Home ATTUALITÀ Municipi senza mafie, primo protocollo antimafia di Roma

Municipi senza mafie, primo protocollo antimafia di Roma

municipi-senza-mafie.jpgAppalti, corruzione, gioco d’azzardo, beni confiscati, istruzione. I Municipi di Roma si apprestano a compiere atti concreti contro la presenza e gli interessi della criminalità organizzata sul territorio. Lo fanno attraverso un impegno formale da parte dei loro presidenti che lunedì 18 novembre, presso la sede del Comune in via delle Vergini 18, firmeranno il protocollo “Municipi Senza Mafie” promosso dall’associazione antimafie daSud che presenterà i cinque punti del documento che corrispondono a impegni ben precisi.

“Già tante – sottolinea daSud – le adesioni e pervenute, mentre altre importanti si stanno aggiungendo in queste ore. Molti presidenti di municipio parteciperanno alla presentazione del protocollo: Giuseppe Gerace (II), Paolo Marchionne (III), Giammarco Palmieri (V), Susi Fantino (VII), Andrea Catarci (VIII), Andrea Santoro (XI), Daniele Torquati (XV). Saranno anche presenti Paolo Masini, assessore ai Lavori pubblici e alle periferie di Roma, Riccardo Magi presidente Commissione legalità al Comune di Roma, e Gianluca Peciola, capogruppo Sel al Campidoglio.”

“Municipi Senza Mafie” rappresenta una sperimentazione, un punto di partenza perché tutte le istituzioni, locali e nazionali, in stretta relazione con le realtà sociali e territoriali mettano in pratica e sperimentino azioni concrete di prevenzione e contrasto del radicamento mafioso.

“I Presidenti che firmeranno la carta d’intenti – spiega daSud – si impegnano formalmente a promuovere e avviare nei propri territori e con le proprie comunità alcune buone pratiche antimafia su temi strategici per il futuro della città: la gestione degli appalti pubblici, le strategie contro la corruzione, il contrasto al gioco d’azzardo, la valorizzazione dei beni confiscati, la formazione e la cultura.”

L’Associazione daSud nasce nel 2005 per contrastare la criminalità organizzata e promuovere buone pratiche pubbliche nella lotta alle mafie in tutto il Paese; Dal 2009 ha sede nel quartiere romano del Pigneto. Nel giugno 2013 ha presentato il dossier “Roma città di mafie” in cui denuncia con dati e nomi la presenza radicata dei clan nella Capitale.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome