Home ATTUALITÀ Flaminio, MAXXI eventi per mini visitatori

Flaminio, MAXXI eventi per mini visitatori

Chi non conosce quell’imponente struttura fatta di curve di cemento e nastri d’acciaio, grandi altezze, lunghe gallerie e scale sospese? Quei mille e mille mq di calcestruzzo, vetro e acciaio pensati e voluti dall’architetto e designer irachena Zaha Hadid, prima donna architetto a vincere il prestigioso Pritzker Architecture Prize, che sorgono dove non troppi anni fa imperavano gli ex padiglioni della Caserma Montello, al quartiere Flaminio?

Beh, per chi ancora non lo sapesse, quei 27mila mq dal 28 maggio 2010, costituiscono quello che è oramai conosciuto con il nome di MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo. Gestito da una Fondazione costituita nel luglio 2009 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e presieduta da Giovanna Melandri, il possente edificio ospita due musei: il MAXXI Architettura, diretto da Margherita Guccione, e il MAXXI Arte, diretto da Anna Mattirolo.

Entrambi ruotano attorno alla hall, attraverso la quale si accede ai servizi di accoglienza, alla caffetteria e alla libreria dedicata, ai laboratori didattici, all’auditorium e alle sale per eventi dal vivo e per convegni, alle gallerie dedicate alle esposizioni temporanee e alle collezioni di grafica e fotografia.

Ex studenti e tirocinanti, quasi tutti, se non proprio tutti, allievi del corso di Didattica del museo e del territorio della prof.ssa Branchesi a La Sapienza, esperti in Museologia e Storia dell’architettura, sono i ragazzi deputati all’incontro col pubblico alla scoperta delle arti contemporanee.

E proprio con l’esigenza di abbracciare e coinvolgere le richieste più disparate il Dipartimento Educazione ha pensato quest’anno a nuove proposte e nuovi approcci creativi ed interattivi in grado di catturare l’interesse di bambini, anche piccolissimi, ragazzi e adulti.

Nelle attività dedicate alle famiglie, genitori e figli lavorano insieme, condividendo l’esperienza creativa.

Attività del MAXXI per i più piccoli

E’ questo il caso del laboratorio intitolato “Nel MAXXI ho trovato un bosco” diretto ad un pubblico di giovanissimi nel vero senso della parola. Il laboratorio è infatti pensato per bimbi fino a 36 mesi ed ha lo scopo di avvicinare questi piccoli cultori dell’arte contemporanea stuzzicando la loro curiosità con esplorazioni dello spazio MAXXI create ad hoc.

I bambini si ritrovano infatti a percorrere lunghi corridoi e ampie stanze disseminati di indizi tattili, sonori e visivi, e a scoprire attraverso le opere di Giuseppe Penone, maestro dell’Arte povera, come la natura possa essere parte integrante e armonica anche di uno spazio artificiale quale quello del museo. Attraverso esercizi corporei e attività performative, avranno anche modo di scoprire l’architettura e i suoi materiali e realizzare un libro tattile con sagome di oggetti, animali e personaggi di fantasia.

Novità assoluta di quest’anno è il Baby-park rivolto a bambini dai 4 ai 10 anni.
Durante tutto l’anno, da ottobre 2013 a maggio 2014, dal lunedì al venerdì, i bambini potranno trascorrere i loro pomeriggi in attività educative e giocose volte a stimolare le loro capacità, creatività e un rapporto di familiarità con il museo.

maxxifoto1.jpg  maxxifoto2.jpg

In aule apposite a misura di bambino o sfruttando l’ampio spazio antistante il museo, i giovani visitatori potranno dare libero sfogo alla loro immaginazione e affiancati da due operatrici didattiche qualificate interpretare in modo diretto e personale le scelte tecniche di un artista, il significato di un’opera o semplicemente scoprire un materiale di cui non conoscono l’esistenza.

Altro laboratorio che riscuote numerose adesioni anche se già collaudato è il “Compleanno al MAXXI“. Per festeggiare il compleanno in modo speciale, il Dipartimento Educazione propone una visita esplorazione con cacce al tesoro, indizi fra opere d’arte e architettura e grandi puzzle da ricostruire in cui riconoscere spazi attraversati e oggetti osservati.

maxxifoto3.JPG  maxxifoto4.JPG

Così, mentre i piccoli sono presi nelle loro attività, i grandi possono acquistare una visita a costo ridotto alle mostre del MAXXI.
I bambini si ritrovano poi assieme ai genitori nel padiglione della piazza museale per spegnere le candeline.

Restano attive nel calendario MAXXI le visite guidate per le scuole, così come seminari e workshop per adulti e aziende che desiderano regalarsi un’esperienza formativa e trovare nell’arte e nell’architettura nuovi stimoli motivazionali e produttivi.

Chiara Maria Sole Bravi

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome