Home ATTUALITÀ Frana Cassia Antica, 1108 firme chiedono una corsia e trasparenza

Frana Cassia Antica, 1108 firme chiedono una corsia e trasparenza

petizione.JPGAprire subito una corsia di via Cassia Antica, rendere pubblici gli interventi progettuali e i tempi degli interventi per il ripristino totale della viabilità. “L’interruzione di un pubblico servizio non può essere tollerata oltremodo e senza prospettive oltre che gestita senza programmazione, pianificazione e comunicazione“. E’ quanto si chiede e si afferma in una petizione firmata da millecentotto cittadini che verrà consegnata oggi in XV Municipio all’attenzione del presidente Daniele Torquati.

La petizione è accompagnata dalla seguente lettera.

“Gentile Presidente, è trascorso più di un mese da quando, a seguito di un cedimento di terreno, è stata disposta la chiusura di Via Cassia Antica.
Non siamo a rappresentarle il disagio che tale chiusura rappresenta quotidianamente per famiglie, lavoratori, negozianti ecc.; il traffico insostenibile – dovuto anche da altre parziali interruzioni di importanti arterie viarie – costringe migliaia di persone a cambiare orari, a subire ore ed ore di file, a rinunciare alle attività abituali ecc..I negozianti, già colpiti dalla crisi economica che pervade il nostro Paese, hanno registrato un notevole calo di clientela a causa del danno dovuto al traffico aumentato.

Tra questi disagi, gentile Presidente, c’è anche quello di sentirsi poco considerati.
La sensazione di impotenza che ha spinto persone, spontaneamente, a raccogliere firme in ogni luogo, dalle scuole alle parrocchie, dai luoghi di lavoro ai negozi, non la si può più sottovalutare.

Abbiamo letto nei blog locali e nei giornali o sentito nelle televisioni private le più disparate ipotesi, critiche strumentali e ragionamenti astrusi, qualcuno ne ha fatto, pretestuosamente, un “cavallo di battaglia” politico ed altri hanno, altrettanto colpevolmente, sottovalutato o minimizzato il problema.
Abbiamo sentito parlare di sopralluoghi, notifiche, verifiche, ordinanze sindacali, studi di fattibilità, analisi del terreno, progetti, riapertura totale o parziale, ma solo in questa ultima settimana si è visto del personale impiegato in indagini geognostiche, ovvero dopo un mese dall’evento.

Per questo, Presidente, abbiamo ritenuto che un “piccolo e insignificante gesto”, come quello della raccolta di firme, potesse esprimere tutto il nostro disappunto e, soprattutto, quanto non riusciamo più a tollerare la mancanza assoluta di comunicazione, di prospettiva, di tempi certi. I cittadini sono stanchi, a tutti i livelli, di sentire solo bei discorsi ma non vedere fatti concreti. La politica, a partire da quella “locale”, se non sa decidere, non è più credibile su niente.

Le alleghiamo la relazione geologica che assevera la possibilità di liberare la carreggiata di via Cassia Antica dal terreno che l’ha invasa e, di conseguenza, di ripristinare la viabilità.
Un cordiale saluto da 1108 cittadini del XV Municipio”

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome