Home ATTUALITÀ Settembre, tempo del ritorno all’aia del Parco Capoprati

Settembre, tempo del ritorno all’aia del Parco Capoprati

Con la vendemmia si torna al lavoro dopo il riposo agostano. Anche i suonatori e i danzatori della tradizione orale del Centro e Sud Italia ritornano dalle terre d’origine alle abituali occupazioni. Per festeggiare il ritorno, il 14 settembre, a partire dalle 22, presso “L’ Aia di Parco Capoprati”di Legambiente ci si ritrova lungo le sponde del Tevere per continuare li soni a ballu delle vacanze estive.

Ad aprire la serata, ospiti d’eccezione, saranno gli Scialaria che con le loro musiche e i loro canti racconteranno la poetica delle tradizioni calabresi.Gli Scialaria sono Gianni Cariati, chitarra-violino-mandolino-voce; Valerio Rodelli, organetto; Enrico Gallo alle percussioni ed Alessandro Sessa, voce e chitarra.

Dopo il viaggio nella poesia dei suoni di Calabria, tutti i suonatori presenti alla festa potranno unirsi per una grande jam session popolare, per il consueto scambio di suoni e tradizioni. Organetti, tamburelli, zampogne, chitarre battenti, lire calabresi condurranno per mano nelle Terre del Centro e del Sud per ballare pizzica, tammurriate, tarantelle calabresi, montemaranese, saltarelli, tarantelle del Gargano, la divertente Quadriglia e altro ancora.

“Chi ha uno strumento – dicono gli organizzatori – lo porti; gli altri, portino la loro allegria e la voglia di ballare e stare insieme.”

Per la partecipazione alla festa è richiesto un contributo di 6 euro a sostegno di Parco Capoprati. Sarà inoltre attivo il bar con vino, altre bevande e piatti freddi. Apertura festa per la cena ore 20,30. Per info: www.legambientecapoprati.org

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome