Home ATTUALITÀ SEL Cassia-Tomba di Nerone: “La decenza ha un limite, il PdL del...

SEL Cassia-Tomba di Nerone: “La decenza ha un limite, il PdL del XV lo ha superato da tempo”

“La decenza ha un limite che Giacomini & Co. hanno superato abbondantemente già da molto tempo, ma a questo punto è evidente che non sanno proprio più a cosa attaccarsi”. A scendere in campo con un focoso comunicato è il Circolo SEL Cassia – Tomba di Nerone nel quale si sostiene che “non è possibile spiegare in altro modo l’accanimento con cui emanano ridicoli comunicati secondo i quali qualunque cosa sarebbe indice della scarsa attenzione che la nuova maggioranza municipale sta ponendo nel reperimento dei fondi per i servizi sociali, che, grazie alla loro lungimiranza, sono invece rimasti privi di copertura finanziaria.”

“L’ultimo, almeno per ora, della serie, denuncia addirittura come la Giunta Torquati anziché spremersi le meningi h24 su come ovviare al grave problema che loro stessi ci hanno lasciato in eredità, ha perso tempo chiedendo ai servizi sociali di individuare cittadini del municipio in situazione di difficoltà cui devolvere i 7 biglietti giornalieri e i 2 abbonamenti mensili ricevuti in omaggio da Mondo Fitness.”

“Cogliamo l’occasione – continua la nota di SEL – per dare risalto al fatto che gli organizzatori di tale manifestazione, venuti a conoscenza dell’idea di devolvere i biglietti omaggio a persone e famiglie che più di altri ne avessero bisogno, hanno messo a disposizione del Municipio, oltre quelli già dati di cui sopra, altri 100 biglietti giornalieri e 7 abbonamenti mensili (per un totale di 109 biglietti e 9 abbonamenti), cosa per la quale, come cittadini, ci sentiamo in dovere di ringraziarli.
E ringrazieremmo anche Gianni Giacomini, Giuliano Pandolfi e compagnia cantando – prosegue ironicamente la nota – se in almeno uno di questa profusione di comunicati ci dicessero come negli anni passati sono stati utilizzati i biglietti omaggio di Mondofitness e di altre iniziative, sia regolari che abusive, svoltesi sul nostro territorio e, soprattutto, se si degnassero di farci sapere le ragioni per cui l’ex XX Municipio da loro amministrato (prima con Giacomini e poi con Gasperini) è stato l’unico in tutta Roma a prevedere copertura finanziaria per i servizi sociali solo fino al 30 giugno anziché fino a fine anno o fino ad autunno inoltrato.”

“E’ infine indice della loro scarsa capacità amministrativa la reiterata protesta rivolta ai fondi destinati alla pedonalizzazione dei Fori e all’Estate Romana: tali interventi rappresentano degli investimenti che nel medio periodo garantiranno un ritorno sia in termini economici che in miglioramento della vivibilità, materiale e culturale, dell’Urbe Eterna.
Oltre al fatto che l’azzeramento delle iniziative culturali, di cui Roma era ricca, adoperato nell’ultimo quinquennio non ha portato alcun beneficio né ai servizi sociali né ad altro, vorremmo ricordare loro che, in una delle sue primissime dichiarazioni da Sindaco di Roma, Alemanno indicò come intervento assolutamente prioritario lo spostamento della copertura dell’Ara Pacis (per tacere della Formula 1 all’EUR e della pista da sci ad Ostia). Quella copertura è ancora al suo posto, Alemanno e Giacomini no!  Forse – conclude la nota – qualche ragione ci sarà!”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome