Home ATTUALITÀ Antoniozzi-Erbaggi-Mocci (NCD): “XV Municipio sommerso, Marino e Torquati che fanno?”

Antoniozzi-Erbaggi-Mocci (NCD): “XV Municipio sommerso, Marino e Torquati che fanno?”

Interi quartieri allagati, frane ovunque, trasporti bloccati su tutta Roma Nord e scoppia la polemica in quel di via Flaminia 872. “Nonostante la dichiarata emergenza maltempo, il piano di intervento del Sindaco Marino non è riuscito ad arginare una situazione che appare raccapricciante. Il nostro territorio è letteralmente sommerso!” dichiarano i consiglieri del Nuovo Centrodestra del XV Municipio XV Dario Antoniozzi, Stefano Erbagi e Giuseppe Mocci.

“Interi quartieri, come ad esempio Prima Porta, sono allagati; ci sono frane e smottamenti ovunque; il tutto arricchito da un sostanziale stallo dei trasporti. Ancora una volta, l’operato del Sindaco Marino si è rivelato inadeguato a rispondere alle esigenze dei cittadini della Capitale. Dopo l’ennesima e clamorosa ‘toppa’, sarebbe il caso che il Sindaco riconoscesse di non essere adatto a ricoprire il suo incarico”.

“Sulla scia di Marino, il Presidente del Municipio Torquati è rimasto immobile davanti a questa emergenza. Anche per lui la nostra valutazione è la stessa: chi non è in grado o non ha voglia di attivarsi per il territorio, è meglio che si metta da parte, lasciando la strada libera a chi, invece, ha tutto il desiderio di lavorare nel migliore dei modi per il bene dei cittadini”, concludono i tre Consiglieri NCD.

Visita la nostra pagina di Facebook

31 COMMENTI

  1. quante chiacchiere inutili…..
    prima diamo tutti una mano, poi discutiamo …ma per favore basta affermazioni che sul piano pratico in questo momento non servono a nulla.

  2. Marino non ho idea, ma Torquati è da stanotte alle 3 che sta per strada, cercando di fronteggiare l’emergenza.

    Cari Antoniozzi, Erbaggi e Mocci, dire che il Presidente del XV è “rimasto immobile” è una cattiveria gratuita e meschina, e tanto più ingiusta perchè rivolta contro chi dovreste aver imparato a conoscere: Torquati è quello che, un paio di anni fa, a Cesano spalava neve per davvero, per tentare di aiutare i suoi concittadini, mentre Alemanno venne solo per farsi fotografare con la pala in mano, ad emergenza conclusa!
    Antoniozzi, Erbaggi, Mocci, poichè è impossibile dire che “Torquati non ha voglia di attivarsi per il Municipio” senza essere coscienti di mentire, al posto vostro, umanamente, non riuscirei a guardarmi allo specchio per aver fatto uscire un comunicato tanto vile.

  3. @Fabio e Michele G. e chi vi ha detto che noi oggi stavamo a casa? io ho avuto il mio bel da fare per aiutare cittadini in difficoltà in zona giustiniana… voi??

  4. Non una parola di solidarietà ai concittadini in sofferenza nessun pensiero a chi sta patendo a Prima Porta. Non potevate aspettare domani per lanciare i vostri strali ? Beh egregi signori con questo vostro comunicato avete toccato il fondo della strumentalizzazione politica.

  5. caro stefano erbaggi, io sono bloccato in ufficio.
    ribadisco il concetto espresso. ci sarà tempo per discutere ed eventualmente delineare responsabilità e lacune.
    adesso ci si da una mano.
    comunicati come questi, indipendentemente da chi arrivano, in queste situazioni li troverò sempre e comunque fuoriluogo.
    e per inciso caro stefano erbaggi nessuno ha messo in dubbio che lei non stesse facendo nulla ( come invece lei si è premurato di domandare in maniera preconcetta); mi sono solo limitato a deplorare – mia opinione legittima – il momento, il buon gusto e l’opportunità di un comunicato del genere.

  6. Ma st’alluvione sara de destra o de sinistra , ma forse e’ de centro .

    A me me sembra sempre peggio e nvece da fa li professori sarebbe mejo che ve state zitti e fate quarcosa n’silenzio .
    Pe Torquati e tutta a giunta de li post nun ce frega gnente.
    De li post dell’opposizione nun ce frega gnente .
    Npo de rispetto pe quelli c’hanno subito li danni e penseno che li politicanti penseno prima no dopo a li danni che ce ponno sta .
    Nsomma pe falla breve preveni e’ mejo che cura’ .
    A n’urtima cosa ma che volevate fa a via concesio , na piazza? e che volete costrui n0’artra scola ? Dateve na regolata si v’e’ rimasto npo desale n’zucca.

  7. Come ex consigliere mi vergogno del comunicato dei miei ex colleghi….E’ possibile che anche una sciagura atmosferica venga strumentalizzata politicamente? Che Amarezza….

  8. Ai nostri politici di destra, sinistra, centro e di ieri, oggi e domani consiglierei un libricino delle Edizioni Paoline: “ELOGIO DEL SILENZIO”.
    Tacere è l’unico modo per fare una figura decente.

  9. Mi ricordo una certa opposizione di allora che mentre si lottava contro la neve (quella sì imprevedibile) sparava a zero su campidoglio e municipio…

    Adesso voglio proprio capire perché le idrovore sono partite in ritardo, chi rimborserà tutte quelle famiglie che hanno perso tutto…

    Marino?

    Ps qui no si strumentalizza un bel niente… Qui si tratta di un fenomeno piovoso molto forte che poteva e DOVEVA essere gestito meglio… Ancora una volta il Sindaco ha dimostrato la sua incapacità….

    @fabio hai ragione ma il mio commento era riferito all’utilità pratica di fare qualcosa… Cosa che personalmente, come membro dell’opposizione, stavo facendo oltre che provare ad informare di varie criticità uffici tecnico e assessore del Municipio.

  10. Qui si strumentalizza eccome !!! quando si dice: ” Ancora una volta il sindaco ha dimostrato la sua incapacità..”……. ………………………

    Tutti i cittadini vogliono sapere, perché le idrovore sono partite in ritardo…ma di certo, non c’era bisogno di pubblicare un comunicato stampa con toni inquisitori !

    Sono vicina alle persone che hanno perso beni materiali, forse tutti noi potremmo mobilitarci per fare una catena di Solidarietà.

  11. Ci sarà chi vuol per forza far passare la protesta legittima per strumentalizzazione e poi coglie l’occasione per togliersi qualche sassolino dalle scarpe… vero madame???

  12. … , l’operato del Sindaco Marino si è rivelato inadeguato a rispondere alle esigenze dei cittadini della Capitale”,
    oppure
    “Sulla scia di Marino, il Presidente del Municipio Torquati è rimasto immobile davanti a questa emergenza”…
    Sinceramente non capisco dove c’è polemica e strumentalizzazione in queste dichiarazioni. Non è altro che la realtà, purtroppo. Nessuno mette in dubbio l’operatività di Daniele Torquati di questa notte, di oggi e della nevicata di Febbraio 2012. Bene se impugna una pala o “stappa un tombino”, del resto come hanno fatto Consiglieri e cittadini di buona volontà. Onore a lui per queste iniziative. Il problema è un altro. Sia Marino che Torquati non hanno fatto l’importante lavoro di prevenzione che doveva essere fatto qualche giorno prima dell’alluvione. Tutto ciò era prevedibile ed era stato annunciato da giorni. Nulla è stato fatto in questi giorni da parte di chi ci governa e su di loro oggi ricadono le responsabilità. A me sinceramente interessa poco vedere un Sindaco o un Presidente che impugnano una pala se non hanno assolto prima il compito di prevenzione che rientra nelle loro responsabilità.
    Il problema è proprio questo, è inaccettabile che solo questa mattina è stata “costituita l’unità di crisi nei 15 municipi di Roma per monitorare l’intero territorio”. Questa mattina era troppo tardi per prevenire e i risultati stanno sotto gli occhi di tutti.
    Il sistema “ha fatto acqua da tutte le parti” e noi lo abbiamo segnalata proprio come fu fatto in passato nei nostri confronti dagli attuali governanti. Devo dire che in passato ha funzionato. Le critiche che ci furono fatte dalla sinistra di allora, la stessa che governa oggi, ci pungolarono al punto giusto che nella successiva nevicata di febbraio 2012 il sistema funzionò molto e molto meglio.

  13. Sinceramente se avessi trovato Erbaggi o Torquati davanti al mio garage allagato ad asciugare acqua mi sarei innervosita, non spetta a loro spalare neve ne idrovorare acqua, atti demagogici sui quali il web va a nozze con ironia. Quel che mi aspetto invece é che da domani mattina ci si preoccupi degli interventi che impediscano il ripetersi di quanto avvenuto. É ridicolo e poco serio che ogni anno ci si sorprenda.

  14. Egregio Mocci, mi stupisco che lei non capisca. La polemica e la strumentalizzazione è nel gioco delle parti, non mi scandalizzano. Quello che ho trovato disdicevole, inopportuno e cinico è che lei e i suoi colleghi non abbiate speso una sola parola nei riguardi dei concittadini sofferenti nel vostro comunicato con gli anatemi dato alla stampa, egregio Mocci nel momento più sbagliato. Lo sa come suona ? Suona così “Chissenefrega di quello sta succedendo, a me basta di avere l’opportunità di dare giù al sindaco e ai suoi” . Complimenti due volte: la prima per quanto sopra detto e la seconda per aver insistito lei e l’egregio Erbaggi nel sostenere le vostre tesi nei commenti precedenti a questo mio rivelando una sensibilità rasente allo zero e pari a quella di certuni vostri supporter che qui vi spalleggiano. Buona giornata, sperando che questa di oggi ci grazi.

  15. @Urbano sono io che mi stupisco delle sue dichiarazioni e del fatto che si va a cercare il “pelo nell’uovo” a tutti i costi per dire qualcosa. La solidarietà ai cittadini ognuno la fa a modo suo: c’è chi agisce privatamente, chi lo fa con azioni concrete e chi lo fa pubblicamente. Sinceramente quest’ultimo modo di dare solidarietà, che lei richiede insistentemente, poteva sembrare quello più strumentale ed è per questo che è stato scartato. Io sinceramente ho preferito essere solidale con i cittadini in modo privato e facendo qualcosa. Preferivo non dirlo ma a questo punto lo faccio. Ieri sera alle 22 ancora giravo nel Borgo di Cesano, dove sono crollati due muri, per verificare e monitorare la situazione. E di certo non ho scritto e non ho fatto scrivere a qualche amico che “ero con la pala in mano”. Ripeto non c’è nessuna strumentalizzazione nel dire che il sistema non ha funzionata e che non sono state prese le dovute precauzioni nei tempi necessari. Quando nel 2012 ho seguito direttamente l’emergenza neve, l’unità di crisi è stata costituita prima dell’evento, così come deve essere. Non è stato così in questi giorni, quindi qualcosa non ha funzionato ed i risultati li abbiamo visti tutti. Secondo lei, se certe osservazioni non le fa l’opposizione le sentiamo dalla maggioranza di governo??? Non credo! Tutto serve per cercare di migliorare il sistema per le future occasioni. Compreso il fatto che sono mesi che nelle commissioni solleviamo alcune questioni sulle strade presentando documenti e risoluzioni e che puntualmente ci vengono respinte. Però in compenso si fanno due Consigli di seguito per dare solidarietà al Ministro kyenge. O forse, come qualcuno sostiene, è meglio stare in silenzio rafforzando il fatto che tutto è andato liscio??? Non credo che è la cosa migliore. In ultime le dico che la dichiarazione: “Chissenefrega di quello sta succedendo, a me basta di avere l’opportunità di dare giù al sindaco e ai suoi”, mi sembra veramente strumentale e provocatoria che la restituisco al mittente.

  16. @ Alessandro, guardi che poco fa al Tg2 uno della Protezione Civile ha affermato che l’allerta massima al comune e ai municipi era stata mandata già da mercoledì e loro non hanno avvisano nessuno : la polemica nasce in questo, i vostri cari amministratori non hanno informato nessuno… Ora sentire tanta gente dire che si sente solidale, praticamente serve a poco, dopo che l’hanno detto se ne tornano tranquillamente ai fatti loro e si sono messi a posto con la coscienza, ma sinceramente mi sembra una grossa falsità tale comportamento.
    La sensibilità reclamata da Urbano deve essere chiesta a chi aveva il dovere di avvisare e non l’ha fatto, siamo seri… qui c’è gente che per insensibilità.menefreghismo,pressapochismo o inesperienza non ha fatto il proprio dovere… e poi accusano altri di fare caciara, questa la fanno loro per non essere attaccati e poter fare la parte delle vittime.
    Se poi come afferma il sig. Licata, le idrovore non sono partite perché c’è chi ruba i cavi di rame, allora un certo senso di colpa devono averlo anche quelli che difendono a prescindere extracomunitari e rom… (perché era sottinteso in quanto affermato,ma nessuno lo dice per nonessere tacciato di razzismo.).
    Le sciagure non hanno colore politico,ma dei colpevoli sicuramente… trovateli voi se non sono quelli che ho indicato,ma ricordate che la polemica l’ha iniziata il sindaco Marino con le sue affermazioni.

  17. ecco fatto abbiamo trovato i colpevoli, colpa dei rumeni e degli zingari se siamo ridotti così, che popolino piccolo piccolo!!!!

  18. La cosa grave è il sindaco, che anziché dire: “da domani per evitare ciò si farà questo questo e questo” ha dato la colpa alla “edilizia spontanea” mostrando poco rispetto per quei cittadini che è vero che hanno costruito sotto il livello della marana, abusivamente ecc, ma hanno condonato i loro abusi pagando il comune, hanno sempre pagato e pagano le tasse e non possono e non devono essere apostrofati come cittadini di serie b.

    Questa è la cosa su cui tutti devono fare polemica! Perché uno scivolone del genere non lo avrebbe fatto neanche l’ultimo dilettante allo sbaraglio!

    Ma i cittadini se ne ricorderanno…eccome!

  19. Questa dichiarazione di Marino è irresponsabile ed offensiva verso i cittadini che hanno ottenuto il condono e pagano tributi continuamente per un’urbanizzazione mai avvenuta fino in fondo. (il condono prevedeva anche il pagamento dei c.d. “oneri di urbanizzazione”)
    Ma è offensiva anche verso gli uffici del comune che sono responsabili della legittimità amministrativa di quegli atti. E qui potrebbe anche avere ragione, ma non certo nei tempi.
    E’ troppo facile scaricare le responsabilità delle tragedia, nel momento in cui essa si verifica, ai funzionari che si è controllato e scelto per decenni. E’ anche un po’ vile, permettetemelo questo.
    Vale poi la stessa interpretazione per Via Gradoli, Via Due Ponti, etc.
    Si faccia chiarezza in tempo di pace, non solo durante le tragedie e gli eventi di calamità naturale.
    Si faccia una commissione speciale che indaghi su tutto il fenomeno del rilascio delle sanatorie a Roma.
    Altrimenti … si deve fare solo silenzio.

    G.Mori
    Portavoce Assemblea Costituente Fratelli d’Italia XV Municipio

  20. @ Alessandro, io ho riportato solo ciò che ha riportato il sig. Licata, lei può non essere d’accordo ma non può denigrarlo… Io invece continuo ad accusare di inefficienza e pressapochismo l’amministrazione comunale che a settembre scorso si magnifica di aver raccolto,con sforzi immani, la somma di 3,5 milioni di euro per il piano straordinario di pulitura delle caditoie e dei tombini, cercando di preferire le periferie romane nell’attuazione del piano.. http://www.comune.roma.it/wps/portal/pcr?contentId=NEW498690&jp_pagecode=newsview.wp&ahew=contentId%3Ajp_pagecode .
    E meno male che hanno fatto questo piano straordinario per affrontare la stagione più piovosa (sempre che sia stato attuato veramente…) , altrimenti adesso al posto dei 7 colli c’erano 7 isolotti… quindi ringraziamo il sig. sindaco che critica gli abitanti di Labaro e Prima Porta…

  21. Scusate, abito a via Frassineto vicino il campo sportivo, viene parlato di abusivismo da parte del Sindaco, cosa che non è vera perchè le tasse le paghiamo e anche salate, qui nonostante allertati i vigili del fuoco avendo persone disabili non abbiamo visto luce, il presidente Torquati tempo fa è intervenuto a Buongiorno Regione sapeva della situazione delle idrovore che non funzionano, qui da noi a parte la protezione civile non si è visto nessun politico, abbandonati a noi stessi. E ancora fate scarica barile doveva essere fatta la bonifica cosa che nessuno si è preoccupato.

  22. Fermo che le parole sull’abusivismo hanno una loro ragione in una analisi generale e nella giusta lotta contro il folle consumo di suolo e cementificazione selvaggia, diventano inadeguate se dette in un contesto come quello di venerdì scorso in via Frassineto o a Prima Porta. I problemi vanno risolti, le responsabilità e l’eventuale dolo, identificate con scrupolo e rigore. Le eventuali sanzioni e risarcimenti decisi con giustizia. Non è vero, signora Serena, che nessun politico si sia fatto vivo. Le amministrazioni si sono mosse e stanno facendo il possibile per superare le emergenze. Anche le organizzazioni locali si sono coinvolte e accompagnano gli eventi cercando di collaborare nelle loro possibilità. Molto resta da fare e speriamo di trovare ascolto e risposte adeguate.

  23. @Mori su una cosa sola ha ragione: SI INDAGHI SUI CONDONI/SANATORIE.
    Ma deve essere la Procura!!
    @Torquati Non hai voluto ascoltare!! Casi di condoni “falsati” ti sono stati portati sulla scrivania….
    @Pira Domandi a Torquati perchè non procede contro i casi denunciati, ma faccia la cortesia di non accettare risposte vuote!
    Comunque sostegno totale per gli sfollati .

  24. Gentile Sereno dopo 6 giorni posso dire di aver preso la residenza a Via Frassineto tanto è che i cittadini di Via Carenno, Via Tiberina, Via Tenuta Piccirilli, Via Giovanni da Borgogna, mi hanno detto che sono stato sempre li è un po’ strano che lei non mi abbia visto. Chi dice che le idrovore non sono partite per il furto di rame non sa di cosa parla. Le idrovore sono in funzione sempre quando piove e anche in questo momento, il problema è che l’acqua alle idrovore non arriva e esce fuori prima di arrivarci. Il sistema è in sofferenza da prima e da anni, cosa che ho detto a Buongiorno Regione e sin dal mio insediamento. Il problema è che risolvere in sei mesi quello che non viene risolto in 22 anni è oggettivamente complicato.
    Gentile Maria, non so nesmmeno a cosa si riferisce, soprattutto perchè ad ogni sollecitazione di questo tipo scrivo lettere direttamente alla Procura della Repubblica. Parli apertamente e non taccia quello che non si può nè negare, nè confermare, grazie.
    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Presidente Municipio Roma XV
    daniele.torquati@comune.roma.it

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome