Home ATTUALITÀ Panolada anti-Lotito, e l’Olimpico si riempie di nuovo

Panolada anti-Lotito, e l’Olimpico si riempie di nuovo

lo.jpgQuasi da non crederci, domenica sera alle 20 e 45, fischio d’inizio di Lazio-Sassuolo, ci sarà il pienone sugli spalti dell’Olimpico. Motivo arcinoto, i laziali, cinquantamila e forse più, sventoleranno i kleenex dagli spalti così da manifestare contro la dirigenza-Lotito, che alla soglia dei dieci anni affronta l’ennesima spaccatura. Complice la vendita di Hernanes, ma anche la mancata campagna acquisti.

E non solo, anche il campionato da andamento lento della squadra, il divorzio da Vlado Petkovic e, buon ultima, la vicenda di quel Primavera che dicono abbia quarant’anni e passa.

Adesso Formello pare Villa Arzilla più di quanto non lo possa sembrare – secondo le proteste – per quegli over trentacinque che tengono comunque in piedi la baracca. Lotito pare un eterno incompreso, e viene da ragionare sul fatto che col doppio degli anni al potere neanche Berlusconi dall’altra parte della barricata sia riuscito a trovare tanti detrattori.

I “Lotito vattene” si sprecano da tempo immemore e adesso i tifosi gli stanno preparando pure la panolada, lo sventolio di fazzoletti importato dalla Liga che andrà in scena prima e forse durante il posticipo con i nerazzurri della Mapei.

Cervantes diceva che le ingiurie sono sempre grandi ragioni per coloro che non ne hanno, ma intanto riecco un’altra contestazione verso la dirigenza, e ormai se ne è perso il conto; e pure stavolta torna di moda il bartaliano “è tutto sbagliato, tutto da rifare”. Quasi un teorema assoluto per i laziali, che come nell’antica Roma usano il pollice verso per sentenziare il destino del loro patron.

Panolada? Si, che ci sia pure la contestazione. Ma resti signorile e senza eccessi. Magari, un giorno, si troverà pure un benedetto punto d’incontro.

Moremassi

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome