Home ATTUALITÀ L’editoria on-line chiede rispetto e tutela

    L’editoria on-line chiede rispetto e tutela

    Marcel Vulpis, presidente di AIGOL, Associazione Italiana Giornali Online, dichiara che “Lunedì l’aula del senato tornerà a occuparsi del DDL su cui la settimana scorsa non si è raggiunto un accordo, l’ormai famoso “Salva Sallusti” che non è altro che l’ennesimo tentativo di censura dell’attività giornalistica. Come per il DDL intercettazioni, la posizione di AIGOL è chiara anche nei confronti del DDL in discussione, una norma inutile e troppo rigida in una materia estremamente sensibile come la libertà di parola”.

    “Esistono già nel nostro paese – continua Marcel Vulpis – organi competenti destinati a difendere e punire i giornalisti, facciamoli lavorare. Noi in quanto editori non troviamo corretto e sensato aumentare la confusione della regolamentazione con norme solamente punitive, noi non siamo per il carcere ai giornalisti colpevoli di diffamazione e nemmeno a multe “astronomiche” che punirebbero solo noi editori on-line.”

    “Sempre al fianco della libertà di parola, della dignità dei giornalisti e di una modernizzazione del nostro paese (sempre in prima fila a richiedere il trattamento paritario anche in campo di contributi all’editoria) AIGOL chiede ai signori del palazzo di pensarci prima di punire i giornalisti e i loro editori, ma anzi aiutarli fornendoli dei mezzi necessari per continuare a lavorare in un sistema paese già estremamente colpito dalla crisi e portare l’Italia finalmente alla pari di altri paesi civili, dove l’editoria on line – conclude Vulpis – non è inascoltata ma considerata e aiutata.”

    Visita la nostra pagina di Facebook

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome