Home ATTUALITÀ Saxa Rubra – Paese Sera, un giornale senza giornalisti?

Saxa Rubra – Paese Sera, un giornale senza giornalisti?

stampa.jpgA Saxa Rubra, in via Carlo Emery, sta per chiudere un quotidiano on-line, oltre che mensile cartaceo, che dopo aver fatto rinascere due anni fa una storica voce romana rischia di restare senza giornalisti. Lo si apprende da una nota della redazione di Nuovo Paese Sera dal titolo “Non spegnete un’altra voce” nella quale si spiega che mercoledì 31 luglio scadono i contratti dell’intera redazione e la proprietà, che da mesi è in trattativa con la società Parsitalia per la cessione delle quote societarie, ha minacciato di impedire dal primo agosto l’accesso ai giornalisti nella sede di via Carlo Emery 47.

“Da quattro mesi – si apprende dalla nota – i giornalisti non ricevono lo stipendio, così come i collaboratori che in alcuni casi vantano crediti da più di un anno. Nel corso di questo periodo l’azienda ha chiesto alla redazione continui sforzi per mantenere in vita il giornale proprio in vista della cessione delle quote e dell’ingresso di nuovo capitale. La redazione, non senza difficoltà, ha sempre cercato di venire incontro alle richieste della proprietà, comprendendo il delicato momento dell’editoria. Lo ha fatto anche per un legame professionale e affettivo con ‘Paese Sera’ che ha visto i giornalisti coinvolti fin dalla fase di start up, nel 2011, per il rilancio della storica testata romana.”

“Tuttavia – continua l’articolo – a pochi giorni dalla scadenza dei contratti, l’azienda ha deciso di far saltare in maniera unilaterale il tavolo di trattativa sindacale. Il pre-accordo tra i lavoratori e l’azienda, accettato a condizioni durissime dalla redazione, come nel caso delle ‘deroghe dei minimi’ salariali che permetteva il mantenimento dei posti di lavoro, è stato ulteriormente modificato al ribasso.”

“Si sta spegnendo così “la voce di Roma” – conclude la nota – che per oltre due anni attraverso un quotidiano on line e un mensile cartaceo ha provato a raccontare la vita sociale, culturale, economica e politica della Capitale, con i suoi protagonisti, associazioni, movimenti e cittadini. Un giornale che è sempre stato al fianco dei lavoratori sostenendo le loro lotte e i cui lavoratori, oggi, vedono calpestati la loro professionalità, i loro diritti e la loro dignità.”

Domani, 31 luglio, le lavoratrici e i lavoratori di ‘Paese Sera’ metteranno in atto una protesta nella sede del giornale, in via Carlo Emery 47, e invitano i lettori ad unirsi a loro.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome