Home AMBIENTE Grottarossa – Pica (SEL): Parco della Pace, tutti lo amano pochi lo...

Grottarossa – Pica (SEL): Parco della Pace, tutti lo amano pochi lo difendono

“SEL del XX Municipio, il consigliere Alessandro Pica e la consigliera capitolina Gemma Azuni ringraziano i 1500 cittadini che hanno firmato la petizione per la riqualificazione del Parco della Pace di via Grottarossa che faceva seguito alle due risoluzioni proposte dallo stesso Pica e votate all’unanimità dal Consiglio del XX Municipio. Ma nonostante la petizione e i numerosi incontri con l’assessore all’ambiente del Comune di Roma Marco Visconti e le interrogazioni al sindaco da parte di Gemma Azuni” come risultato si è ottenuto “solo la potatura dei rami.”

A denunciarlo in una nota è Alessandro Pica, consigliere SEL nel XX Municipio. Nel documento si sottolinea il fatto che “i consiglieri Pica e Azuni ritengono irrispettoso e grave il comportamento sia di Visconti che del presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini, al quale non interessa in alcun modo dare ai suoi cittadini un parco dove i bambini possano giocare in allegria e sicurezza.”

“In due anni – sostiene Pica – il presidente Giacomini non ha mai manifestato interesse con l’assessore Visconti per una soluzione del problema a differenza di quanto fatto per altri parchi del municipio. Non siamo più disposti ad aspettare e a farci prendere in giro e pertanto la consigliera Azuni chiederà le dimissioni dell’assessore Visconti.”

Ma non basta. Pica ed il suo partito non intendono abbandonare la battaglia per la riqualificazione del Parco della Pace e pertanto, come si apprende dalla nota,  “invitano tutti i cittadini interessati a recarsi lunedì 8 ottobre in via Flaminia 872 alle ore 09. 30, all’apertura del Consiglio del XX Municipio, per chiedere a gran voce un parco a misura di bambino”.

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. “tutti lo amano,pochi lo difendono, due fomentano…” ai due consiglieri “consiglierei” di recarsi di persona al parco di sabato,ma soprattutto di domenica, a spiegare ai gruppi di extracomunitari (ecuadoregni,filippini, cingalesi,ecc. ) che i barbecue o i picnic sono vietati dalle leggi comunali , o , anche chiudendo entrambi gli occhi, che almeno ripulissero le aree occupate, invece di lasciare di tutto sul prato. Anche questo va verso la piena integrazione con la popolazione locale : spiegare cosa in Italia si può fare e cosa no, ed è sicuramente più facile farlo per chi,come i due consiglieri, li vuole accogliere incondizionatamente. Chiedere di manifestare durante il consiglio municipale è folclore politico, ma non tolgono i bivacchi domenicali.

  2. Che senso ha chiedere le dimissioni di un assessore, se la scadenza del suo mandato è ormai prossima?
    Concordo con Nico: anche questo è solo “folclore politico”…

  3. Rispondo, perché il signor Nico denuncia un comportamento sbagliato e maleducato , che non conosce nazionalità, potrei fare un elenco di comportamenti irrispettosi commessi da molti altri cittadini,ma non voglio polemizzare, il signor Nico credo che ignori completamente il contenuto sia delle risoluzioni che della petizione,le quali contengono anche le problematiche da lui denunciate. Io vivo il parco tutti i giorni abitando di fronte e a ho una figlia piccola che ci gioca tutti i giorni. Se il signor Nico e’ soddisfatto di come questa amministrazione gestisce l’ unico spaZio pubblico del quartiere, dove non c’e un’altalena, uno scivolo, dove la pista d pattinaggio e’ in stato di abbandono, queste sono solo alcune delle criticita’ , quindi invito il signor Nico di rivolgere le sue denunce a chi non si interessa del problema e no a chi lavora per risolverlo, perché ricordo al signor Nico , che il municipio e’ governato dal PDl e dal presidente Giacomini che in 9 anni 4 da presidente e 5 da assessore non ha fatto nulla per migliorare lo stato delle cose. Per concludere sull’invito di partecipare al consiglio e’ per he i cittdini possono intervenire e denunciare le loro problematiche, invito anche il signor Nico a partecipare, perché la partecipazione e’ un ottima arma per far si che la politica si muovi

  4. Egregio consigliere Pica, lei sa bene che con le polemiche si risolve poco, e sa altresì bene,dato che mi sembra sia un tutore dell’ordine, che la prima cosa del vivere civile è il rispetto della legalità , quindi non ne faccia una questione politica tra maggioranza e opposizione, a cavalcare la protesta siamo tutti bravi. Anch’io come lei sono un fruitore del parco e vedo come ognuno ha poca cura di esso, le panchine e i giochi superstiti non si sono rotti da soli , spesso sono gli stessi nostri bambini , diciamo troppo esuberanti , a vandalizzarli e sporcarli. Chi dice il contrario vuol dire che quel parco non lo vive come il sottoscritto. Se ci abita di fronte, avrà visto cosa accade ogni domenica, perchè non interviene o chiama i colleghi della municipale?? ogni volta che chiamo io, mi dicono che interverranno,ma quando?? ma se li chiama un consigliere,per di più poliziotto, penso sia più efficace del mio intervento. Può fare più un intervento pratico per il rispetto della civiltà, che il folclore politico, che rende poco…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome