Home ATTUALITÀ Supercoppa, quattro gol della Juventus. Ma pure due accoltellati

Supercoppa, quattro gol della Juventus. Ma pure due accoltellati

supercoppa1.jpgPreceduta da due accoltellamenti avvenuti nelle vicinanze del Ponte della Musica nei confronti di tifosi bianconeri, dentro l’Olimpico romano finisce in gloria per la Juventus, che conquista la sua sesta Supercoppa italiana battendo la Lazio 4-0. Come spiegava Bartali pare “tutto da rifare” in casa-Lazio, tramortita dal poker calato da Pogba, Chiellini, Lichsteiner e Tevez. Ed è tutto da rifare pure per quel che concerne la sicurezza quando c’è di mezzo una partita di calcio.

Serata storta per quei due ventenni tifosi feriti alle gambe e portati d’urgenza al Policlinico Gemelli e pure per l’undici biancoceleste, quasi a dimostrare che lì, a centrocampo, a Petkovic serve meno sapienza e più cattiveria agonistica.

Perché Biglia resta troppo arretrato e Ledesma ed Hernanes si pestano i piedi, fermo restando che il profeta resta perfino abbindolato dalle movenze di Pirlo; e lì davanti Klose da solo diventa quasi inutile anche quando Candreva tenta di clonarsi per sorreggerlo.

Dannata serata, segnata per la strada dal sangue e in campo dall’infortunio di Marchisio, che invece di rivelarsi un guaio per la banda-Conte trasforma in apoteosi la serata bianconera.

Entra Pogba e diventa oro il primo pallone che tocca mentre ci accorgiamo che la Lazio sembra non essere in campo e a malapena annotiamo il sinistro di Radu che Buffon schiaffeggia pur senza bisogno alcuno.

Poi il secondo tempo e quei cinque minuti maledetti, dal 52′ al 57′. Troppo lenta la manovra dei biancocelesti, priva di verve e profondità, altro che quarta Supercoppa in bacheca.

Il modello-Lazio ha bisogno di essere nuovamente forgiato, serve aggiustare la rosa e per come stanno le cose adesso c’è la sensazione che per Petkovic sarebbe più facile risolvere il cubo di Rubik. Lo stesso arcano dovrà risolverlo chi è addetto alla salvaguardia dei cittadini. Politica e istituzioni si facciano avanti per trovare la soluzione.

Moremassi

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome