Home ATTUALITÀ Addio Mariangela, grande signora dello schermo e del palcoscenico

Addio Mariangela, grande signora dello schermo e del palcoscenico

mariangela-melato.jpgUn’enorme folla ha accolto il feretro di Mariangela Melato, giunto alle 15 di oggi nella Chiesa degli Artisti in Piazza del Popolo dopo la chiusura della camera ardente nel centro Antea, all’interno del Parco S.Maria della Pietà, sulla Trionfale, dove l’attrice, ricoverata da una ventina di giorni ed al termine di una lunga malattia, è deceduta all’alba di venerdì 11 gennaio a soli 71 anni.

In una chiesa affollatissima i suoi amici di sempre. Da Renzo Arbore, suo compagno nella vita per tanti anni, a Luciano De Crescenzo, da Maurisa Laurito a Lina Wertmuller, da Pippo Baudo a Walter Veltroni, da Gianni Letta a Giancarlo Giannini, da Gigi Proietti a Gianni Minà, solo per citarne alcuni, e Emma Bonino, che a nome di tutti ha ricordato l’attrice. Una donna straordinaria, riservata, bella, elegante, una grandissima attrice, una vera signora dello schermo e del palcoscenico.

Mariangela Melato ha recitato con i più grandi registi italiani: da Pupi Avati a Elio Petri, da Lina Wertmüller a Mario Monicelli. Indimenticabili alcuni suoi film come Mimì metallurgico ferito nell’onore e Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto, oltre ad alcune sue grandi rappresentazioni teatrali come quelle nell'”Orestea” di Eschilo diretta da Luca Ronconi e in “Filumena Marturano” a fianco di Massimo Ranieri.

Gli oltre cinquanta film a cui ha preso parte, quasi sempre nei panni di protagonista, le hanno reso otto David di Donatello, cinque Nastri d’Argento ed il titolo di “Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana” riconosciutole del 2003 da parte dell’allora Capo di Stato Carlo Azeglio Ciampi.

Una grande donna, una grande, grandissima attrice, affascinante, bella, dai tratti particolari e dalla voce inconfondibile, dagli occhi ammalianti. Sarà difficile, impossibile dimenticarla. Ciao Mariangela. (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome