Home ATTUALITÀ La stazione Campi Sporchivi

La stazione Campi Sporchivi

stazione-campi-sportivi120.jpgTra le stazioni di Roma Nord, a prima vista e dall’esterno, sembrerebbe una delle meno sporche. Poi entrando, lo sporco lo si trova ovunque. Desolata e con le porte sbarrate, la stazione Campi Sportivi della linea Roma – Civitacastellana -Viterbo rivela tutto il suo abbandono. Di fatto è solo un dormitorio. I locali della stazione della Ferrovia Roma Nord si trovano a pochi passi dalla Moschea ideata dall’architetto Paolo Portoghesi e proprio di fronte ai moderni impianti dell’Acqua Aniene.

Ai binari si arriva attraverso una scala metallica in parte ricoperta da vegetazione e rovi. Ma ovviamente gli ascensori non funzionano, le plafoniere delle luci di emergenza sono sparite e i posti antincendio danneggiati: ci meraviglia vedere che i soliti vandali hanno avuto il buon cuore di lasciare al loro posto estintori e manichette antincendio.

I cestini dei rifiuti sono stati però svuotati e le buste di nailon sostituite segno che ogni tanto qualche mano pia viene a fare un minimo di pulizia.

Non così per quanto riguarda le scale metalliche e tutta l’area adiacente alla stazione dove tra la vegetazione c’è una vera e propria discarica.

Le scale metalliche consentono da Via della Moschea di raggiungere sia la stazione che i campi sportivi dell’Acqua Acetosa, proprio alle spalle della ferrovia.
Dalle “tracce” lasciate in giro è possibile ipotizzare che questo luogo, vuoi per la scarsa illuminazione che per l’assenza di controlli, venga spesso utilizzato come dormitorio.

Numerosi sono i materassi lasciati in giro, inzuppati dalla pioggia dopo un intenso acquazzone, ovviamente con il solito contorno di stracci e abiti.

Chi trascorre la notte in questi luoghi non si fa certo scrupolo di raccogliere i rifiuti che inevitabilmente finiscono ai piedi della scalinata formando una sorta di grande pattumiera.
Per arrivare ai treni devi scavalcare materassi e sporcizia ma a quanto pare per i pendolari oramai deve essere una abitudine.
Se le scale di accesso sono sporche l’area adiacente alla stazione è in condizioni assai peggiori; davanti al grande impianto sportivo c’è una piazzola adibita a parcheggio.

Qui si sosta ma si scarica anche: rifiuti, calcinacci, vecchi sanitari. Tutta la vegetazione disordinata cresciuta ai margini della stazione né è ricolma.

Certo, nel descrivere questo scempio non raccontiamo niente di nuovo; anche il drammatico contrasto tra moderni impianti e degrado non è una novità.

Resta però l’amaro in bocca perché a pochi passi dalla Stazione Campi Sportivi c’è una efficiente e a quanto pare sconosciuta “isola ecologica” gestita dall’AMA e frequentata dai suoi addetti. Possibile che non vedano quanto, a pochi passi, è sotto gli occhi di tutti?

Francesco Gargaglia

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome