Home ATTUALITÀ Calendino, Mori (FDI): “Nel XV Municipio dove sono andati fondi assistenza alloggiativa?”

Calendino, Mori (FDI): “Nel XV Municipio dove sono andati fondi assistenza alloggiativa?”

mori-calendino.jpg“Da molti giorni – comunicano in una nota Giuseppe Calendino e Giorgio Mori, del coordinamento Fratelli d’Italia in XV Municipio – abbiamo ricevuto segnalazioni di cittadini preoccupati  che ci riferiscono che non è stato loro erogato il contributo per “assistenza alloggiativa” ex delibera 163/98 e molti di loro si sono trovati di fronte alla possibilità di uno sfratto per morosità. Abbiamo allora approfondito la questione, scoprendo un  fatto molto grave.”

“Siamo infatti venuti a conoscenza che tale contributo era stato erogato regolarmente solo fino al 31 dicembre 2012, mentre successivamente a tale data ne è stata interrotta l’erogazione, ma questo solamente nel nostro Municipio e non invece in tutto il resto della città, in seguito ad una “mancanza di progetto di bilancio”.

“Questo fatto – sostengono Calendino e Mori – ha delle conseguenze gravissime sulle classi sociali più deboli a cui appartengono proprio coloro che avevano effettuato tali richieste contributive e che si erano affidati al Municipio per scelte tanto difficili come quelle di “come pagarsi l’unica abitazione possibile.
Considerato che chi aveva effettuato tale richiesta non aveva potuto attingere, in quanto ad essa alternativa, all’assistenza in emergenza abitativa fornita dall’U.P.A. del Comune, ci chiediamo come sia possibile che sia avvenuto questo, chi siano i responsabili per non aver prevenuto tale gravissimo disservizio, unico su tutta Roma, e cosa intenda fare l’attuale amministrazione per impedire il propagarsi delle conseguenze sui richiedenti.”

“Per queste ragioni – concludono – abbiamo protocollato, in data odierna, un’interrogazione urgente a risposta scritta al Presidente del XV Municipio, Daniele Torquati.”

Visita la nostra pagina di Facebook

11 COMMENTI

  1. È questo il motivo per cui l’ex giunta municipale è stata mandata a casa. La Consigliera ex delegata al Sociale si dovrebbe vergognare per questo e tante altre storie lasciate in eredità nel Sociale.

  2. …Calendino & Mori, non capisco se ce fate o ce siete… sapete benissimo come e (soprattutto) da chi venivano gestiti i fondi del “sociale” in XX Municipio…. se serve a scoperchiare il “vaso di Pandora” ben venga, ma se serve solo per fare un pò di demagogia, allora lasciate stare…. !!!!

  3. Sono diversi quelli che ieri erano maggioranza e oggi minoranza pur di stare sulla barca non si sentivano adesso sono resuscitati cercano di parlare senza inserire la spina.

  4. Hai ragione Monica adesso l’hanno eletta a vice presidente della commissione servizi sociale ed altro. Quanti personaggi hanno avuto il coraggio di ripresentarsi alle elezioni.

  5. Resta il fatto che certi personaggi (Giacomini e Casasanta) hanno ancora il coraggio di girare nel Municipio. E l’ex delegata al Sociale ha anche il coraggio in Consiglio di strillare, urlare, parlare fuori microfono…in altri Paesi si sarebbero dovuti nascondere!! Dimettetevi!!!

  6. Oggi ho ricevuto una chiamata da un cittadino che aspetta l’assegno per l’assistenza alloggiativa da Dicembre scorso pur avendo il diritto di percepire tale assistenza per questo anno più altri due. Gli avrei voluto rispondere che il Municipio è stato gestito da incompetenti perchè anche lui mi ha chiesto dove sono andati a finire questi soldi, ma gli ho detto semplicemente che stiamo lavorando per ripristinare un minimo di civiltà in un territorio dove non manca solo l’assistenza alloggiativa, ma complessivamente manca un milione e 305 mila euro per tutti servizi fondamentali alla persona (assistenza bambini disabili nelle scuole, assistenza disabili e anziani, centri diurni).
    Grazie della notizia, ma mentre non sapevamo del buco di un milione e 305 mila sapevamo da tempo che i fondi stanziati per l’assistenza alloggiativa sarebbero stati pari a zero per l’anno in corso, come abbiamo avuto modo più volte di far notare durante le sedute di commissione politiche sociali prima dell’approvazione del “grande” Piano Regolatore Sociale della passata amministrazione.

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Presidente Muncipio Roma XV
    danieletorquati@virgilio.it
    http://www.danieletorquati.it

  7. @ Egregio Presidente Torquati, ieri ha ricevuto una telefonata da un cittadino, speriamo che oggi riceva la telefonata dal Primo cittadino , che le comunica la copertura di quello stanziamento mancante di cui parla , invece di sperperare inutilmente i soldi in pedonalizzazioni che nessuno vuole e ha chiesto.
    In attesa di tale telefonata, le auguro buon lavoro.

  8. Sulla incompetenza della precedente amministrazione in tema di sociale preferisco non esprimermi, però debbo riconoscere, con lo spirito che spero sappia cogliere il Presidente Torquati, che oggi abbiamo fatto un bel passo in avanti, visto che chi ci governa adesso ha la sfera di cristallo e riesce a vedere nel futuro (molto anteriore …) dal passato. (molto trapassato … )
    Infatti il “grande PRS” era stato votato il 21 febbraio 2012 e quando ci siamo dovuti occupare della carenza di fondi per gli insegnanti A.E.C. era il 31 ottobre 2012.
    Ora, il fatto grave, a mio modesto parere, non è che manchino i soldi, laddove sappiamo che la crisi economica e i buchi di bilancio (che potremo rimpallarci all’infinito) hanno provocato danni in tutti i settori dell’amministrazione, ma che nessuno abbia pensato di spostare fondi per coprire questa mancanza, come peraltro si era fatto proprio per l’A.E.C.
    E non si dica che non era possibile, visto che lo hanno fatto in tutti, ma proprio tutti, gli altri municipi che hanno avuto la stessa carenza di fondi del nostro.
    La vere domande sull’assistenza alloggiativa sono queste:
    Che cosa ha fatto Clarissa Casasanta dal 1 gennaio 2013 al 4 marzo 2013 ?
    Che cosa ha fatto Dino Gasperini dal 4 Marzo 2013 al 10 giugno 2013 ?
    Che cosa ha fatto Daniele Torquati dal 10 giugno 2013 ad oggi ?
    Si tratta semplicemente di “responsabilitá politica”, niente altro.
    G.Mori
    Fratelli d’Italia XV

  9. Lo stesso è avvenuto nell’ex municipio XVII ( Prati ) le somme vengono erogate ” a discrezione ” del municipio. L’assurdo è che, se qualcuno ha perso il lavoro od altra fonte di reddito e salta anche una sola rata del canone di locazione, il contributo viene tempestivamente sospeso.Un servizio…veramente sociale !

  10. Quando é stato verificato, al momento del nostro comunicato, il xvii (oggi primo Le ricordo), il servizio era attivo, seppur grazie alla copertura interna del municipio tramite altri fondi. Inoltre non é cosí assurdo che il fondo non venga erogato in caso di perdita di lavoro e comunque mancato pagamento di un canone, in quanto la delibera 163 é funzionale proprio al pagamento del canone di locazione x un’emergenza alloggiativa (terremoto, sfratto, etc.) Mentre x tutto il resto c’é la delibera 154.
    Perché dovrebbe il municipio dare dei soldi a qualcuno che poi non ci paga quello per cui ha ricevuto i soldi, scusi….?
    Va bene lamentarsi di tutto, ma almeno facciamolo con un minimo di sale in zucca.
    G.Mori
    Fratelli d’Italia XV

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome