Home ATTUALITÀ Pica (SEL): festa Befana del XX Municipio, si buttano soldi e non...

Pica (SEL): festa Befana del XX Municipio, si buttano soldi e non si danno risposte

Alessandro Pica, capogruppo SEL e presidente della commissione trasparenza del XX Municipio, in una nota dichiara di essere “completamente insoddisfatto della risposta del Presidente Giacomini alla question time riguardo la Festa dell’Epifania organizzata dal XX Municipio. Mi sono fatto carico in commissione trasparenza, anche su sollecitazione del gruppo del PD, di chiedere tutta la documentazione dalla quale abbiamo appreso che la manifestazione era intitolata Educazione alla raccolta differenziata.”

La festa alla quale si riferisce il consigliere Pica si è tenuta lo scorso 6 gennaio all’interno della nuova location del Gran Teatro a Saxa Rubra con l’impiego, per l’intera giornata, di animatori, clown, giocolieri e burattinai (leggi qui). Ed in effetti, averla definita una giornata di educazione alla raccolta differenziata pare un po’ strano.

E’ questa l’opinione del presidente della commissione trasparenza, che nella nota sostiene infatti che “tale manifestazione però sembra veramente poco inerente alla raccolta differenziata”.

Ma Pica si è posto anche il problema economico. Aggiunge infatti di aver chiesto “al Presidente Giacomini come mai in un momento di crisi come questo il XX Municipio nella persona del Presidente abbia deciso di sperperare una tale somma per evidenti scopi elettorali. Ma nella seduta scorsa il Presidente ha eluso le domande lasciandomi allibito, anche se più interdetti – conclude Pica – dovrebbero essere tutti i cittadini del nostro territorio che assistono allo spreco dei propri soldi in un modo indegno.”

Visita la nostra pagina di Facebook

7 COMMENTI

  1. Anche a me piacerebbe sapere quale inerenza abbia l’ “educazione alla raccolta differenziata” con l’Epifania!
    L’unico legame plausibile è che, forse, l’iniziativa tenutasi il 6 gennaio al Gran Teatro è davvero l’ennesima testimonianza di un’Amministrazione spazzatura….

  2. Sull’incongruenza tra il nome della manifestazione e l’evento siamo tutti d’accordo, sul resto proprio no. Nonostante sia un’elettrice di sinistra da quando ho diritto di voto, ho veramente apprezzato quella festa. Perché? Bè credo che i soldi pubblici spesi per l’infanzia siano quelli meglio destinati, i bambini sono il nostro futuro e Roma, in particolar modo il XX municipio, sembra non occuparsene mai. Ho una bimba di 2 anni e il nostro quartiere, in particolare l’area san godenzo-tomba di nerone, dove abitiamo, non è affatto a misura di bambino ma solo di macchine, macchine, macchine cani, che credo siano più tutelati dei nostri piccoli. Mai un’iniziativa per i bambini, spazi totalmente inadeguati, come il giardinetto di san godenzo: piccolo, sporco, pieno di ragazzini medio borghesi con la puzza sotto il naso che si fanno le canne ad ogni ora, nella totale indifferenza di tutti. Non esiste uno spazio di aggregazione, che so, una piazza, un bar aperto anche la sera per fare una passeggiata estiva. Allora, in questo quadro, ben venga un’iniziativa del genere Befana, se ne dovrebbero fare molte di più: ad esempio, a Carnevale dove portiamo i nostri bimbi?. Fare risparmi pubblici non significa tagliare con l’accetta. Piuttosto chiederei al Consigliere Pica che senso abbia avere una specifica Commissione trasparenza per un solo Municipio, non se ne potrebbe creare una unificata per il Comune? E ancora: in nome della trasparenza, dove sono pubblicati i compensi suoi e dei suoi colleghi? Prende un gettone/indennità ulteriore per presiedere questa commissione inutile?

  3. Cara Silvia, condivido l’opportunità di promuovere iniziative – gratuite – per l’infanzia, ma assolutamente NON posso condividere (e tantomeno giustificare) che si spendano soldi sotto “mentite spoglie” e cioè “inventarsi” fantomatici prorgetti per l’ambiente (per poi non realizzarli) SOLO per reperire fondi per farsi feste personali (belle o brutte che siano). Conviene con me??

  4. Cara Silvia, l’aver distratto denaro destinato ad un’altra -e ben più utile, in un periodo in cui Roma ha il problema di individuare una nuova discarica – iniziativa, soltanto per distribuire le calze ai bambini e farli così svagare per un solo giorno, non mi pare cosa da poco. Il fatto che il XX Municipio necessiti di spazi di aggregazione e luoghi in cui far giocare i bambini è un problema diverso da quello evidenziato dal cons. Pica, che ha segnalato la tracotanza del Governo del Municipio che, nonostante la destinazione dei soldi pubblici a certe finalità, ne ha fatto un uso diverso e discutibile (soprattutto in considerazione della pessima congiuntura economica che sta attraversando il Paese).
    Esiste già una Commissione Trasparenza in Campidoglio ed una in ogni Municipio. Chè poi… se, in ipotesi, nei singoli Municipi mancasse, una Commissione Trasparenza sarebbe opportuno crearla ad hoc solo per il XX: a quanto pare, c’è materiale in abbondanza. Appunto, però, una Commissione Trasparenza il Municipio XX ce l’ha ed il cons. Pica fa bene a sollevare le questioni. Se poi fosse anche un po’ più concludente…sarebbe meglio.

  5. 40000,00 euro distratti da due progetti sulla raccolta differenziata per distribuire calze ai bimbi insieme a clown e giocolieri !
    Presidente Giacomini ha superato i limiti della decenza!
    Cons Pica e consiglieri di buona volontà e con un briciolo di dignità chiedete l’intervento della Corte dei Conti e della Procura della Repubblica!
    Non dormite!

  6. Sono pienamente d’accordo sulla necessità di condannare ogni forma di distrazione di denaro pubblico, così come ritengo che il tema della raccolta differenziata sia quanto mai dirimente. Il mio commento era solo un invito a non dimenticare l’importanza dei bambini e delle iniziative loro rivolte, sottolineando che i soldi spesi per valorizzare l’infanzia, inclusa la distribuzione di calze, il gioco, i momenti ludici con clown e giocolieri, non possono essere stigmatizzati come “spreco di denaro pubblico”, semmai bisognerebbe lottare per incrementare quei fondi, non per tagliarli. Peraltro, al di là del caso di specie, non dimentichiamo che anche l’educazione ambientale rivolta ai nostri piccoli è la base per una gestione del ciclo di vita dei prodotti e quindi dei rifiuti più efficiente ed eco-compatibile.

  7. … In tema di “feste”, tanto in voga oggi…. qualcuno può dirci come si è conclusa la vicenda….. (anche se non era in tema “Roma antica….) ???

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome