere di coordinare su questo territorio.”

Visita la nostra pagina di Facebook

26 COMMENTI

  1. Magari si desse ascolto a questo appello, mi sembra ragionevole, e noi cittadini siamo così stufi di passare ore nel traffico tutti i santi giorni! NON NE POSSIAMO PIÙ, per favore aiutateci!!!!!!!!

  2. …Renato e SEL, siamo tutti d’accordo…. lo andiamo sostenendo da 3 mesi….ma ci siamo sentiti chiamare “sciacalli”…
    Senza “strumentalizzazioni” permettetemi solamente di considerare questo appello, condivisibile, pertinente anche se….un pò “tardivo” .

  3. Prima Leli con Casasanta, ora Reitano con Pica……cosa ci stanno a fare i Consiglieri municipali? Sono rapprsentativi di qualcuno o qualcuno cerca solo visibilità in loro danno?

  4. Ma se un esponente di un partito di maggioranza sceglie di mandare una lettera aperta all’amministrazione da loro sostenuto, non vi fa sorgere qualche dubbio : ma se hanno questa necessità vuol dire che ormai tra di loro non si parlano. Non è passato ancora un anno dal loro insediamento e già sono ai ferri corti??? Il sig. Reitano poi, la sviolinata sull’asfalto di via di Grottarossa poteva risparmiarselo : ma l’ha visto?? o come la Paris , parla senza fare i sopralluoghi ; in questa sede mi sono lamentato di quei lavori appena li hanno finiti, potete figurarvi tutti voi cosa sia quella strada dopo le piogge dei mesi scorsi. La ripavimentazione già non esiste più, e non per colpa delle piogge ma perché fatta malissimo inizialmente : avevo chiesto all’assessora di vigilare,di fare sopralluoghi ma nulla di tutto ciò è accaduto, ed adesso rivendicano anche l’ “ottimo lavoro”??
    SIETE PROPRIO SENZA VERGOGNA.

  5. @ Alberto Lupo, come mai gli stessi dubbi non le sono venuti quando a fare la prima lettera è stato il signor Perina ?
    In ogni caso mentre Leli rappresenta solo uno dei due circoli FI e quindi non può parlare a nome di tutti, Reitano è il coordinatore di tutta Sel del Municipio, quindi ha veste per parlare a nome del partito come per esempio fa ogni tanto Vincenzo Pira che coordina tutto il PD del municipio. Non capisco perchè tanta (finta?) meraviglia da parte sua, una cosa è fare i consiglieri un’altra è rappresentare i partiti.

    @ Ferri: ma quale sviolinata ?!?! ma allora non l’ha capita proprio l’ironia ! A grottarossa i cantieri si sono adattati ai cittadini, a cassia antica sono i cittadini che si devono adattare ai cantieri, così ora le è più chiaro ??

  6. @Danilo
    I Consiglieri chi rappresentano allora se i cittadini vengono rappresentati dai Presidenti di Circolo o dai Coordinatori? Non si stizzisca, ho semplicemente fatto una domanda che riguardava sia un partito del centrosinistra che uno del centrodestra…….per cui non sono di parte, differentemente da Lei.

  7. @ Danilo, lei forse non ha capito che gli abitanti di Grottarossa della sua ironia se ne infischiano (è un eufemismo…), la cosa importante è che sono stati spesi dei soldi e i risultati sono che la strada è piena di buche, le vada a vedere e poi vedremo chi potrà essere ironico… I cantieri che si adattano ai cittadini cosa significa?? che se uno lascia l’auto metà sulla strada e metà sul marciapiede, gli fanno l’asfalto intorno??? ma siamo seri… cerchiamo di lavorare e parlare seriamente, lì hanno speso soldi e fatto uno schifo, per la frana accadrà lo stesso… e spendendo anche milioni di euro… RIPETO : SI VERGOGNASSERO TUTTI.

  8. @ Alberto Lupo: stizzito io ? e perchè? Caro Alberto Lupo sì sono di parte come lo siamo tutti, e che male c’è a essere di parte, chi non è di parte ? Lei non lo è ?Complimenti, l’unico su 58 milioni di italiani ! Però non mi ha risposto: perchè questi dubbi esistenziali-rappresentativi non le sono venuti con la prima lettera del signor Perina ?

    @ Ferri: riuscirà una volta nella vita a essere un po’ garbato ? Le ho forse detto “cotica” ? E dalla sua risposta si capisce che non ha capito un bel niente sia del comunicato che del mio commento che guarda un po’ veniva a suo favore ! Ferri, la prossima volta conti fino a mille.

  9. La lettera aperta è talmente di buon senso che non può non essere condivisa. La situazione della strada e del traffico parla da sola. La sensazione da cittadina è che nessuno se ne stia occupando seriamente e che le cose rimangano ferme, come purtroppo spesso accade nel nostro Paese…

  10. Gentile Danilo, le rispondo io:
    perché con la mia “lettera aperta” ho cercato, da cittadino, di dare un contributo responsabile e non strumentale a nessuna parte politica e di smuovere in qualche modo, la responsabilità e l’inerzia del Municipio.
    Pur appartenendo ad un partito politico, non ho “delegittimato” (o “legittimato”) nessuno dal suo ruolo di consigliere o assessore poiché ritenevo – e ritengo -, che l’enorme disagio che stiamo vivendo non debba essere strumentalizzato da nessuno né diventare argomento di querelle politica o, ancora peggio, partitica.

    Marco Perina

  11. @ Danilo, lei parla per fare accademia o perché le interessa da vicino il problema??? No perché da come parla, sembra proprio che i problemi in oggetto non la toccano proprio, vuole solo fare disquisizioni sui commenti degli altri,ma dei problemi di chi ogni santo giorno deve fare il “giro di peppe” per l’inettitudine e il menefreghismo degli attuali amministratori non gliene pò’ fregà de meno… continui pure a discettare…

  12. Secondo me è un problema di soldi….. il Municipio avrà chiesto un preventivo che ovviamente corrisponde a 4/5 volte il reale prezzo dei lavori e chiaramente si è arenato tutto….

    Nella logica delle cose poi dovrebbe essere il proprietario a rimettere apposto il terreno, ma la “logica” ormai non esiste più….

  13. Riprendo quanto scritto al presidente del Municipio attaverso VCB in data 26 Febbraio.
    “A noi cittadini del XV Municipio non servono informazioni, serve una risposta ed una risoluzione anche temporanea del problema.
    La strada è pericolosa o no? Se è pericolosa perché possono transitare i residenti del civico 240?
    Siamo al 26 di Febbraio, ci fornisca una data certa e una risposta ai miei quesiti”

    Sinceramente, mi sembrano, e credetemi lo pensano la maggior parte delle persone che conosco, totalmente “distaccati” e nella totale incomprensione della problematica.
    Alle persone non interessa la parte burocratica, ma la risoluzione anche temporanea della problematica.

  14. Ottimo Giuseppe, apprezzo l’approccio costruttivo e propositivo e spero davvero si seguano i tuoi suggerimenti. il disagio che viviamo è davvero altissimo. grazie.

  15. @ Danilo
    E’ lei che non risponde alla mia domanda (“I Consiglieri chi rappresentano allora se i cittadini vengono rappresentati dai Presidenti di Circolo o dai Coordinatori?”). Le posso assicurare, inoltre, che diversamente da Lei, io non scrivo sotto dettatura e sono LIBERO di criticare sia la destra che la sinistra proprio perché non schierato politicamente. Le assicuro, infine, che in Italia non sono l’unico che non è di parte, ma probabilmente Lei vive in un altro Paese (si guardi le percentuali di coloro che non vanno a votare, vedrà che siamo la maggioranza degli Italiani).

  16. @ Alberto Lupo i consiglieri rappresentano gli elettori non c’è dubbio ma questo non vieta ai rappresentanti dei partiti di dire la loro, o no? Altrimenti Grillo, tanto per fare un esempio non dovrebbe mai parlare solo perchè non eletto. Scusi, mi sembrava di aver intavolato con lei un discorso tranquillo, perchè ora se ne esce dicendo che scrivo sotto dettatura come se io non fossi dotato di un cervello tutto mio, non le pare di essere offensivo ?

    @ Ferri: guardi con lei non c’è proprio sugo a relazionarsi. Ma non si rilassa mai, c’ha sempre gli aculei fuori ?

  17. @Danilo
    Mi scusi se Le sono sembrato offensivo, ma non era nelle mie intenzioni. Solo che io avevo iniziato i miei commenti sull’articolo chiedendo se i Consiglieri erano ancora rappresentativi dei cittadini o se qualcuno punta ad avere visibilità a discapito dei consiglieri eletti, e riportavo un esempio di centrosinistra e uno di centrodestra, proprio per essere bipartisan. Però nessuno mi ha ancora risposto, tanto meno Lei. E mi scusi ancora

  18. @ Danilo, se parla così, vuol dire che secondo lei va tutto bene… ok, ne prendo atto,ma posso assicurarle che basta andare in giro per vedere lo sfacelo che hanno combinato in meno di un anno, l’immobilismo e l’incapacità imperano,e il suo consiglio sarebbe quello di rilassarsi?? quindi avevo ragione, vuole solo disquisire, pour parler… continui… ma i romani ormai non ne possono più, sarebbe meglio per decenza che i sostenitori di Torquati e co. si richiudessero in un “religioso silenzio”… come d’altronde fanno i vostri cari amministratori…. e anche oggi nessuna novità sulla frana, e siamo arrivati al 19 marzo, festa del papà, per quella della mamma staremo ancora qui a discutere sull’argomento..

  19. Seppur in ritardo causa problemi di lavoro, cerco di rispondere alle varie “sollecitazioni” arrivate in risposta alla lettera aperta da me inviata all’Ass. Paris e e al Presidente Torquati (dai quali, ovviamente, spero di ricevere una risposta quanto prima).
    Prima di farlo, però, una piccola premessa: come SEL XV Municipio abbiamo deciso di scrivere questa lettera con lo spirito di essere pungolo, anche forte se necessario, per la maggioranza di cui convintamente facciamo parte; non crediamo nel silenzio acquiescente del servo sciocco, ma nel confronto sincero e leale di chi si sente corresponsabile nel governo di questo territorio.

    @Gaia Fabrizi:
    Accetto serenamente l’accusa che questa nostra iniziativa è stata tardiva, ma, a nostra blanda giustificazione, le posso garantire che tale ritardo è stato dovuto sia al fatto che essa non è stata presa a cuor leggero sia, soprattutto, al fatto che è stata preceduta da altri atti non pubblici e non formalizzati ufficialmente.
    Per il resto, come ho evidenziato nel mio testo, di fronte ad una gestione della vicenda non ottimale, almeno a mio avviso, da parte della maggioranza municipale, ci sono stati non solo contributi costruttivi e dialoganti volti a risolvere il problema, ma anche strumentali tentativi di lucrare consenso politico senza fare nulla di concreto che potesse portare ad una possibile risoluzione dei problemi. Questo purtroppo si è verificato con la frana e con tanti altri problemi che stanno affliggendo il quadrante di Roma Nord; tanto per fare due esempi al volo, tra ieri e oggi su questa testata sono usciti due comunicati contro il Presidente Torquati ed il Sindaco Marino: una sulla questione dell’acquedotto ARSIAL, l’altro sulla scuola Zandonai. Il contenuto di tali comunicati può per certi versi anche essere condivisibile, ma non si può dimenticare che chi li firma faceva parte della giunta municipale che, insieme al municipio confinante, al Comune e alla Regione, a suo tempo tutti governati dalla stessa maggioranza, nel 2011 ha ricevuto proprio dall’ARSIAL una lettera con richiesta d’intervento sull’emergenza arsenico; peccato che tale lettera non abbia ricevuto alcun seguito. Per quanto riguarda la Zandonai, mia figlia ha cominciato a frequentare quella scuola nel 2008 ed io ne sono consigliere d’istituto dal 2010, le posso garantire che la condizione dei bagni, e non solo, era pessima già allora (ho addirittura testimonianze da altri genitori e da alcuni consiglieri, che mi hanno preceduto, che le prime richieste d’intervento inviate al Municipio risalgono almeno al 2003) e, guarda caso, la stessa persona che oggi a gran voce chiede gli interventi urgenti è quella che, nel suo quinquennio da assessore ai lavori pubblici del municipio, quegli interventi urgenti non li ha fatti, per tacere poi della palestra della Mengotti.

    P.S.: Reitano, non Renato

    @Alberto Lupo:
    Ogni partito è, almeno dovrebbe essere, composto non solo da chi viene eletto nelle istituzioni, ma anche da tutti quelli che, al loro interno, dedicano tempo ed energie quasi sempre senza ricevere corrispettivo o vantaggio alcuno; succede anche, per il corretto funzionamento dei partiti stessi, che alcune di queste persone vengano democraticamente elette a ricoprire incarichi che ancora di più richiedono un dispendio di tempo ed energie. Non capisco per cui cosa ci sia di strano se qualcuno di questi parli per conto del partito che è stato chiamato a rappresentare.

    Nel mio caso specifico, a settembre scorso sono stato eletto coordinatore del Circolo SEL Cassia Tomba di Nerone e circa un mese fa sono stato “promosso” a coordinare il partito su tutto il XV Municipio (che poi il Circolo Cassia Tomba di Nerone sia l’unico all’interno del municipio è un dettaglio di poco conto…); in entrambe le occasioni, nonostante le forti perplessità del sottoscritto, la mia candidatura è stata avanzata e sostenuta proprio da Alessandro Pica e Michela Ottavi; per cui ogni sospetto che io stia tentando di far loro le scarpe è assolutamente fuori luogo.

    In ogni caso, il fatto che la lettera sia stata firmata solo da me come coordinatore territoriale del partito, non vuol dire che non sia stata prima discussa e condivisa al nostro interno.

    Per cui la invito, piuttosto che a dipingere scenari da thriller-politics, a intervenire sul merito della proposta che avanziamo nella nostra lettera aperta.

    P.S.: rivolgo lo stesso invito a Diamante che rilancia la sua domanda.

    @Marco Perina:
    Come nel caso dei lettori Alberto Lupo e Diamante, una sua eventuale critica sul merito della proposta l’avrei recepita e presa volentieri in considerazione, ma sinceramente non riesco proprio a capire su quali basi il suo intervento non “delegittimi” (o “legittimi”) nessuno dal suo ruolo di consigliere e non strumentalizzi il disagio che tutti stiamo vivendo e al contrario il mio sì, nonostante sia stato concordato proprio con le persone che mi si accusa di voler delegittimare.

    Pensavo fosse abbastanza chiaro che mi riferivo a lei quando parlavo di “contributi costruttivi da parti autorevoli dell’opposizione”; devo forse rimangiarmi tali parole e cominciare a pensare che invece i suoi atti siano quelli di chi ha perso la battaglia nel suo partito e oggi si ritrova a ciurlare nel manico pur di restare a galla? Spero sinceramente di no.

    @Nico Ferri:
    I suoi interventi sono sempre talmente privi di qualunque traccia di onestà intellettuale e politica da non meritare alcuna risposta; le preannuncio pertanto che, qualunque cosa lei scriverà qui o in altre sedi, non riceverà da me altro che silenzio.

    Giuseppe Reitano
    Coordinatore SEL XV Municipio

  20. @ Reitano, il fatto che non mi risponda è normale, non può controbattere alla realtà dei fatti… e non parli di onestà intellettuale lei che a distanza di quasi due mesi “accetta serenamente” l’accusa della signora Gaia , ma chi vuol prendere in giro… stia sereno… e per l’accusa di far le scarpe ai coniugi Pica si ricordi che excusatio non petita, accusatio manifesta … Non si scomodi a rispondere, tanto la gente ha capito con chi ha a che fare…

  21. @ Reitano: davvero blanda come giustificazione !!: la frana è del 31 gennaio e il suo comunicato del 17 marzo !
    Dopo “appena” 45 giorni vi siete accorti del problema ?
    Dopo 45 giorni e, sopratutto, con un consigliere ( e un Assessore) all’interno del Municipio, non avevate “atti pubblici” ?
    Sono stati pubblicati su questo Blog, ci sono state diffide, ordinanze, risoluzioni, determinazioni dirigenziali, servizi televisivi, interviste, dibattiti su TV private, articoli di giornale…ecc..
    La mancanza di onestà intellettuale che imputa ad altri, forse sarebbe il caso di ricercarla in “casa vostra”…

  22. @ Reitano
    Il punto è un altro. E’ legittimo che un qualsiasi cittadino avanzi le proprie proposte o le proprie richieste, ci mancherebbe altro. Però non trovo “conveniente” che tali proposte/richieste provengano dal Coordinatore di un partito che è rappresentato nelle Istituzioni a cui si fa la richiesta/proposta, altrimenti non riesco a capire cosa ci stiano a fare i rappresentanti eletti. Forse non possono farlo loro direttamente in quanto andrebbero ad “intaccare” i rapporti con il Presidente se la loro proposta può creare qualche “malumore”? Non avrei fatto alcun commento se tale proposta/richiesta fosse stata fatta dai rappresentanti di SEL in Municipio, ma il fatto che questi tacciano mi lascia pensare……. Tutto qui. Probabilmente sono io che sbaglio, non capendo le dinamiche della politica. Saluti.

  23. @Gaia Fabrizi:
    Forse non mi sono spiegato bene: del problema ci siamo accorti immediatamente e altrettanto immediatamente, e ripetutamente, abbiamo segnalato alle istituzioni direttamente interessate la necessità di trovare con urgenza una soluzione data la portata del disagio subito dai cittadini; non ho mai detto che non esistono atti pubblici relativi alla frana di Via Cassia Antica, ma solo che, per vari motivi, queste nostre sollecitazioni sono volutamente avvenute per vie informali e non pubbliche. La scelta non facile, e non priva di conseguenze, di fare un comunicato pubblico è arrivata dopo che queste strade, cui, ribadisco, volutamente non è stata data visibilità, avevano sortito a nostro avviso scarso effetto; per cui casomai tardivo è stato il momento in cui abbiamo deciso di dare pubblico risalto alle nostre perplessità, non certo quello in cui ci siamo attivati all’interno della maggioranza per trovare una soluzione.

    @Alberto Lupo:
    Non è stato facile prendere la decisione di uscire pubblicamente su questo tema, perché come è evidente la cosa crea qualche tensione nelle dinamiche della maggioranza, di cui convintamente facciamo parte. Poi, una volta deciso, non siamo stati lì a pensare più di tanto “la firmo io o la firmi tu”: il documento è di SEL XV Municipio e, come io sto qui a confrontarmi su di esso con voi, Pica e Ottavi stanno facendo lo stesso in Municipio con i loro colleghi.

  24. @ Gaia, in politichese mister Reitano sta dicendo che sono passati alla lettera aperta perché in municipio nessuno lo ascolta e il suo partito ha scarso peso politico… che bel risultato dopo meno un anno di governo municipale …. ci sarebbe da ridere,ma purtroppo siamo noi a pagarne le conseguenze..

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome