Home ATTUALITÀ Leli (FI XV): “Torquati ci riceva oppure scenderemo in piazza”

Leli (FI XV): “Torquati ci riceva oppure scenderemo in piazza”

“Da Forza Italia solo fatti e non chiacchiere. Bene fanno Giovanni Quarzo, capogruppo in Campidoglio di Forza Italia, e Clarissa Casasanta, consigliere FI nel XV Municipio, a presentare un’interrogazione sul tema acqua contaminata nelle rispettive aule consiliari”. Lo comunica in una nota Vincenzo Leli, presidente del club Forza Italia in XV Municipio, spiegando che le due interrogazioni “affrontano temi importanti ed esigono risposte immediate” su come è stato gestito il fenomeno.

“Sempre ai fatti – incalza Leli – passeremo anche noi del club Forza Italia XVMunicipio qualora il Presidente del Municipio, Daniele Torquati, decidesse per l’ennesima volta di negarci un appuntamento presso la sede istituzionale di via Flaminia. Avevamo e abbiamo pronte una serie di istanze dei cittadini da presentare alla sua attenzione tra cui era presente anche quella degli acquedotti all’arsenico”.

“Auspichiamo di poter avere udienza nella stanza presidenziale del Municipio con una data e un orario ben prestabiliti come richiesto più volte. Se così non fosse – conclude Leli – organizzeremo una manifestazione di protesta con tutti i militanti chiamando ovviamente anche la stampa”.

Visita la nostra pagina di Facebook

26 COMMENTI

  1. Presidente dia loro udienza, ci eviti la manifestazione. Tanto le istanze che Le devono presentare saranno sicuramente quelle “sbandierate” in campagna elettorale e ……visti i risultati.

  2. Leli….siamo ai ricatti…??? Se Forza Italia ha un consigliere nella Circoscrizione può, tramite lei, presentare istanze ecc… oppure semplicemente andare al Consiglio e parlare…..
    “avere udienza”…e chi è il Papa..???

  3. Se a livello nazionale il presidente di Forza Italia avesse chiesto un incontro al segretario del PD e per mesi non l’avesse ottenuto si sarebbero scatenate reazioni a catena inimmaginabili . Vabbe che qui siamo in un Municipio, ma il principio è grosso modo lo stesso… Torquati lei è un ragazzo in gamba, giovane e preparato. Il meglio che dal suo partito avremmo potuto avere, e glielo dice uno che vota a destra, faccia questo incontro.

  4. Ho evitato fino ad ora di intervenire nei comunicati stampa che a tambur battente sono stati diramati in rapida successione da parte dei vari gruppi di opposizione di centro-destra contro il Sindaco Marino ed il Presidente Torquati, per attribuire loro comunque responsabilità dirette che non possono avere nella maniera più assoluta.
    Ma ora basta! Di fronte all’ennesima dimostrazione del più squallido sciacallaggio politico mi sento in obbligo di fare opera di controinformazione.
    Basta navigare in internet per scoprire quello che tutti questi signori “politicanti” (o “politichesi” che dir si voglia) ignorano o fanno finta di ignorare, anche perché gli si ritorcerebbero addosso le “colpe” dirette (se ci sono veramente) che oggi vogliono invece addossare esclusivamente a Marino ed a Torquati.
    L’8.6.2009 (quindi ben quasi 4 anni fa!) veniva data notizia che l’acquedotto “Camuccini” è gestito dall’ARSIAL (Agenzia regionale per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura del Lazio) e non dall’ACEA, per cui non ha niente a che vedere con l’Amministrazione Capitolina, e serve a pochi chilometri da Prima Porta un’area interessata dai comuni di Formello e Sacrofano con un impianto vetusto, realizzato oltre sessanta anni fa per i pochi casolari agricoli all’epoca presenti sul territorio.
    L’acquedotto è costituito da una rete idrica fatta da tubi in amianto e da pozzi di captazione dell’acqua in un evidente pessimo stato manutentivo: nell’estate del 2009 è stato soggetto di verifiche da parte dei NAS e della ASL RM F a seguito delle quali si è reso necessario dichiararne l’acqua inadatta all’uso umano, come si è letto nelle ordinanze emesse dai sindaci dei comuni di Formello e Sacrofano.
    ERA PRESENTE NELL’ACQUA ARSENICO OLTRE I LIMITI DI LEGGE FIN DA QUELL’EPOCA.
    Ad ottobre del 2012 fra i Comuni segnalati che superavano i 50 microgrammi di Arsenico per litro d’acqua figuravano da est ad ovest e da nord a sud Magliano Romano, Mazzano Romano, Castelnuovo di Porto, Sacrofano, Formello e Campagnano di Roma.
    Se dovessi mettermi anch’io a fare lo stesso tipo di sterile sciacallaggio politico, potrei mettermi a chiedere provocatoriamente dov’erano e cosa stavano facendo l’allora Sindaco Alemanno e l’allora Presidente Giacomini: se lo dovrebbe chiedere soprattutto il cons. regionale Fabrizio Santori quando si permette di parlare di note di riscontro sui rilievi effettuate dalla ASL Roma C che risalgono addirittura al 2013, cioè anche a quando erano ancora in carica sia Alemanno che Giacomini, senza rendersi conto che caso mai la responsabilità vera a valle è di una Agenzia regionale e non comunale, mentre le “colpe” a monte andrebbero ascritte politicamente all’allora Presidente della Giunta Regionale Renata Polverini, prima ancora che a Nicola Zingaretti.
    Per il caso in questione, a mio modesto giudizio, la responsabilità tanto dell’attuale Sindaco di Roma così come del Presidente Torquati quanto del precedente Sindaco Alemanno e del Presidente Giacomini era e rimane solo quella di garantire la salute di tutti i cittadini nel rispetto dell’art. 32 della nostra Costituzione, la cui osservanza spetta ovviamente anche e soprattutto alla regione Lazio da cui dipende l’ARSIAL .
    Almeno io non ne posso più della sistematica demonizzazione dell’avversario politico di turno, che è diventata un autentico cancro che mina ogni confronto democratico e che fa passare del tutto in secondo piano la necessità di pensare invece prima di tutto a portare il proprio contributo di parte “politica” per aiutare i cittadini specie nei casi di necessità ed urgenza, preoccupandosi dell’immediato domani e non guardando più al passato solo per sfruttarlo esclusivamente per far vedere strumentalmente che la colpa non è mai la tua!

  5. Quali dubbi ha sig. Leli?
    Una ricerca su Internet le fornirebbe molte risposte

    Senza contare che Forza Italia ha un rappresentante in Municipio.
    Lo hanno votato. E sia lui a rappresentare le istanze.

  6. No professore sbaglia, in municipio non c’è nessun consigliere Forza Italia e nessuno è stato votato, quella lista neanche esisteva alle elezioni.

  7. Intervengo per tranquillizzare il Sig. Leli, poiché probabilmente non è stato informato del fatto che, questa mattina, Il Consiglio Munipale, all’unanimità , ha votato un documento che contribuirà a far chiarezza sulla vicenda acqua inquinata! Già da domani o dopodomani al massimo, potrà scaricare l’ordine del giorno dal sito del Municipio! Nella stessa giornata il Presidente Torquati ha risposto alla Question Time presentata dalla Consigliera ZOTTA ( M 5 Stelle )! Giuseppe Calendino Fratelli d’Italia

  8. Ma il presidente ha risposto solo all’interrogazione della consigliera Zotta ? E quella della consigliera Casasanta ?

  9. Condivido pienamente le considerazioni del Sig.Bosi, non se ne puo’ proprio piu’ dello sciacallaggio e non soltanto politico presente in ogni contesto. Si sta perdendo qualsiasi forma di condivisione anche e soprattutto nell’emergenza pochissimi sembrano essere autenticamente disponibili ad agire nell’interesse collettivo. E’ veramente il momento di chiedere alla politica di cambiare verso e riprendere ad agire al servizio dei cittadini.

  10. @ Bosi, se va a rivedere tutti i post e tutto ciò che ha fatto Torquato (quello della Roma oppressa dal sottoMarino e non della Gerusalemme liberata), prima di essere eletto presidente, troverà proprio quella ” sistematica demonizzazione dell’avversario politico di turno, che è diventata un autentico cancro che mina ogni confronto democratico ” di cui lei parla solo adesso e non quando il suddetto l’applicava sistematicamente… Ma quella voi radical chic sinistroidi la chiamate lotta politica, come se solo voi potete farla.
    E’ bello per tutti ogni tanto fare “il costituzionalista e super partes” … anche per lei..
    E l’ultima frase del suo post si adatta benissimo al suo Presidente attuale che dovrebbe ” aiutare i cittadini specie nei casi di necessità ed urgenza, preoccupandosi dell’immediato domani e non guardando più al passato solo per sfruttarlo esclusivamente per far vedere strumentalmente che la colpa non è mai la tua!” . GLIELO DICA LEI.

  11. Signor Leli, se stamani fosse stato presente al consiglio municipale, forse si sarebbe potuto risparmiare questo inutile comunicato, se ne è parlato ampiamente, forse anche troppo….
    Torquati, in campana, pur di avere visibilità alcuni e taluni direbbero tutto e il contrario di tutto.

  12. Sciacallaggio !!!
    Finalmente l’arch. Rodolfo Bosi toglie la maschera e dichiara con onestà la sua identità politica.
    A lei e Mosiello che invece è sempre stata correttamente e lealmente schierata in senso partitico, noi chiediamo, come abbiamo sempre fatto col Presidente Torquati che legittimamente governa questo municipio, di farla finita di bollare tutti coloro che fanno opposizione come “sciacalli”.
    Questa è mancanza di rispetto verso la dialettica democratica, evidenzia assenza di contenuti e mistificazione della realtà. Nessuno aveva accusato la sinistra romana di sciacallaggio politico negli anni della “amministrazione Alemanno” e ora si chiede legittimamente il rispetto del “principio di reciprocità”.
    Se Torquati e Marino sono capaci, governino la città e il XV Municipio, altrimenti il silenzio è l’unica possibilità per sfuggire lo sguardo dei cittadini.
    G.Mori
    Portavoce Assemblea Costituente Fratelli d’Italia Municipio XV

  13. @Nico Ferri, mi limito a farle presente che il mio commento riguardava indistintamente tutte le forze politiche ai diversi livelli istituzionali (nessuna esclusa) e che soltanto la sua fobia di vedere rosso dappertutto come i tori l’ha portato ad includermi del tutto impropriamente (con un plurale maiestatis) fra i “radical chic sinistroidi”.
    Preso dalla foga di replicarmi, forse non si è accorto che non ho attribuito “colpe” dirette nemmeno ad Alemanno e Giacomini e che Lei non ha fatto altro che dimostrare proprio quanto ho lamentato, accodandosi ai “suoi” politici nella demonizzazione a priori di tutti quelli che non stanno dalla sua stessa parte politica.

  14. @ Mori: mancanza di rispetto verso la dialettica democratica è anche apostrofare le persone storpiando i loro nomi , vedi Torquato e sottoMarino, o sibilando con sprezzante livore termini come sinistroidi, radical chic, lei che ne dice ?

  15. Giuseppe anche se prendi le distanze da me chiamandomi signore, io non lo faccio :). Nel comunicato c’è scritto oltre all’informazione dell’interrogazione, che non riusciamo ad essere ricevuti dal presidente Torquati. Sembrerà strano, ma dal suo insediamento non siamo mai stati da Torquati. Vogliamo risposte a quest’immobilismo imbarazzante e presentare il nostro programma territoriale. Giuseppe possiamo?

  16. @ VINCENZO LELI
    Tanto per sapere…: per chiedere un appuntamento, ha mai provato ad utilizzare i canali utilizzati dai normali cittadini? o ha proceduto sempre con comunicati e/o richieste fatte a voce a Torquati, quando se l’è trovato davanti di persona, mentre lui aveva da fare mille altre cose?
    A quanto so, il Presidente riceve regolarmente coloro che chiedono un appuntamento: al telefono della sua segreteria – i numeri sono sul sito del Municipio – risponde una signora molto gentile.

  17. @ Daniela, dato che mi ha chiamato in causa le rispondo io al posto di Mori : io sono un cittadino che , anche facendo errori (almeno per noi umani..), dice ciò che pensa nel rispetto altrui: se poi vengo apostrofato, mi comporto di conseguenza. Il suo caro presidente (il singolare è riferito al famoso poeta e alla sua opera), in diverse occasioni lo ha fatto e quindi non vedo perché non possa farlo io. Ma lei dimentica una cosa fondamentale, lui ha un ruolo ISTITUZIONALE, non può permettersi in diretta TV di dire a consiglieri eletti dal popolo ed ex assessori e consiglieri, deve avere un comportamento consono alla sua posizione, dato che si riveste tanto del ruolo…
    @ Bosi, come vede non sono il solo a pensarla così, e poi mi spiega perché lei e tanti altri commentatori non frequentate più questo blog da quando è stato eletto il nuovo presidente?? in un attimo avete risolto tutti i problemi di cui vi facevate tanto paladini quando c’era l’amministrazione di centrodestra?? vi è forse scoppiata la “pax romana” ?? ” va tutto bene madama la marchesa ” ?? complimenti !!!

  18. @Nico Ferri, non è anzitutto vero che non frequento più questo blog, che visito anche più volte al giorno, mentre è vero che non mi intrometto più di tanto nei commenti per i seguenti due motivi:
    – perché vi sono stati pubblicati negli ultimi mesi argomenti su cui non ho sentito il bisogno di fare commenti, di cui non si è finora accorto che sono da me sempre intesi come “informazione ulteriore” (come ho fatto puntualmente con l’ultimo commento) e soprattutto “scambio culturale di idee e di opinioni” e non di beceri quanto sterili battibecchi politici da salotto che non arricchiscono la mente e lo spirito di nessuno;
    – da diversi mesi curo personalmente il sito del Circolo Territoriale di Roma di VAS (www.vasroma.it), nato il 15 settembre scorso, ed il sito nazionale di VAS (www.vasonlus.it) rimodernato su entrambi i quali pubblico quotidianamente anche più di un articolo, per cui debbo a maggior ragione razionalizzare bene il mio tempo di lavoro e non perderlo in chiacchiere inutili anche con Lei.
    La lascio continuare a “divertirsi” con gli altri che non le sono politicamente “simpatici” e la prego quindi di smetterla di prendersela con il sottoscritto, anche perché – caso mai non lo sapesse – è conosciuto per uno che non ha mai fatto sconti a nessuno.
    Grazie in anticipo.

  19. @ Lelli …”Sembrerà strano, ma dal suo insediamento non siamo mai stati da Torquati….” forse sembra strano solo a lei…. per i 150.000 residenti del XX Municipio è normalissimo…c’è forse un “obbligo istituzionale” di incontrare qualsiasi cittadino del Municipio ??? Di solito, se c’è qualcosa da dire, si scrive…o no ????

  20. Nel Documento “QUALITA’ DELL’AMBIENTE URBANO-IX RAPPORTO-EDIZIONE 2013″ e in modo particolare nella parte titolata” PRESENZA NATURALE DI ARSENICO NELLE ACQUE SOTTERRANEE E POTABILI ITALIANE” si specifica che nella Provincia di Roma ci sono 21 Comuni che hanno acqua distribuita che supera il parametro di legge di 10yg/L per l’Arsenico. In base a questi dati il Presidente del XV Municipio volendo potrebbe comunicare ai residenti del suo Municipio quali sono questi comuni, quali gli acquedotti, quali i valori registrati e quali i pericoli reali per le persone. In questo modo ci sarebbe maggiore tranquillità da parte di tutti.
    Quanto alle polemiche su eventuali responsabilità non possiamo che concordare con l’Arch. Bosi; dal momento che i dati erano disponibili da anni è evidente che da parte degli amministratori di allora c’è stata una grave sottovalutazione del problema. Comitato RH:

  21. @Decio Meridio, la mia replica – anche se le è sembrata una excusatio non petita – è stata determinata però principalmente dal fatto di non poter permettere che gli altri lettori possano prendere per fondata l’insinuazione veramente maligna del sig. Nico Ferri, da cui mi sono voluto semplicemente difendere tutelando la mia dignità.

  22. @ Decio Meridio, ricorderà il divo Giulio quando affermava “A pensar male degli altri si fa peccato ma spesso ci si indovina”… quindi sono d’accordo con lei…

  23. Sembra di essere tornati in campagna elettorale quando I comunicati di Leli facevano dai 20 ai 30 commenti. Tutto ciò è curioso…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome