Home ATTUALITÀ Che succede in XV Municipio?

Che succede in XV Municipio?

xv municipioChe succede in XV Municipio? La domanda sorge spontanea nell’osservare le dinamiche consiliari delle ultime ore. Ci si dirà che vogliamo fare dietrologia gratuita. Noi rispondiamo che facciamo cronaca politica e che chiediamo conto ai nostri amministratori del perché una normale seduta di Consiglio debba svolgersi in tre tempi. Accade dunque che ieri, giovedì 13 marzo, la seduta sia stata sospesa dopo un acceso diverbio.

Un diverbio tutto al femminile fra due esponenti della maggioranza che ha causato alla fin fine un gran trambusto e la sospensione della seduta, riconvocata per questa mattina alle 10.

Ma la sorpresa arriva appunto stamani. All’apertura del Consiglio sono presenti solo cinque membri dell’opposizione mentre i banchi della maggioranza sono tutti vuoti. Che strana coincidenza. Un ordine di scuderia?

“Lo escludo – dichiara a VignaClaraBlog.it Marco Paccione, capogruppo PD – si è trattato invece di un accavallarsi di importanti impegni già presi da alcune commissioni con la seduta riconvocata a stretto giro di email quando quegli impegni non potevano essere disdetti.” Resta il fatto che quattro quinti dell’aula erano vuoti.

E così la seduta è stata nuovamente riconvocata per giovedì 20 marzo alle 10 in seconda convocazione, quando sarà sufficiente la presenza di solo nove consiglieri per renderla valida. E resta anche la domanda: che succede in XV Municipio?  (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

12 COMMENTI

  1. Leggo sempre con piacere VCB ma l’articolo pubblicato non sembra il vostro ma quello della PRAVDA,non si capisce nulla,non vengono nominate le protagoniste del diverbio ne la causa.Spero che qualcuno dell’opposizione presente in aula possa dare almeno la sua versione in fin dei conti si tratta di un atto pubblico.

  2. La seduta di giovedì e’ stata sospesa dal vice presidente Ruggeri (dopo l’uscita delNCD sarebbe caduto il numero legale) dopo la votazione Dell’ dog sulla scuola di Osteria Nuova , che è’ stato approvato, perché’ mentre tutto il NCD usciva dall’aula il Con. Antoniozzi e’ rimasto in consiglio mantenendo il numero legale.
    Il consiglio si e’ chiuso e i colleghi del NCD erano abbastanza nervosi, tanto da apostrofare il collega con battute varie,infine hanno scaricato la colpa sul M5 che ha semplicemente fatto scelte diverse dalle loro, cosi’ e’ terminata una seduta durata 6 ore in cui si e’ affrontato il problema della scuola di Osteria Nuova. Tutto questo chiaramente (tranne le battute) e’ nel verbale del consiglio.
    Per il consiglio di questa mattina faccio mie le parole del Con. Paccione.
    Cordiali saluti
    Con. Alessandro Pica

  3. Pica, la domanda era un’altra…. Sei riuscito a parlare degli altri e dare responsabilitá alle opposizioni anche in questa occasione, nonostante che il problama sollevato nell’articolo ti riguarda direttamente… o possiamo anche dire “personalmente”…
    In questi casi il silenzio è la migliore cosa rispetto a una “non verità”.
    E poi il numero legale non deve essere mantenuto per forza da noi… ci dovrebbe essere una larga maggioranza in Consiglio… o mi sbaglio. Ti ricordo che solo grazie a noi è stato possibile aprire quel consiglio… così come accaduto in altre occasioni.

  4. @ Pica, solo una domanda semplicissima: il Consiglio è “saltato”…non mi interessa perché…. Tutto questo (ri-convocazione, gettoni di presenza, rimborsi benzina, straordinari per gli uffici, ecc. ) comporta costi aggiuntivi per l’Amministrazione e, quindi, per noi contribuenti ?
    Mi risponda semplicemente con un SI – NO, grazie.

  5. Il consiglio di giovedì è stato veramente carico di tensione perché NCD gruppo misto forza italia e fratelli d’Italia hanno provato fino al fine ad evitare la scelta scellerata e incomprensibile dell’attuale maggioranza che vuole posizionare la mensa scolastica di osteria nuova al posto di due aule della struttura centrale invece che realizzarla in un padiglione esterno (come inizialmente deciso dalla passata amministrazione di centrodestra).

    Va precisato che sono CONTRARI alla decisione della maggioranza di centrosinistra sia la direzione scolastica, sia il comitato dei genitori, sia il comitato di quartiere…. In pratica tutto il territorio!

    Va inoltre sottolineato che, a causa di questa decisione scellerata, i bambini della scuola di osteria nuova che usufruiscono del servizi mensa mangiamno PANINI DAL 7 GENNAIO e ancora non si capisce bene fino a quando (secondo documenti scritti del dipartimento fino a fine anno scolastico).

    Nel corso della seduta il presidente del consiglio Chirizzi ha espulso il consigliere Pandolfi senza alcun motivo specifico, così come l’assessore OTTAVI (esponente di SEL perciò di maggioranza) anche se, tecnicamente, le espulsioni degli assessori non sono regolamentate….

    Infine la maggioranza, anche in seguito a tale episodio, non ha avuto i numeri nè per completare il consiglio giovedì nè per proseguirlo venerdì dove si è presentata con soli 3 esponenti su 16!
    Il povero capogruppo Paccione difficilmente potrà spiegare un assenza di ben 13 consiglieri… Essendo l’opposizione in aula con 5 esponenti ne sarebbe bastata la presenza della metà della maggioranza….

    E così il numero legale, per colpa della maggioranza, è mancato nuovamente…. Dopo solo 10 mesi di mal governo cominciano ad essere frequenti queste “mancanze”….

  6. Signora di Livio: NO.
    Mocci ho solo fatto la cronaca di come si e’ chiuso il consiglio e si è chiuso con te che eri arrabbiato nero con Antoniozzi.

  7. In municipio succede che i cittadini che vogliono intervenire per dire la loro sull’argomento mensa scolastica, vengono messi all’angolo da un maggioranza, che anzichè ascoltare, decide con autocrazia, (visto che se so votati da soli), di mettere la mensa all’interno della scuola, contro il volere del quartiere, dei genitori della scuola e dei consiglieri dell’opposizione, praticamente tutti!!!
    Alla faccia del confronto!!
    #PERCHE’???

  8. @ Pica: quindi un consiglio ripetuto in “seconda convocazione” per mancanza di numero legale non presuppone doppio gettone di presenza e nessun altro onere per l’amministrazione ? Il suo ” NO” significa questo.. ???

  9. Veramente la seconda convocazione comporta costi aggiuntivi…. Quantomeno il gettone di presenza per i consiglieri….

  10. SIATE CHIARI ! Pica dichiara che la seconda convocazione di un Consiglio sospeso per mancanza di numero legale NON comporta alcun costo aggiuntivo per l’Amministrazione (gettoni di presenza, rimborsi benzina, straordinari per gli uffici, rimborsi lavorativi…ecc.) mentre Erbaggi dice il contrario… ma è così difficile dire esattamente come stanno le cose e come (eventualmente, vengono spesi i nostri soldi….???

  11. Preciso meglio:
    La convocazione di venerdì era una prosecuzione del consiglio di giovedì e, pertanto, non aveva costi aggiuntivi;
    Siccome venerdì è, però, caduto il numero legale per mancanza dei membri di maggioranza adesso avremo una seconda convocazione ex novo (il numero legale scende, infatti, a 9) per giovedì prossimo in cui sono previsti dei costi aggiuntivi…

    Ora mi sembra giustamente più chiaro….

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome